Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Operazioni da evitare

Formati e comandi da non utilizzare per garantire l'accessibilità dei siti web e delle pagine HTML.
Formati e comandi da non utilizzare per garantire l'accessibilità dei siti web e delle pagine HTML.
Link copiato negli appunti

Al fine di rendere accessibili agli utenti non vedenti le pagine html, è opportuno ribadire tutto ciò che è da evitare nella compilazione delle pagine stesse allorché si inseriscono i codici relativi alle svariate funzioni comprese nel progetto di un sito in corso di realizzazione.

Alcune tra le indicazioni seguenti sono inserite anche nei capitoli che riguardano argomenti specifici, ma in questo capitolo della guida si è inteso darne una visione riassuntiva. Nelle linee guida del W3Consortium, e anche nei siti ove è possibile ottenere la convalida ai fini dell'accessibilità
delle proprie pagine html, si identificano con deprecated i
casi in cui alcuni codici appaiano ancora nelle pagine html.

Occorre dunque:

  • evitare l'utilizzo di alcuni
    formati non menzionati nei documenti del W3Consortium
    (per esempio, pdf di Acrobat Reader, fla o swf di Flash, ecc.): si tratta
    di formati per la cui visualizzazione sono necessarie applicazioni autonome
    (o plug-in), che non vengono riconosciute dai softwares di navigazione
    standard (browsers e plug-in di cui essi dispongono) e neppure dagli strumenti
    di ausilio di cui comunemente si servono
    i non vedenti. Se si utilizzano per lo sviluppo delle pagine web tecnologie
    non accessibili, è necessario realizzare anche pagine equivalenti
    che rispondano a criteri di accessibilità;
  • evitare l'inserimento di codici
    html quando si riferiscano a files audio e alla possibilità
    di offrire l'ascolto di questi ultimi in coincidenza con l'apertura
    di una pagina: in casi del genere si creerebbero problemi di sovrapposizione
    sonora per tutti gli utenti che stiano utilizzando in quello stesso momento
    un sintetizzatore vocale. Sostanzialmente, si tratta di evitare i comandi
    <BGSOUND> (utilizzato esclusivamente con MSIE) e <EMBED> (valido
    sia per MSIE sia per Netscape);
  • evitare il reindirizzamento
    automatico di una pagina o l'auto refresh:

    Esempio 1

    <HEAD>

    <TITLE>

    ... titolo della pagina...

    </TITLE>

    <META HTTP-EQUIV="refresh"
    content="5; url=http://nuova pagina">

    </HEAD>

    <BODY>

    <P>If your browser supports
    Refresh, you'll be transported to our

    <a href="http://nuova
    pagina"><NUOVA PAGINA</A> in 5
    seconds, otherwise, select the link manually.

    </BODY>

  • evitare il comando APPLET per
    inserire in una pagina html gli applets Java. In caso di inserimento
    di un tale elemento grafico occorrerà utilizzare il codice OBJECT:

    Esempio 2

    Il
    riferimento utilizzato per questa esemplificazione è l'applet inserito
    nel capitolo Elementi grafici in movimento: applets
    & javascripts - Grafica vettoriale.

    <P>

    <OBJECT codetype="application/java"+classid="java:UcodGibWorld.class"  >

    Java applet that draws an animated world containing continent names. </OBJECT>

  • evitare:
    BLINK,che identifica  testo visibile a intermittenza o lampeggiante: un tale testo non viene letto dagli strumenti di ausilio quali la barra braille e la sintesi vocale (salvo che nelle versioni più aggiornate di tali strumenti, non sempre a disposizione dell'utente non vedente). Lo stesso dicasi per MARQUEE. Evitare, infine, U, testo sottolineato, che può essere interpretato come un link e creare confusione a un navigatore non vedente e hr, cioè le linee divisorie orizzontali, in quanto non vengono lette dagli strumenti ausiliari.

Ti consigliamo anche