Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 14 di 59
  • livello principiante
Indice lezioni

Object Tree

La rappresentazione dell'albero degli elementi dell'applicazione
La rappresentazione dell'albero degli elementi dell'applicazione
Link copiato negli appunti

L'Object Tree (chiamato anche Visual Tree) è la rappresentazione concettuale dell'interfaccia grafica, la quale è composta da una serie di elementi che possono avere a sua volta uno o più oggetti figlio relazionati fra loro, il risultato è una rappresentazione ad albero. Silverlight permette l'accesso all'Object Tree sia tramite codice JavaScript, sia tramite code-behind.

Tuttavia, la rappresentazione non è composta da proprio tutti gli elementi dell'interfaccia utente: vengono esposti solo gli oggetti che partecipano alla fase di renderizazzione. Anche gli elementi creati e aggiunti dinamicamente via codice procedurale possono interessare l'Object Tree.

Silverlight 2 mette a disposizioni una classe di supporto, VisualTreeHelper (contenuta nel namespace System.Windows.Media), per accedere alla struttura ad albero.

Vediamo un esempio di utilizzo: creiamo un'interfaccia composta da un serie di elementi, alcuni dei quali aggiunti da codice procedurale. Cominciamo scrivendo il seguente XAML:

<StackPanel x:Name="LayoutRoot" 
            
            VerticalAlignment="Center" HorizontalAlignment="Center"
            Background="Blue">
  
  <TextBlock Margin="10" Foreground="White" FontSize="28"
             Text="Contatti" />
  
  <ListBox x:Name="Contacts">
    <ListBoxItem Content="Mario Rossi" />
    <ListBoxItem Content="Matteo Baglini" />
  </ListBox>
</StackPanel>

Per creare l'interfaccia usiamo come elemento base uno StackPanel con sfondo di colore blu, composto da un "header" e da una lista di contatti fittizi. Procediamo aggiungendo due metodi nel code-behind per creare una parte di interfaccia via codice, composta da uno StackPanel contenente due controlli Button:

private UIElement CreateChild()
{
  StackPanel panel = new StackPanel();
  panel.Orientation = Orientation.Horizontal;
  panel.HorizontalAlignment = HorizontalAlignment.Right;

  Button okButton = CreateButton("Conferma");
  Button cancelButton = CreateButton("Annulla");

  panel.Children.Add(okButton);
  panel.Children.Add(cancelButton);

  return panel;
}

private Button CreateButton(string text)
{
  Button button = new Button(); 
  button.Content = text;
  button.Margin = new Thickness(5);
  button.Height = 25;
  button.Width = 80;
  
  return button;
}

Per finire, nel costruttore dello UserControl, richiamiamo il metodo CreateChild ed aggiungiamo il valore restituito alla collezione di oggetti figlio del controllo primario LayoutRoot:

public Page()
{
  InitializeComponent();
  LayoutRoot.Children.Add(CreateChild());
}
Figura 18. Il risultato dell'esempio
Il risultato dell'esempio

Per visualizzare l'Object Tree tramite la classe VisualTreeHelper inseriamo nel code-behind un metodo che sarà invocato in maniera ricorsiva e che ci permetterà di percorrere l'albero dei componenti dall'alto verso il basso e stamperà nella console di output del debugger di Visual Studio tutti gli elementi trovati:

private void PrintVisualTree(int depth, DependencyObject obj)
{
  Debug.WriteLine(new string(' ', depth) + obj);
  
  for (int i = 0; i < VisualTreeHelper.GetChildrenCount(obj); i++)
    PrintVisualTree(depth + 1, VisualTreeHelper.GetChild(obj, i));
}

La chiamata a questo metodo sarà impostata nel gestore dell'evento Load dello UserControl, il quale andrà agganciato nel costruttore della classe:

public Page()
{
  InitializeComponent();
  LayoutRoot.Children.Add(CreateChild());
  Loaded += new RoutedEventHandler(Page_Loaded);
}

private void Page_Loaded(object sender, RoutedEventArgs e)
{
  PrintVisualTree(0, this);
}

Eseguendo l'applicazione con il debugger attivo il risultato sarà il seguente:

Figura 19. Il log del debug
Il log del debug

Il log mostrato ci permette di capire la macro struttura dello UserControl primario Page.

Ti consigliamo anche