Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 97 di 97
  • livello avanzato
Indice lezioni

Instant app

Le instant app sono applicazioni che possono essere eseguite senza richiederne l'installazione, basate su Google Play Instant: ecco come crearle.
Le instant app sono applicazioni che possono essere eseguite senza richiederne l'installazione, basate su Google Play Instant: ecco come crearle.
Link copiato negli appunti

Le Instant app sono applicazioni che possono essere eseguite senza richiederne l'installazione: per attivarle, sarà sufficiente disporre di un link. Tutto ciò è basato sulla
piattaforma Google Play Instant, la stessa che permette
di provare dal Play Store un'app - tramite la pressione del pulsate "Prova ora" - senza doverla prima installare.

Per poter creare le proprie Instant app, è innanzitutto necessario scaricare l'Instant App SDK mediante l'SDK Manager. Su Android Studio può essere
trovato nella seconda scheda, SDK Tools, alla voce Instant Apps Developement SDK, come mostra la figura seguente:

Figura 1. Scaricare Instant Apps Developement SDK (click per ingrandire)

Scaricare Instant Apps Developement SDK

Un progetto con Instant App mostrerà differenze rispetto ad uno tradizionale, non tanto nella parte applicativa quanto nell'organizzazione del
processo di building.

Un progetto che prevede l'uso di Instant App segue una struttura a moduli. Ve ne saranno solitamente almeno tre caratterizzati da diversi plugin
Gradle impiegati:

  • il modulo feature conterrà il grosso della logica dell'applicazione. Costituirà la base per gli altri moduli che, in realtà,
    serviranno per lo più a configurare le modalità di installazione/avvio. Il plugin che caratterizza il file build.gradle è com.android.feature;
  • il modulo application rappresenta la versione installabile dell'app (quella tradizionale, per intenderci) e sarà caratterizzato dal
    modulo com.android.application. Solitamente, non avrà bisogno di contenere codice ma consumerà quello presente nel modulo feature;
  • il modulo instant app si basa sul plugin com.android.instantapp. Servirà a determinare l'avvio dell'instant app e non possiederà
    codice consumando anch'esso il modulo feature.

Tale organizzazione può essere apportata ad un progetto "manualmente" o impostata da Android Studio nel momento in cui se ne
crea uno da zero. In quest'ultimo caso, si dovrà selezionare l'apposita checkbox che appare durante la creazione guidata:

Figura 2. Supporto a Instant App (click per ingrandire)

Supporto a Instant App

Linee guida

Indipendentemente dal fatto che si stia creando un progetto nuovo o se ne stia riorganizzando uno precedente, includere Instant App richiede di seguire
alcune linee guida che varranno in ogni caso. Sommariamente il processo consisterà nei seguenti step:

  • creazione del modulo feature con l'inclusione di tutto il codice;
  • creazione di un modulo applicativo e suo collegamento al modulo feature. A questo punto, la versione installabile dell'app sarà pronta
    e varrà la pena provarla per essere sicuri di aver proceduto correttamente sin qui;
  • creazione del modulo instant app e suo collegamento al modulo feature. A questo punto si potrà provare la versione "non installata" dell'app
    anche in debugging direttamente dall'IDE.

Il secondo ed il terzo passaggio saranno per lo più veloci in quanto non richiederanno scrittura di codice ma sarà necessario compierli con estrema
cura pena l'impossibilità di avviare il progetto in almeno una delle due modalità.

Il modulo base feature

Il modulo base feature viene spesso denominato base o con un nome simile ma sicuramente non app in modo da non confonderlo con un modulo
applicativo. Se si sta riorganizzando un progetto esistente, il primo passo consisterà nel trasformare i moduli applicativi in moduli feature e rinominarli secondo
tali canoni.
Il file build.gradle avrà tre caratteristiche fondamentali. Si osservi il seguente frammento di codice:

apply plugin: 'com.android.feature'
android {
...
baseFeature true
...
...
}

Non viene caricato il plugin com.android.application, bensì com.android.feature e all'interno del blocco android inseriamo la proprietà baseFeature
impostata a true. Altro aspetto fondamentale: non appare la proprietà applicationId in quanto questa può essere collocata
solo in un modulo con plugin com.android.application.

Il modulo applicativo

Il modulo applicativo potrà essere definito tramite la creazione guidata di Android Studio selezionando la tipologia Phone and Tablet Module.
Di norma, non avremo bisogno nemmeno di includervi un'Activity. Il suo file AndroidManifest.xml potrà avere una forma minimale con un contenuto
simile a questo:

<manifest xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android"
package="it.html.helloworldinstallato">
</manifest>

Il file build.gradle vedrà la presenza del plugin com.android.application e dell'applicationId. Inoltre, tra le dipendenze avremo
il legame con il modulo base feature mediante la direttiva implementation project(':base'). Il seguente snippet
evidenzia tali punti cardine:

apply plugin: 'com.android.application'
android {
defaultConfig {
...
applicationId "it.html.helloworldinstallato"
...
}
...
...
}
dependencies {
...
implementation project(':base')
...
}

A questo punto, la versione installabile dell'applicazione può essere avviata e, come detto, converrebbe sempre provarla per avere conferma della
sua corretta configurazione.

Il modulo Instant App

Possiamo ora aggiungere un ulteriore modulo ma questa volta di tipo Instant app:

Figura 3. Creazione di un modulo Instant App (click per ingrandire)

Creazione di un modulo Instant App

Il file build.gradle di tale modulo consisterà nelle seguenti righe:

apply plugin: 'com.android.instantapp'
dependencies {
implementation project(':base')
}

In esso, abbiamo così impostato com.android.instantapp come plugin e la dipendenza dal modulo base feature.
L'avvio di un'Instant App si basa sulla definizione di un link definito secondo la tecnologia App Links. Quest'ultima permette
di creare un collegamento diretto ad un componente dell'applicazione, ad esempio una singola Activity. Ci si può far supportare
dal tool App Links Assistant accessibile dal menu Tools che permette di aggiungere il link collegato all'Activity principale
dell'applicazione. App Links Assistant mostra un pannello che scandisce quattro passaggi tramite i quali si passerà dalla definizione dell'URL fino al suo
test su dispositivo.

Al termine della procedura, potremo vedere il risultato nel file AndroidManifest.xml dove apparirà uno specifico <intent-filter> all'interno dell'Activity principale:

<activity android:name=".MainActivity">
<intent-filter>
<action android:name="android.intent.action.MAIN" />
<category android:name="android.intent.category.LAUNCHER" />
</intent-filter>
<intent-filter>
<action android:name="android.intent.action.VIEW" />
<category android:name="android.intent.category.DEFAULT" />
<category android:name="android.intent.category.BROWSABLE" />
<data
android:scheme="http"
android:host="example.com"
android:pathPattern="/myapp" />
</intent-filter>
</activity>

Il blocco <data> specifica un URL che permetterà di attivare l'Instant App. In questo caso, abbiamo usato un indirizzo del tutto fittizio
(http://example.com/myapp, la concatenazione delle tre porzioni) e ciò permette nonostante tutto di provare il progetto in ogni modalità
all'interno di Android Studio.


Ti consigliamo anche