Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Oggetto Response: Expires

Per evitare la memorizzazione in cache della pagina
Per evitare la memorizzazione in cache della pagina
Link copiato negli appunti

L'ultimo metodo che analizzeremo dell'oggetto response è quello in grado di sfruttare la memorizzazione della pagina asp nella cache del browser. Il fatto di poter conservare o no una pagina in memoria può essere o non essere vantaggiosa. Un esempio di web dove le pagine non vanno assolutamente mantenute in memoria riguarda tutti i siti di azioni di borsa. I cambi di valore sono troppo veloci e bisogna percepire in tempo reale le loro variazioni. Altri web ritenuti "più calmi" possono permettersi di far evitare al visitatore di caricare ogni volta la stessa pagina. Per far
questo con l'Active Server Page, si sfrutta dell'oggetto response il
metodo expires. Questo metodo può servire sia a memorizzare che evitare la memorizzazione delle pagine in memoria. Adesso visioniamo la struttura sintattica del metodo in questione.

<% response.expires = tempo %>

Il comando response.expires va posizionato in alto alla pagina
asp. Nel caso fosse presente il response.buffer, il response.expires va messo immediatamente dopo. Se mancasse il response.buffer, il response.expires va posizionato in prima posizione. Nella sintassi indicata in precedenza, vi è presente la voce tempo. Quest'ultima è da sostituire con la quantità di minuti che si desidera mantener "viva" la pagina nella propria cache. Il valore di tempo può essere sia un numero positivo che un numero negativo. Se il numero fosse positivo, indica la quantità di tempo che la pagina rimarrà in memoria. In caso contrario, se fosse negativo indica che la pagina deve scadere prima ancora di
essere eseguita. E se il valore fosse nullo, quindi uguale a zero cosa
succederebbe? In linea teorica non dovrebbe succedere nulla,
ma in linea pratica la situazione cambia drasticamente. Infatti l'unico
modo sicuro ed efficace per non memorizzare assolutamente la
pagina è quello di imporre il valore di tempo uguale a -1500. Sorge una domanda: "Ma perché proprio -1500?". La risposta è semplice ma bisogna comprenderla a fondo. Partiamo pensando
al pianeta Terra. Per comodità di gestione del tempo è
stata divisa in 24 fusi orari. Tutti sanno che in un'ora ci sono 60
minuti. Facendo una semplice moltiplicazione del tipo 24*60 otteniamo
come risultato 1440. Questo valore appena ottenuto rappresenta il numero
di minuti presenti nell'arco di ventiquattrore. Pensiamo se impostiamo
come tempo al response.expire il valore -1440. Cosa succederebbe? In linea teorica tutto perfetto. La pagina scadrebbe esattamente 24 ore prima di essere aperta. Pensiamo al caso più disperato. un
visitatore con la distanza massima di fuso orario apre la nostra pagina.
Se la riapre, per lui potrebbe non essere scaduta. Allora per evitare
quest'intoppo, si imposta(per evitare la memorizzazione) il valore di
tempo a -1500. In questo modo si ipotizza che il mondo sia composto da 25 fusi orari e quindi è impossibile che la pagina venga memorizzata. Illustriamo la sintassi della non memorizzazione:

<% response.expires = - 1500 %>

Esiste un metodo molto simile al response.expires ed è
chiamato response.expiresAbsolute. La sua struttura sintattica è:

<% response.expiresAbsolute = Data Tempo %>

Per sfruttare al meglio questo metodo è opportuno impegnare nella scadenza il dataAdd. Questo comando aggiunge o sottrae quello che si
desidera(giorni, mesi, anni, ore, minuti, secondi) ad una data specificata.

La struttura sintattica del dateAdd è la seguente:

<% dateAdd( fascia_tempo , quanti , data_partenza ) %>

Il valore fascia_tempo è possibile ritrovarlo nella seguente
tabella:

Valore
Significato
"yyyy"
Anno
"q"
Trimestre
"m"
Mese
"d"
Giorno
"h"
Ore
"n"
Minuto
"s"
Secondo

Con questo metodo abbiamo concluso l'oggetto response.


Ti consigliamo anche