Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Definito dall'utente

Un report che contiene informazioni scelte da chi implementa il codice
Un report che contiene informazioni scelte da chi implementa il codice
Link copiato negli appunti

Il report "definito dall'utente" è un po' particolare, rispetto a tutti gli altri, perché ci mostra un valore che non è ricavato automaticamente dal codice di monitoraggio, o da un calcolo basato sui dati inviati, ma mostra un dato che, appunto, viene deciso dall'utente che utilizza Google Analytics per monitorare il suo sito.

Tra tutte le funzioni che è possibile utilizzare per modificare il codice di tracciamento, una in particolare è legata a questo report, ed è _setVar(). Questa funzione provvede a scrivere un cookie aggiuntivo nel computer del visitatore che guarda la pagina dove viene invocata, tracciamento che contiene il valore che viene passato alla funzione e che resterà, nel computer dell'utente, per due anni dal momento della creazione, o del suo aggiornamento.

L'utilizzo di _setVar() è semplice, basta invocare la funzione prima di trackPageview() in questo modo:

pageTracker._setVar("valore");

All'interno del report troveremo i valori passati come parametro e i dati relativi al comportamento degli utenti suddivisi in base a questi valori. Ad esempio si potrebbe "taggare" tutti gli utenti che effettuano una login in base al loro livello di accesso (utente, editor, amministratore) e segmentare l'utilizzo del sito per capire diversi comportamenti.

Questo aspetto di Google Analytics è sottovalutato da molti, ma è di fatto l'unico varco attraverso il quale possiamo immettere dati di nostra volontà e ottenere una nuova dimensione con la quale segmentare gli ulteriori dati disponibili.

"Definito dall'utente" è disponibile anche come campo filtro, in modo da permetterci di creare filtri in base ai valori che abbiamo specificato, oppure è disponibile come scatola vuota all'interno della quale memorizzare il risultato di un filtro avanzato che trasforma i dati esistenti. Un utilizzo tipico della _setVar(), in combinazione con un filtro, è l'esclusione delle proprie visite in presenza di un IP dinamico.

Filtrare un IP fisso o un dominio (o proxy aziendale) è facile, basta un filtro predefinito, ma filtrare un IP che cambia spesso, o ad ogni connessione, è problematico perché non si può scrivere un filtro universalmente valido. Allora si procederà così: si crea una pagina nascosta nel sito che si monitora, una pagina pubblica non indicizzata dai motori, senza link entranti e il cui indirizzo è noto solo alle persone che vogliono essere filtrate. Questa pagina conterrà il codice di Analytics modificato tramite _setVar() con un valore, diciamo _setVar("loggato");.

Una volta visitata questa pagina il nostro browser viene "marchiato" con il cookie speciale contenente il valore "loggato" e questo valore verrà passato per i successivi due anni in ogni nuova chiamata del codice di Analytics da parte del browser. Si creerà quindi un filtro personalizzato di esclusione con campo filtro "definito dall'utente" e valore "loggato". Le visite di tutti coloro che hanno visitato la pagina creata ad hoc saranno d'ora in avanti escluse dai report.

Non c'è virtualmente limite ai valori e agli usi possibili di setVar, sebbene molti ritengano che avere una sola scatoletta a disposizione sia una forte limitazione di Analytics. È però bene ricordare che usare il campo "definito dall'utente" per memorizzare indirizzi IP, magari ricavati lato server e scritti con un linguaggio dinamico all'interno della funzione _setVar(), costituisce una violazione della licenza d'uso di Analytics e può comportare la cessazione della fornitura del servizio da parte di Google.


Ti consigliamo anche