Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 69 di 102
  • livello intermedio
Indice lezioni

Installare WordPress con WP-CLI in locale

Analizziamo le procedure che consentono di scaricare e installare localmente l'ultima versione stabile di WordPress da linea di comando con WP-CLI.
Analizziamo le procedure che consentono di scaricare e installare localmente l'ultima versione stabile di WordPress da linea di comando con WP-CLI.
Link copiato negli appunti

Chi è abituato ad operare con il terminale non avrà difficoltà ad apprendere la sintassi dei comandi di WP-CLI. Questi iniziano sempre con wp, seguito da un comando, un sottocomando e dei parametri. Nel precedente capitolo sono stati descritti alcuni comandi come quelli necessari all'installazione di WP-CLI e di WordPress. Da questo capitolo in avanti si forniranno esempi concreti che potranno essere copiati e incollati per le proprie postazioni di lavoro. L'ambiente di prova è stato fornito dal pacchetto MAMP per Mac OS-X.

Si partirà con una nuova istallazione di WordPress e si fa rinvio al capitolo precedente per l'installazione di WP-CLI. Quelli che seguono, sono i comandi che permettono di scaricare e installare l'ultima versione stabile di WordPress:

wp core download --path=htmlit
cd htmlit
wp core config --dbname=nome --dbuser=utente --dbpass=password --dbhost=127.0.0.1 --dbprefix=nowp_ --extra-php <<PHP
define( 'WP_DEBUG', true );
PHP
wp db create
wp core install --url=127.0.0.1/htmlit --title="WP-CLI" --admin_user=utente --admin_password=password --admin_email=email@email.org

Rispetto al capitolo precedente è stato modificato l'URL d'installazione di WordPress. Questo potrà variare in base all'ambiente di lavoro. Naturalmente si dovranno cambiare anche nome, username e password del database e di WordPress in base alla propria configurazione.

Si digiti ora nella barra degli indirizzi del browser l'URL:

http://127.0.0.1/htmlit/

Dovrebbe fare la sua apparizione la pagina predefinita di WordPress.

Figura 1. Impostazioni di una nuova installazione di WordPress tramite WP-CLI.
Impostazioni generali WordPress

Ora è utile analizzare la struttura dei comandi che si andranno ad utilizzare.

La struttura dei comandi WP-CLI

Esistono due tipi di comandi WP-CLI:

  • Comandi predefiniti, che generalmente riguardano le funzionalità di amministrazione dell'installazione standard di WordPress, con alcune eccezioni tra cui il comando wp search-replace. Questi comandi non dipendono da altri componenti, come temi o plugin, e sono mantenuti dal team del progetto.
  • Comandi di terze parti, che possono essere definiti in temi o plugin o impacchettati come progetti autonomi.

Un comando di WP-CLI si struttura come segue:

wp comando sottocomando paremetro_obbligatorio --parametro_facoltativo_1 --parametro_facoltativo_2=valore

Ogni comando dispone dei propri sottocomandi e di parametri di configurazione. Per l'elenco completo dei comandi, basterà digitare nel terminale quanto segue:

wp help

Figura 2. Output di wp help.
wp help

Dal terminale saranno accessibili nome, descrizione e sinossi del comando, nonché i sottocomandi e i parametri specifici del comando. Nell'esempio appena visto saranno forniti tutti i sottocomandi e i parametri di wp.

Ogni sottocomando dispone di parametri specifici. I parametri globali, infine, hanno la stessa funzione per tutti i comandi di WP-CLI e determinano il mondo in cui esso interagisce con WordPress.

La guida in linea non è disponibile solo per i comandi principali, ma anche per i sottocomandi:

wp help config get

Figura 3. Output di wp help config get.
wp help config get

Dall'immagine si evince che il comando wp config get restituisce il valore di una costante o variabile definita nel file di configurazione. Se si volesse recuperare il nome del database basterebbe digitare il seguente comando:

wp config get DB_NAME

Per ottenere invece il prefisso delle tabelle occorrerà il comando:

wp config get table_prefix

Dal prossimo capitolo si opererà concretamente sull'istallazione di WordPress da linea di comando.


Ti consigliamo anche