Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Buone norme di codifica

Aspetti legati alla scrittura del codice e dei contenuti
Aspetti legati alla scrittura del codice e dei contenuti
Link copiato negli appunti

Il codice HTML

Ai fini del posizionamento sui motori di ricerca, non conta solo il testo o i singoli Tag, ma tutto il codice, indipendentemente dal fatto che produca materiale visibile o no, ha la sua importanza.

La corretta sintassi di ognuna delle istruzioni ed in particolare dei Tag HTML è importante perché lo spider è una sorta di browser che, in presenza di errori, potrebbe non leggere correttamente la pagina e trasferirla al motore in modo parziale o peggio in modo non corrispondente a quello che era nelle intenzioni degli sviluppatori.

La mancata chiusura di Tag, per esempio, potrebbe essere tollerata dai moderni browser che correggono in automatico piccole anomalie, ma confondere lo spider.

La compattezza del codice, riducendo la dimensione della pagina, facilita il trasferimento, consentendo maggior efficienza al motore. Ciò non può che facilitare il posizionamento.

Quanto ognuna delle regole di ottimizzazione del codice sia positivamente influente non è importante. Scrivere codice ottimizzato deve diventare un'abitudine. Ogni secondo di tempo usato per produrre pagine ben sviluppate è un investimento per la visibilità futura del sito. L'utilizzo di sistemi di controllo del codice può aiutare nell'individuare errori sui Tag e sulle istruzioni.Il forum di HTML.it ha numerose sezioni che consentono agli sviluppatori di scambiarsi informazioni su tutti i sistemi, linguaggi e programmi impiegati.

La scelta di codice efficiente e compatto aumenta la proporzione del testo rispetto alla dimensione totale della pagina. Anche questo è positivo agli effetti del posizionamento.

Le seguenti regole dovrebbero essere sempre tenute da conto:

  • ridurre quanto più possibile il codice a favore delle parti testuali visibili;
  • far iniziare il testo prima possibile nella pagina;
  • porre in coda eventuali Javascript e funzioni in altri linguaggi di scripting;
  • usare CSS esterni per la formattazione e l'impaginazione;
  • chiudere sempre i Tag, anche se molti browser correggono in automatico;
  • eliminare dal codice tutte le parti non necessarie ed inserite dagli editor visuali o dai CMS (Content Management System);
  • evitare il passaggio di parametri sulle URL, nel caso di siti dinamici, usando, se necessario, sistemi di URL rewriting;
  • evitare redirect di qualunque tipo, se non strettamente indispensabili.

I testi

In relazione al posizionamento, i testi delle pagine sono il fattore più importante ed ogni minuto impiegato per scrivere qualche riga in più è sempre ben speso.

Si chiama key stuffing l'eccessiva ripetizione di una chiave in un testo.Si consiglia una key density (numero di ripetizioni di chiavi) intorno al 10% per chiavi di una singola parola, del 15 o 20% per chiavi di due parole.

Il primo aspetto da considerare è il tema della pagina, che deve essere unico. Pagine che trattano vari argomenti sono meno attinenti ad ognuno di essi. Se il sito deve affrontare vari argomenti, è opportuno che ognuno di essi sia affrontato su pagine separate, magari raggruppando mediante link incrociati quelle attinenti.

Il testo di ogni pagina deve essere significativo in senso assoluto ed in relazione alla dimensione complessiva della pagina stessa. Almeno 250 parole sono necessarie, meglio 400 o 500.

Il testo deve contenere un buon numero di ripetizioni della chiave più importante. Considerando che tante più parole formano la frase chiave, meno devono essere le ripetizioni.

Per un testo tra le 250 parole e le 500:

  • per chiavi di una parola, una ripetizione ogni paragrafo (5 o 6 righe);
  • per chiavi di due parole, due o tre ripetizioni al massimo;
  • per chiavi di tre parole, basta una sola ripetizione.

Se un articolo trattasse un argomento usando sempre e solo la stessa parola per identificarlo e senza contenere sinonimi, parole collegate, attributi propri e forme verbali connesse, non sembrerebbe strano? Algoritmi sofisticati di verifica dell'attinenza, fanno le stesse considerazioni. Questo è il motivo per cui le pagine devono contenere altre parole legate alla chiave principale, per dare realismo all'insieme e rendere ben evidente che si sta trattando l'argomento e non la parola in sé.

La chiave più importante dovrebbe essere presente all'inizio della pagina, al centro ed alla fine.

Il testo deve contenere almeno una delle altre chiavi, con un criterio che segua la piramide descritta all'apertura del capitolo sull'ottimizzazione delle pagine.

La chiave più importante deve avere un numero maggiore di pagine dedicate. Le altre, secondo il livello, avranno un numero di pagine inferiori.

All'inizio del testo, una frase contenente la chiave dovrebbe essere nel tag <h1>. Il suo apporto benefico non è più basilare come in passato, ma resta sempre utile e può tornare importante. Non è pensabile, invece, che smetta del tutto di essere considerato. Ogni pagina, in fondo, deve avere un titolo.

Anche un uso moderato di effetti quali il "bold" può dare evidenza alla chiave. Ciò non basta certo per andare in prima posizione, ma segue la strategia che è preferibile applicare molte regole, anche se influenti in modo contenuto, che una sola di grande influenza, ma che può cambiare in qualunque momento, rendendo invisibile il sito.

La pagina deve essere suddivisa in paragrafi, ognuno dei quali affronta un sotto-argomento del tema principale. Quando possibile, questa suddivisione concentra in punti diversi della pagina gli argomenti, dando rilevanza agli stessi ed alla pagina nel suo insieme. Argomenti mischiati tendono, invece, a diluirsi vicendevolmente, confondendo gli algoritmi di valutazione dell'attinenza.

Il peso delle pagine

Il peso delle pagine è uno dei parametri che influisce sul posizionamento, non tanto per gli aspetti di indicizzazione, quanto per quelli di lettura da parte degli spider, che ovviamente devono scaricare.

Quale sia il valore più corretto non è possibile stabilirlo, anche per la difficoltà di una simile prova. Tutte le correnti concordano, comunque, che una pagina ottimizzata non dovrebbe mai superare 50 mila byte.

Importante è che tali byte non devono essere di immagini, ma di testo, almeno per buona parte. Una pagina di 3 righe di testo e 50 mila byte non può considerarsi ottimizzata.


Ti consigliamo anche