Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 3 di 72
  • livello avanzato
Indice lezioni

Cos'è l'accessibilità

L'accessibilità è il metodo principale per garantire l'accesso di tutti al World Wide Web
L'accessibilità è il metodo principale per garantire l'accesso di tutti al World Wide Web
Link copiato negli appunti

Il punto di partenza per capire di cosa tratta l'accessibilità è la definizione della parola "accessible" ("accessibile", in italiano), contenuta nel glossario delle WCAG 1.0: "Content is accessible when it may be used by someone with a disability". tradotto in italiano: "Un contenuto è accessibile quando può essere usato da qualcuno con una disabilità".

L'ambito di applicazione dell'accessibilità viene ulteriormente chiarito da quello che è il motto del WAI. Si tratta di un pensiero di Tim Berners-Lee, attuale direttore del W3C ed inventore del Web quale noi lo conosciamo. Il motto, tradotto in italiano, dice testualmente: "La forza del Web sta nella sua universalità. L'accesso da parte di chiunque, indipendentemente dalle disabilità, ne è un aspetto essenziale" .

Due quindi gli elementi fondamentali dell'accessibilità: 1) l'attenzione ai problemi di accesso al Web dei disabili; 2) l'attenzione a garantire l'universalità dell'accesso, ovvero a non escludere nessuno: non solo i disabili in senso stretto, ma anche chi soffre di disabilità temporanee, chi ha attrezzature obsolete, chi usa sistemi poco comuni, chi dispone di connessioni particolarmente lente.

Come è facile capire, il fine dell'accessibilità - garantire l'accesso universale alle risorse del Web - è uno scopo nobile e importante. Il Web, infatti, è una straordinaria fonte di informazioni e di servizi, la più ampia e democratica che l'umanità abbia mai posseduto nella sua storia. Ma è anche una risorsa estremamente recente e in tumultuosa e spontanea evoluzione. Come tale è soggetta a squilibri di vario tipo, che rendono spesso difficile, se non addirittura impossibile, l'accesso alle informazioni e ai servizi presenti in Rete da parte di numerose categorie di utenti.

Se la cura dell'accessibilità non entrerà profondamente nella cultura di sviluppatori ed editori di contenuti per il Web, difficilmente avremo una vera democrazia dell'informazione e dei servizi. Se, al contrario, la cura dell'accessibilità diventerà un fattore costante nello sviluppo e nell'aggiornamento dei siti in Rete, avremo compiuto un passo decisivo verso l'attuazione di quello che è il motto e l'obiettivo del World Wide Web Consortium: "Leading the Web to its full potential", condurre il Web a dispiegare il suo pieno potenziale.

Va infine sottolineato che la cura dell'accessibilità non deve essere vista semplicemente come un onere aggiuntivo, originato da scrupoli morali o da obblighi di legge, che grava sul committente e sullo sviluppatore. Deve essere vista, invece, anche da parte di chi si occupa di siti commerciali, come una possibilità in più di allargare il proprio mercato: gli utenti che vengono esclusi dalla possibilità di utilizzare un sito commerciale per difetti di accessibilità del sito stesso, sono infatti dei potenziali clienti persi. Perciò, anche se si osserva la questione dal solo punto di vista della convenienza economica, in molti casi vale comunque la pena di investire risorse in favore dell'accessibilità.


Ti consigliamo anche