Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Musica, parlato e durata clip

La gestione della musica, del parlato e della durata delle clip con Adobe Spark, per arricchire ulteriormente i video creati con la piattaforma.
La gestione della musica, del parlato e della durata delle clip con Adobe Spark, per arricchire ulteriormente i video creati con la piattaforma.
Link copiato negli appunti

Dopo aver visto come inserire testi e icone all'interno del proprio video, il percorso con Adobe Spark procede con la gestione della musica e del parlato, due elementi strettamente legati anche alla durata delle singole clip. La piattaforma web-based di Adobe offre degli strumenti semplici e veloci da utilizzare, adatti anche a chi non avesse particolare dimestichezza con queste operazioni.

Per questa lezione si è fatto ricordo ad Adobe Spark nella sua versione a pagamento, ma gran parte delle istruzioni fornire vale anche per l'edizione gratuita del servizio. Di seguito, le informazioni utili.

Inserimento di musica e parlato

Così come accennato, Adobe Spark permette di inserire una piccola colonna sonora per i propri video, un brano di accompagnamento che possa rendere più gradevole la visione delle immagini. In alternativa, è anche possibile registrare un commento parlato, direttamente dal microfono incluso nel dispositivo in uso.

L'operazione ovviamente più semplice è quella di scegliere un brano musicale di sottofondo, dalla nutrita libreria che la stessa Adobe mette gratuitamente a disposizione. È sufficiente posizionarsi sulla colonna di destra della pagina dell'editor e, tra le varie opzioni, scegliere Musica così come evidenziato in Figura 1.

Figura 1. Colonna Musica (click per ingrandire)Colonna Musica

Come facile apprendere dall'interfaccia, i primi comandi a disposizione riguardano operazioni davvero di base. Il primo slider, denominato Musica Attivata, permette di abilitare o rimuovere la riproduzione sonora di sottofondo. Un'opzione utile per chi volesse realizzare un video senza audio. Ancora, è disponibile un comodo controllo del volume per la riproduzione stessa.

A questo punto, si può procedere tramite due modalità diverse. La prima prevede di scegliere uno dei brani disponibili in lista, la seconda di aggiungere un file musicale presente sul proprio computer. Partendo proprio dalla prima di queste modalità, è sufficiente scorrere l'archivio presente nella colonna e attivare i controlli di riproduzione posti di fianco al titolo, per sentirne una breve anteprima, come illustrato in Figura 2. Cliccando sul titolo stesso, invece, la traccia verrà inserita nel proprio filmato. I brani sono raggruppati in comode categorie, a seconda del loro genere e delle sensazioni in grado di suscitare: Felice, Giocosa, Rilassata, Trascinante, Tematica, Meditativa, Edificante e calda.

Figura 2. Scelta del brano musicale (click per ingrandire)Scelta del brano musicale

L'aggiunta di un proprio brano musicale, nel frattempo, avviene in modo altrettanto immediato: basterà selezionare il pulsante Aggiungi la mia Musica e, all'apertura della finestra di dialogo nel proprio sistema operativo, selezionare il brano di proprio interesse così come evidenziato in Figura 3. I formati supportati sono i più comuni, come il classico MP3.

Figura 3. Aggiungere un proprio brano (click per ingrandire)Aggiungere un proprio brano

Così come anticipato poc'anzi, Adobe Spark offre la possibilità di registrare del parlato, sfruttando i microfoni integrati nel dispositivo in uso. Per farlo, è sufficiente selezionare la clip di proprio interesse, premendo il tasto rosso riportante l'icona di un microfono. A questo punto, a seconda delle impostazioni del proprio browser, una finestra pop-up potrebbe richiedere di acconsentire all'accesso da parte del software alla componente hardware in questione. Un esempio è riportato in Figura 4.

Figura 4. Registrazione del parlato (click per ingrandire)Registrazione del parlato

Durata delle clip

Naturalmente, quando si ha a che fare con della musica di sottofondo oppure di una registrazione del parlato, è molto importante poter modificare la durata delle singole clip, affinché possano adattarsi all'estensione del singolo audio. Anche in questo caso, Spark offre delle opzioni davvero immediate.

Dopo aver selezionato la clip di proprio interesse, è sufficiente posizionarsi con il mouse sopra al conteggio in secondi, riportato in basso a destra nella stessa clip. Cliccandoci, così come illustrato in Figura 5, verrà mostrata a schermo una comoda levetta per aumentare o diminuire la durata a proprio piacere.

Figura 5. Durata delle clip (click per ingrandire)Durata delle clip


Ti consigliamo anche