Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 30 di 108
  • livello intermedio
Indice lezioni

Pennello Correttivo

Lo strumento Pennello Correttivo di Photoshop, sia nella sua declinazione classica che nella modalità automatizzata, per modifiche veloci dei livelli.
Lo strumento Pennello Correttivo di Photoshop, sia nella sua declinazione classica che nella modalità automatizzata, per modifiche veloci dei livelli.
Link copiato negli appunti

Dopo aver visto le funzionalità del Timbro Clone, il percorso sul ritocco di base in Photoshop passa a uno strumento molto affine, ma per certi versi più comodo: il Pennello Correttivo. Grazie a questo tool, risulterà molto semplice modificare delle porzioni di uno scatto, eliminando parti non gradite o, ancora, spostando degli elementi all'interno dello stesso livello.

Photoshop presenta due declinazioni di questo strumento: il Pennello Correttivo classico, dal funzionamento abbastanza analogo al Timbro Clone, e il Pannello Correttivo Al Volo, quest'ultimo di più recente introduzione e completamente automatizzato. Per questa lezione si è fatto ricorso a Photoshop CC 2017, ma gran parte delle procedure vale anche per le edizioni precedenti del software Adobe.

Pennello Correttivo

Il Pennello Correttivo, in modo del tutto analogo al Timbro Clone, permette di sfruttare un'area sorgente per modificarne un'altra vicina, anche contigua. A differenza del timbro, tuttavia, garantisce anche la copia di luci e trasparenze, nonché degli effetti già applicati sul livello, per un risultato più omogeneo. Il tool si trova nella palette degli Strumenti ed è rappresentato da un'icona a cerotto, come mostrato in Figura 1.

Figura 1. Strumento Pennello Correttivo (click per ingrandire)

Strumento Pennello Correttivo

Il primo passo è quello di definire l'area sorgente, che servirà allo strumento per copiare e coprire la zona che si desidera modificare. Per farlo, è sufficiente cliccare sul punto di proprio interesse, mantenendo premuto il tasto ALT fino all'apparizione di un cursore a mirino, come illustrato in Figura 2.

Figura 2. Area sorgente (click per ingrandire)

Area sorgente

A scopo d'esempio si ipotizzi di voler eliminare, nell'immagine proposta, l'ombra del bicchiere proiettata sulla sabbia: sarà sufficiente trascinare il mouse sopra l'area in questione, mantenendo premuto, per vederne la modifica in tempo reale. Il risultato è mostrato in Figura 3.

Figura 3. Eliminazione ombra (click per ingrandire)

Eliminazione ombra

Naturalmente, il pennello prevede delle opzioni aggiuntive, per rendere la modifica ancora più gratificante: dalla barra superiore delle Opzioni, infatti, si potrà scegliere il grado di opacità della modifica, optare per il campionamento del layer principale oppure per l'uso di un pattern, definire le modalità di allineamento e quale livello impiegare come sorgente.

Pannello Correttivo al Volo

Il Pannello Correttivo al Volo rappresenta un'evoluzione particolarmente interessante, nonché estremamente comoda, dello strumento classico. Il suo funzionamento, infatti, è completamente automatizzato: non è necessario stabilire un'area sorgente, Photoshop modificherà in modo autonomo l'immagine in base al contesto. Per questo motivo, il tool può ritornare utile non solo sulle grandi dimensioni, ma anche per scatti particolarmente complessi, con evidenti stacchi di colore, soggetti dai profili irregolari, aree sfocate e molto altro ancora. Il pennello si trova sempre sulla palette degli Strumenti ed è identificato dalla medesima icona a cerotto, questa volta completata da una linea tratteggiata, così come evidente in Figura 4.

Figura 4. Pannello Correttivo al Volo (click per ingrandire)

Pannello Correttivo al Volo

Per aiutare a comprendere il funzionamento del Pennello Correttivo al Volo, si procederà con un esempio intermedio. Si ipotizzi di voler eliminare solo una porzione del bicchiere già modificato in precedenza, quale lo stelo. Dopo aver selezionato lo strumento, sarà sufficiente passare sulla zona prescelta il mouse, mantenendo premuto, e coprire la parte da modificare. Durante la procedura, apparirà un tracciato nero e semitrasparente, tale da lasciare intravedere il livello sottostante. Al rilascio del mouse, Photoshop esaminerà l'area e provvederà autonomamente alla correzione, come riportato in Figura 5.

Figura 5. Esempio intermedio (click per ingrandire)

Esempio intermedio

Ovviamente, l'esempio in questione ha solo un fine illustrativo, poiché di norma è meglio agire su intere figure e porzioni contigue, per lavorare velocemente e ottenere modifiche quanto più possibile istantanee. In Figura 6, ad esempio, il risultato dell'eliminazione dell'intero bicchiere, con un singolo passaggio.

Figura 6. Esempio completo (click per ingrandire)

Esempio completo

Come la gran parte dei pennelli, anche questo strumento prevede la possibilità di regolare la dimensione e la qualità del tratto, per intervenire con più agilità su aree più o meno grandi, a seconda delle esigenze. Basta cliccare con il tasto destro sul livello, come mostrato in Figura 7, quindi regolare slider e impostazioni a piacere. Allo stesso modo, il Pennello Correttivo al Volo presenta le medesime feature di quello classico nella barra delle Opzioni, già spiegate nel precedente paragrafo.

Figura 7. Regolazione del pennello (click per ingrandire)

Regolazione del pennello

Credit immagine:
Cocktail -
Pixabay


Ti consigliamo anche