Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Apertura di un account

Requisiti per poter fruire del servizio e primo contatto con l'interfaccia
Requisiti per poter fruire del servizio e primo contatto con l'interfaccia
Link copiato negli appunti

Il solo possesso di un Google Account è sufficiente ad accedere ad Analytics. Un Google Account, ricordiamolo, è la coppia username e password che si usano, tra l'altro, per accedere a Gmail, Google Reader, Adsense, AdWords, iGoogle, Blogger, ecc.

L'iscrizione avviene cliccando sul link "iscriviti subito", nella Home page del servizio, sotto al grande pulsante blu, e inserendo le credenziali del proprio Google Account. Fatto questo Google provvederà ad avviare la procedura di registrazione, ovvero la richiesta di dati personali minimi (nome e cognome), l'accettazione del contratto con l'utente e la creazione di un nuovo monitoraggio (URL del sito da analizzare, nome dell'account, paese e fuso orario).

Figura 2.1 - Schermata di accesso dell'interfaccia italiana di Google Analytics
Schermata di accesso dell'interfaccia italiana di Google Analytics

Dopo aver effettuato l'accesso si viene indirizzati nella schermata principale del programma, suddivisa in tre macrosettori. La barra arancione in alto serve a navigare tra i profili e a cambiare account personale, più avanti li vedremo nel dettaglio.

La parte centrale consente di accedere alle impostazioni di condivisione dei dati e a un riepilogo dei dati degli account che si controllano. La condivisione dei dati è facoltativa e lambisce due ambiti differenti: la condivisione dei dati solo con prodotti Google, quali AdWords, Adsense e altri a venire, o la condivisione dei dati anche con prodotti terzi, ovviamente in forma anonima e aggregata.

Per ogni account, cui si ha accesso, troveremo il nome dello stesso e una serie di dati di riepilogo quali il numero di visite, il tempo medio sul sito, la frequenza di rimbalzo, gli obiettivi realizzati e una colonna con un dato a scelta e la sua variazione percentuale rispetto al periodo temporale precedente, selezionabile scegliendo tra giorno, settimana, mese e anno. La colonna sovrastata da un menu a tendina è quella che contiene la variazione percentuale, e consente di scegliere quale dato visualizzare (e quindi quale variazione) tra uno dei quattro dati appena menzionati.

Vale la pena di precisare che i dati mostrati in questa schermata costituiscono l'insieme dei dati dei profili contenuti in ogni account (ammesso che ne contengano più d'uno); se quindi in un account abbiamo due profili riferiti a due domini differenti, avremo la somma delle visite, la media dei tempi medi e delle frequenze di rimbalzo, ecc. Se invece si hanno account contenenti un profilo "originale" e dei profili-copia, i dati visualizzati saranno riferiti soltanto al profilo originale. Cliccando su un account si ottengono le medesime informazioni ma riferite ai singoli profili contenuti, divisi per dominio di riferimento, e con inoltre la possibilità di accedere ai report del profilo e alle opzioni di modifica e di eliminazione. Inoltre Analytics ci informa sullo stato della ricezione dei dati (una spunta verde se tutto è ok), cioè se arrivano dati validi da processare, e sul numero di obiettivi realizzati.

Figura 2.2 - La parte centrale della schermata principale di Analytics
Schermata di accesso dell'interfaccia italiana di Google Analytics

La parte inferiore di questa schermata ci permette di aggiungere un nuovo profilo a questo account (fino a un massimo di 50), di gestire gli accessi ai profili da parte di altri utenti, purché in possesso di un Google Account, e di accedere alla gestione dei filtri.


Ti consigliamo anche