Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 9 di 45
  • livello principiante
Indice lezioni

Ruby e gli oggetti - I

La programmazione ad oggetti dal punto di vista di Ruby: esempi commentati di codice
La programmazione ad oggetti dal punto di vista di Ruby: esempi commentati di codice
Link copiato negli appunti

Vediamo come è implementata in Ruby la programmazione orientata agli oggetti. Scriviamo un semplice esempio supponendo di dover programmare un videogame di guerra dove tra le altre cose sono presenti dei carri armati e dei camion per il trasporto dei soldati. Rappresentiamo questi oggetti in Ruby:

class CarroArmato
   def initialize
       puts "Sono un nuovo carro armato"   
   end
end

class Camion
   def initialize
       puts "Sono un nuovo camion"   
   end
end

una volta definite le classi possiamo istanziarne degli oggetti. In irb, dopo aver creato le classi scriviamo:

> ca = CarroArmato.new
Sono un nuovo carro armato
=> #<CarroArmato:0xb7d327fc>
> c = Camion.new
Sono un nuovo camion
=> #<Camion:0xb7d07e78>

Vediamo in ordine cosa abbiamo fatto. Innanzitutto abbiamo creato la classe usando la parola chiave class seguita dal nome e abbiamo terminato il codice relativo alla nostra classe con la parola chiave end. Abbiamo quindi creato il metodo initialize che viene chiamato quando istanziamo un nuovo oggetto con il metodo new. initialize è quello che in OOP si dice un costruttore che viene invocato ogni volta che si crea un nuovo oggetto. Alcuni linguaggi orientati agli oggetti come il C++ contemplano anche il metodo distruttore della classe che, invocato al momento del rilascio dell'istanza di un oggetto, si occupa tra le altre cose di de-allocare la memoria impegnata dall'oggetto. Nei linguaggi moderni, come Ruby, Java o C#, le attività generalmente svolte dal distruttore vengono svolte da sistemi di garbage collection, nel caso di Ruby è l'interprete a farsene carico.

Tornando al nostro esempio, initialize è un normale metodo ed è definito dalle parole chiave def, seguita dal nome, e dal solito end. Essendo un esempio banale il costruttore non fa altro che dare notizia dell'avvenuta creazione dell'oggetto stampando a video una stringa utilizzando la funzione puts (put string).

Per fare un esempio meno banale e per vedere come si passano i parametri ad un metodo miglioriamo le nostre classi. Supponiamo di voler definire al momento della creazione degli oggetti alcuni parametri caratteristici. Ad esempio se vogliamo indicare quanto carburante e quanti colpi avrà il nostro carro armato al momento della creazione ci basta scrivere:

class CarroArmato
    def initialize (colpi, carburante)
        @carburante = carburante
        @colpi = colpi
    end
end

Analogamente per i camion, con la differenza che invece dei colpi ci saranno dei posti per i passeggeri:

class Camion
    def initialize (posti, carburante)
        @carburante = carburante
        @posti = posti   
    end
end

Come abbiamo visto nel capitolo precedente, @carburante, @colpi e @posti sono delle variabili d'istanza e sono visibili da tutti i metodi della classe.

In questo modo alla creazione dei nostri nuovi oggetti vanno passati i parametri relativi al carburante, ai colpi e ai posti:

> ca = CarroArmato.new(10, 100)
=> #<CarroArmato:0xb7d035fc @colpi=10, @carburante=100>

c = Camion.new(20, 100)
=> #<Camion:0xb7ce046c @posti=20, @carburante=100>

@carburante, @colpi e @posti sono detti anche attributi e definiscono come la classe è vista dall'esterno. Per poter accedere, in lettura, a tali campi occorre creare dei metodi accessori del tipo:

class CarroArmato
    def carburante
        @carburante
    end
    def colpi
        @colpi
    end
end

fatto ciò possiamo scrivere cose del genere:

> puts ca.carburante
=> 100
> puts ca.colpi
=> 100

Per poter accedere agli attributi anche in scrittura occorre definire anche in questo caso un apposito metodo:

class CarroArmato
    def carburante=(carburante)
        @carburante = carburante
    end
    def colpi=(colpi)
        @colpi = colpi
    end
end

e quindi siamo in grado di impostare i valori degli attributi semplicemente con

> ca.colpi = 50
=> 50
> puts ca.colpi
=> 50


Ti consigliamo anche