Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Esplorare il filesystem con Linux 'cd', 'ls' e 'dir'

I principali comandi per muoversi tra i file di linux
I principali comandi per muoversi tra i file di linux
Link copiato negli appunti

È il momento di imparare una "lingua" che il sistema saprà riconoscere e che ci permetterà di poter interagire con esso!

Prima di iniziare la carrellata di comandi, ricordiamo una cosa: noi saremo quanto più precisi possibile, ma non ci sarà possibile per evidenti motivi spiegare tutte le opzioni per ogni singolo comando: per ogni informazione aggiuntiva che vi interessi avere rivolgetevi alla pagine di manuale digitando

man comando

come abbiamo visto nella lezione sulla documentazione.

Ed è finalmente ora di iniziare con l'esplorazione dei più comuni comandi che il nostro Linux ci mette a disposizione. Il primo comando che vedremo, essenziale per muoversi fra le directory e certamente noto a molti, è cd.

cd Linux

Senza argomenti, cd ci riporta alla nostra home directory; con un argomento, che dovrà essere un nome di directory, cd ci porterà all'interno della directory specificata. Utilizzato con l'argomento -, cd ci riporta alla directory di provenienza. Facciamo un esempio e digitiamo:

cd /tmp

per entrare nella directory /tmp. A questo punto digitiamo:

cd

per tornare nella nostra home directory.

Per finire, digitiamo

cd -

e ci vedremo ancora in /tmp !

Linux ls e dir

Il secondo comando, anch'esso noto a chi abbia lavorato con un sistema DOS, è dir, che elenca file e directory presenti nella directory corrente, se non altrimenti specificato. Molto spesso, per non dire sempre, al posto di dir si usa il comando ls (abbreviazione per list): essi hanno non solo la stessa funzione, ma anche la stessa identica sintassi: lo potete constatare confrontando le pagine di manuale relative all'uno ed all'altro comando.

Normalmente, ls (o dir) visualizza i file in ordine alfabetico e non visualizza i file nascosti, quelli cioè il cui nome inizia con un punto: per vedere anche questi file, dobbiamo utilizzare l'opzione -a (all) che ci svelerà la presenza anche di due directory: "." e ".."; la prima è la rappresentazione della directory corrente, la seconda della directory precedente nell'albero delle directory: così, con:

ls .

vedremo la lista dei file e delle directory presenti nella directory corrente, con

ls ..

vedremo invece la lista dei file e delle directory (d'ora in poi generalizzeremo dicendo solo "file") presenti nella directory "madre" della directory corrente.

Inoltre, per vedere il contenuto di una directory senza dovercisi spostare, è ovviamente possibile digitare

ls /nome/della/directory

Opzioni di ls

Ma torniamo alle opzioni di ls: con -l potremo utilizzare il "long listing format", che ci darà maggiori informazioni sui file. Un output potrebbe essere questo:

-rw-r--r--  1 edo   edo     9306 mag 28 18:41 prova.txt
drwxr-sr-x  5 edo   edo     4096 gen 13  2001 GNUstep
drwx--S---  2 edo   edo     4096 apr 18 02:08 Mail
drwxr-sr-x  2 edo   edo     4096 lug 21 17:23 mirrored
drwx--S---  2 edo   edo     4096 gen  8  2001 nsmail
-rw-r-----  1 edo   edo   155403 ago 12 11:42 out.jpeg
drwxr-sr-x  2 edo   edo     4096 apr  9 01:56 prove
drwxr-sr-x  2 edo   edo     4096 mar  8 15:38 public_html

Qui notiamo molte informazioni in più su ogni file, non solo il suo nome! Ad esempio, vediamo a chi appartiene, la sua grandezza e la data di creazione. Per il blocco di informazioni riportate sulla sinistra non abbiate fretta: lo esamineremo in seguito; per il momento, sappiate solo che è un insieme di caratteri che definiscono le caratteristiche di ogni file.

Altre opzioni, forse meno utilizzate ma sempre utili sono:

Opzione Descrizione
-h che esprime la grandezza del file in formato più facilmente leggibile (ad esempio, 2K, 32M, 4G, etc.); non ha senso se utilizzato da solo, ma può essere utile accoppiato con -l
--color che distingue tramite colori i i tipi di file
-S per ordinare i file in ordine di grandezza discendente
-t per odrinare i file in ordine di creazione discendente (i più recenti in alto)

Per avere tutte le possibili opzioni relative al comando ls, vi rimandiamo alla pagina di manuale del comando stesso.


Ti consigliamo anche