Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 39 di 112
  • livello avanzato
Indice lezioni

Prototipi e classi

JavaScript è un linguaggio a oggetti basato su prototipi: questo approccio offre una serie di vantaggi, ma c'è l'esigenza di introdurre la keyword class.
JavaScript è un linguaggio a oggetti basato su prototipi: questo approccio offre una serie di vantaggi, ma c'è l'esigenza di introdurre la keyword class.
Link copiato negli appunti

JavaScript è dunque un linguaggio "ad oggetti" basato sul concetto di prototipo a differenza della maggior parte dei linguaggi di programmazione basati sul concetto di classe. Questa sottile differenza ha spesso causato difficoltà agli sviluppatori abituati ad utilizzare linguaggi come Java o C#, dove un oggetto è sempre un'istanza di una classe. Alcune librerie implementano funzionalità che consentono di avvicinare l'approccio prototipale degli oggetti di JavaScript a quello basato sulle classi degli altri linguaggi di programmazione, naturalmente con le dovute differenze.

Differenze sostanziali tra classi e prototipi

Nei linguaggi di programmazione a oggetti basati su classi, un oggetto non può esistere se non è stata prima definita una classe. Una classe è un'astrazione che definisce le caratteristiche che avranno gli oggetti creati da essa. In JavaScript invece ogni oggetto è creato direttamente, senza bisogno di definire prima una classe.

Nei linguaggi a oggetti tradizionali è possibile creare una sottoclasse a partire da una classe e quindi oggetti che ereditano le caratteristiche della classe base. In JavaScript è possibile ottenere un effetto analogo tramite il concetto di prototipo, con il quale un oggetto prende a modello un altro oggetto condividendone le carattersitiche ed eventualmente aggiungendone di nuove.

A differenza dei linguaggi a oggetti tradizionali, dove una classe definisce tutte le caratteristiche che può avere un oggetto, in JavaScript è possibile definire alcune caratteristiche per un oggetto ed arricchirlo di nuove proprietà e metodi a a runtime.

Classi in JavaScript (Ecma 6)

Per cercare di semplificare l'avvicinamento alla programmazione in JavaScript da parte degli sviluppatori con esperienza in altri contesti di programmazione ad oggetti e soprattutto per uniformare i vari approcci proposti dalle varie librerie, a partire da ECMASCript 6 è prevista la possibilità di utilizzare un approccio sintattico alla definizione di oggetti analogo alle classi.

L'argomento è stato a lungo dibattuto tra i membri del comitato per la definizione delle specifiche dello standard fino ad arrivare ad un modello condiviso.

Una classe in questo modello sintattico è un modo alternativo per la definizione di un costruttore. Possiamo ad esempio definire il costruttore dell'oggetto persona nel seguente modo:

class persona {
	constructor(nome, cognome) {
		this.nome = nome;
		this.cognome = cognome;
		this.email = "";
		this.indirizzo = "";
	} 
	mostraNomeCompleto() {
		return this.nome + " " + this.cognome;
	}
}

All'interno della classe definiamo il nostro costruttore tramite il nome di funzione riservato constructor e i metodi del nostro oggetto.

Nonostante l'utilizzo della parola chiave class è da tener presente che quello che stiamo definendo non è in realtà una vera classe, ma un costruttore semanticamente equivalente a quello che abbiamo creato in precedenza tramite la definizione di una function. L'introduzione del costrutto class è solo una semplificazione sintattica, ma semanticamente JavaScript rimane un linguaggio senza classi.

Possiamo creare un nuovo oggetto a partire dalla classe appena definita tramite l'operatore new, in modo del tutto identico a come abbiamo fatto con il costruttore definito tramite funzione:

var marioRossi = new persona("Mario", "Rossi");

È possibile creare getter e setter di proprietà in modo abbastanza intuitivo come mostrato dal seguente codice:

class persona {
	constructor(nome, cognome) { 
		this.nome = nome;
		this.cognome = cognome;
		this._email = "";
		this.indirizzo = "";
	}
	mostraNomeCompleto() {
		return this.nome + " " + this.cognome;
	}
	get email() { return this._email; }
	set email(value) { 
		var emailRegExp = /\w+@\w+\.\w{2,4}/i;
		if (emailRegExp.test(value)) { 
			this._email = value;
		} else { 
			console.log("Email non valida!");
		}
	}
}

Sottoclassi e Ereditarietà

Possiamo creare sottoclassi estendendo una classe nel seguente modo:

class programmatore extends persona {
	constructor(nome, cognome) {
		super(nome, cognome);
		this.linguaggiConosciuti = [];
	}
}

La parola chiave extends consente di dichiarare che la nuova classe programmatore deriva dalla classe persona. All'interno del costruttore della classe programmatore richiamiamo il costruttore della classe persona tramite l'invocazione di super(). In generale possiamo fare riferimento alla superclasse o classe base proprio tramite la parola chiave super.

Come possiamo vedere, l'introduzione delle classi in JavaScript semplifica la scrittura del codice e lo rende più accessibile a chi è abituato a lavorare con un modello di programmazione ad oggetti tradizionale. Ricordiamoci però che JavaScript non ha classi e che quello che definiamo con la parola chiave class non è altro che un costruttore di oggetti.


Ti consigliamo anche