Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Redemption delle chiavi

Misurare l'efficacia delle chiavi utilizzate
Misurare l'efficacia delle chiavi utilizzate
Link copiato negli appunti

Mantenere la visibilità del sito per ognuna delle chiavi, su ognuno dei motori, è un'attività che richiede tempo, energia e quindi costo.

Quando è trascorso un certo periodo dalla data di pubblicazione e si dispone di dati di accesso coerenti e puliti, si può iniziare un' analisi mirata ad individuare quali sono le chiavi che portano al sito quei visitatori che più frequentemente si trasformano in clienti (inteso in senso generale come utenti che abbiano effettuato l'azione che interessa al webmaster del sito).

Per questa analisi, occorre inserire nelle pagine uno script che memorizzi ogni visita e se l'azione da controllare è stata effettuata. Per rendere più puliti i dati e per avere una sola registrazione a visita, andranno registrati solo gli accessi provenienti dall'esterno del sito.

' connessione al database
On error resume next

Set oDatabase = Server.CreateObject("ADODB.Connection")
oDatabase.open(sStringaConnessione)

If err.number <> 0 then

 sBuffer = "ERRORE: Impossibile aprire il db dei log<br>"
 response.write sBuffer
 iErrore = fdf_errore_apertura_db
End If

On error goto 0
' compone la stringa di inserimento della visitas
QuerySql = "INSERT INTO Visite SET " + _
 "IdAccesso = '" + sIdAccesso + "', " + _ 
 "UrlReferer = '" + sReferer + "', " + _ 
 "IpVisitatore = '" + sIPVisitatore + "', " + _
 "DataOraVisita = '" & dtDataOraVisita & "', " + _
 "ChiaveRicerca = '" + sChiave + "', " + _
 "MotoreProvenienza = '" + sMotore + "', " + _
 "QueryString = '" + sQueryString + "', " + _
 "PaginaVisitata = '" + sPaginaVisitata + "', " + _
 "RichiestaContatto = 0;"
 
'response.write sQuerySql + "<br>" ' debug
'sQuerySql2 = "INSERT INTO tb_tracked_visits " + _
 "SET ID_CAMPAGNE = 'Prova'"   
 
' Inserimento record
If iErrore = 0 then
 on error resume next
 oDatabase.Execute sQuerySql,, adExecuteNoRecords
 
 If err.number <> 0 then
   sBuffer = "ERRORE: Inserimento non riuscito2<br>"
   iErrore = fdf_errore_record_doppio
   response.write sBuffer
 End If
 on error goto 0
End If

' fine salvataggio dati
On Error resume next
oDatabase.Close
Set oDatabase = Nothing
on error goto 0

I dati da registrare sono:

  • identificativo della visita (può andar bene l'IP e la data/ora del primo accesso);
  • IP di provenienza;
  • Data/ora di accesso;
  • referer (URL di provenienza);
  • motore di provenienza;
  • chiave di ricerca;
  • QueryString;
  • pagina di arrivo sul sito;
  • indicatore sì/no di operazione effettuata.

L'identificativo è necessario per tenere collegati tutti gli accessi relativi alla stessa visita.

Deve essere realizzata un'apposita funzione per estrarre il motore e la chiave di ricerca dal referer, che è comunque registrato come ultima risorsa nel caso la funzione abbia interpretato male il dato.

La QueryString è la stringa di ricerca completa di parametri, passata da molti motori tra le informazioni HTTP di accesso.

La registrazione deve essere fatta in due fasi: la prima, al momento in cui il visitatore arriva al sito, per memorizzare la visita; la seconda è una variazione della prima riga di registrazione, per indicare che l'azione è stata effettuata.

Nell'esempio, è riportato un frammento di codice ASP di registrazione della visita.

Queste informazioni consentono di verificare in modo dettagliato il numero di conversioni visitatore/cliente per ognuna delle chiavi. Questo metodo di registrazione è utile per provare l'effetto di piccole modifiche ai contenuti, ai messaggi sui PPC (pay per click), alla struttura delle pagine e dei link.

Opportuni prospetti devono essere realizzati mediante un sistema di generazione di report (vedi quelli citati nella sezione precedente), per determinare come migliorare la visibilità in relazione alle chiavi.

Un controllo incrociato tra il numero di visitatori portati da ogni chiave, la percentuale di conversione e la difficoltà di posizionamento, consente di stabilire dove è più importante impiegare le energie. Potrebbe essere più conveniente, per esempio, posizionare molte chiavi con poco traffico, alto fattore di conversione e bassa difficoltà di posizionamento, piuttosto che poche chiavi con molto traffico, basso fattore di conversione e difficili da posizionare.


Ti consigliamo anche