Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Un po'di storia

Storia di XML: dall'ideazione alla standardizzazione del W3C
Storia di XML: dall'ideazione alla standardizzazione del W3C
Link copiato negli appunti

Internet ed il Web, per la loro stessa natura non centralizzata ed aperta a macchine e persone di diversa natura, hanno bisogno di standard per poter essere utilizzabili e per poter evolvere senza forzature. A questo scopo è stato istituito il Worl Wide Web Consortium nel dicembre del 1994 con l'obiettivo di definire standard accettati dai maggiori produttori di software per il Web, primo fra tutti il linguaggio HTML.

Tuttavia, l'assalto commerciale ad Internet degli anni '90 e la rapida diffusione del Web ha scatenato una delle lotte più agguerrite sul piano tecnico e commerciale: la guerra dei browser tra Netscape e Microsoft. Ciascun contendente introduceva, con ogni nuova versione del proprio browser, una estensione proprietaria all'HTML ufficiale. Il risultato di tale battaglia era che un sito Web che voleva utilizzare le estensioni proprietarie di un browser rischiava di risultare inaccessibile agli altri browser. La situazione peggiorò con l'introduzione del Dynamic HTML, le cui implementazioni erano quasi totalmente arbitrarie.

In questo panorama il W3C era costretto a rincorrere le evoluzioni de facto dell'HTML e doveva scegliere quali caratteristiche standardizzare e quali invece lasciare fuori dalle specifiche ufficiali dell'HTML.

In questo contesto cominciò a delinearsi la necessità di un linguaggio di markup che offrisse maggiore libertà nella definizione dei tag pur rimanendo nell'ambito del rispetto di uno standard. Fu così che nel 1996 si costituì l'XML Working Group nell'ambito del W3C. Lo scopo del gruppo di lavoro era quello di definire un linguaggio che salvasse gli standard e offrisse libertà di estensione.

La ricerca partì, come era già accaduto in passato per l'HTML, dal linguaggio SGML (Standard Generalized Markup Language), un meta-linguaggio per la definizione di linguaggi di markup. Questo linguaggio risultava però troppo complesso per gli scopi della ricerca e pertanto fu snellito da alcune caratteristiche e semplificato in alcuni punti per renderlo adatto allo scopo.

Nel dicembre '97 le specifiche di XML venivano pubblicate come Proposed Recommendation. Tuttavia, anche se gli obiettivi iniziali della nascita di XML erano rivolti alla soluzione di un problema di standard per il Web, ben presto ci si accorse che XML non era limitato al solo contesto Web. Esso risulta essere abbastanza generale per poter essere utilizzato nei più disparati contesti: dalla definizione della struttura di documenti allo scambio di informazioni tra sistemi diversi, dalla rappresentazione di immagini alla definizione di formati di dati. Questo aspetto rappresentava una rivoluzione.


Ti consigliamo anche