Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Pagine Mastro

Ecco come funzionano le pagine Mastro in Gravit, introdotte con l'aggiornamento di metà 2017 nella suite, ora anche disponibile offline.
Ecco come funzionano le pagine Mastro in Gravit, introdotte con l'aggiornamento di metà 2017 nella suite, ora anche disponibile offline.
Link copiato negli appunti

Con l'aggiornamento di Gravit rilasciato a metà 2017, il software ha aggiunto alcune utili funzioni, pur mantenendo intatta la sua base. Oltre alla possibilità di installazione online, il programma ora ricorda Sketch e migliora in modo sensibile la sua usabilità.

In questa lezione vedremo come gestire la funzionalità pagina Mastro, ideale per lavorare contemporaneamente su più pagine pensare per mantenere invariate alcune feature creative.

Come possiamo vedere in Figura 1, abbiamo ripreso l'interfaccia mobile già utilizzata nelle precedenti lezioni. In questa figura, abbiamo evidenziato dove si trova l'indicazione della pagina sulla quale stiamo lavorando: quest'ultima è sottolineata dall'etichetta "Page 1".

Figura 1. Indicazione della pagina corrente (click per ingrandire)

Indicazione della pagina corrente

In Figura 2 possiamo vedere come, cliccando due volte sull'etichetta presente nel pannello livelli - identificata come Label - si possa rinominare la pagina.

Figura 2. Rinominare la pagina (click per ingrandire)

Rinominare la pagina

Ipotizziamo di voler creare una nuova pagina che, come flusso, segua l'azione del login: ad esempio, potrebbe essere necessario un un pop up di errore in caso di inserimento di credenziali non idonee. Si potrà procedere ricreando ex-novo l'intera interfaccia o, ancora, applicare l'interfaccia precedente a una pagina di nuova creazione.

Vediamo le opzioni a nostra disposizione. Per creare una nuova pagina dobbiamo cliccare sul tasto Create a New Page, presente nel pannello Livelli, la cui parte superiore mostra la lista delle pagine del nostro documento. Come possiamo notare in Figura 3, cliccando questo tasto si aggiunge una label nel pannello, nonché appare una nuova finestra a fianco di quella già esistente.

Figura 3. Creare una nuova pagina (click per ingrandire)

Creare una nuova pagina

Se spostiamo la nostra attenzione al pannello delle Opzioni, a destra, noteremo la presenza di un campo Master: selezionando la freccia, si aprirà un menu a tendina con le pagine mastro a nostra disposizione. Nel nostro caso, ne abbiamo solo una: sarà ovviamente quella che andremo a scegliere.

Figura 4. Scelta della pagina mastro (click per ingrandire)

Scelta della pagina mastro

Una volta applicata la pagina mastro, si noterà come la seconda pagina abbia assunto le proprietà grafiche della prima, come illustrato in Figura 5.

Figura 5. Applicazione ed effetti della pagina mastro (click per ingrandire)

Applicazione ed effetti della pagina mastro

Cliccando su questa pagina, apparirà evidente come gli elementi non siano selezionabili. Questo perché Gravit applica la grafica della pagina mastro come se si trattasse di un'immagine ospitata su un singolo livello. Di conseguenza, questa modalità di lavoro è utile solo in caso si necessiti di ricreare una pagina identica a quella d'origine.

Non vi è inoltre modo di scollegare le due pagine: in caso sia necessario lavorare ulteriormente sulla grafica, questo non sarà il metodo adatto di duplicazione. È tuttavia ideale quando si devono ricreare varie fasi del medesimo flusso, come evidenziato in Figura 6.

Figura 6. Elaborazione della schermata di login (click per ingrandire)

Elaborazione della schermata di login

Inserendo ipoteticamente delle credenziali errate, verrà mostrato un messaggio di errore, posizionato come popup sopra alla schermata di login, quest'ultima identica alla precedente. Il metodo di duplicazione della pagina a cui si è fatto accenno in precedenza è da utilizzare in caso si vogliano modificare conseguentemente gli elementi al suo interno. In Figura 7, abbiamo duplicato la pagina semplicemente selezionandola e, tenendo premuto il tasto ALT, trascinandola a fianco della prima. Gli elementi che compongono questa schermata potranno essere gestiti a piacere.

Figura 7. Duplicazione (click per ingrandire)

Duplicazione

È importante sottolineare come, nel primo metodo, la copia della pagina e dei suoi elementi abbia un peso decisamente ridotto rispetto al secondo. Di conseguenza, se lavoriamo su progetti composti da numerose pagine, questa peculiarità dovrà essere attentamente vagliata.


Ti consigliamo anche