Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

I tipi di dati

Introduzione ai tipi di dati alle costanti e alle variabili.
Introduzione ai tipi di dati alle costanti e alle variabili.
Link copiato negli appunti

Prima di entrare nel "vivo" di questo corso e di iniziare a lavorare con Visual Basic, è necessario spendere qualche parola su alcuni concetti molto importanti che stanno alla base di ogni linguaggio di programmazione; questa lezione può sembrare noiosa, ma contiene delle informazioni fondamentali, senza conoscere le quali è impossibile procedere con lo studio di VB.

Innanzi tutto, vediamo di capire cosa sono le costanti e le variabili. È possibile pensare ad esse come a contenitori in cui si trovano delle informazioni, cioè dei valori; più precisamente, costanti e variabili sono riferimenti a locazioni di memoria in cui sono salvati determinati valori. Non ci interessa sapere qual è l'esatto indirizzo della memoria che contiene questi valori: è Visual Basic che si occupa di andare a recuperare nella memoria il valore associato alla variabile o alla costante che stiamo utilizzando. La differenza tra costanti e variabili è questa: le costanti, come dice il nome stesso, una volta impostate non sono più modificabili, mentre le variabili (anche in questo caso il nome è illuminante) possono essere modificati ogni volta che si desidera.

Ad esempio, se creiamo (tra poco vedremo come) una costante di nome Pippo e impostiamo il suo valore su 10, in seguito non possiamo modificarla, quindi tale costante varrà 10 per tutta l'esecuzione del programma. Se, invece, abbiamo una variabile Pluto, possiamo modificare il suo valore in ogni momento, quindi possiamo inizialmente assegnarli il valore 4, poi 9, poi 3, e così via.

Un altro punto nodale in qualsiasi linguaggio di programmazione è la distinzione dei tipi di dato. Come è facile intuire, un programma lavora con dati di tipo diverso, cioè stringhe (ovvero sequenze di caratteri) e numeri; questi ultimi, poi, si dividono ulteriormente a seconda che siano numeri interi, decimali, che indichino valute, etc.

Questa distinzione è molto importante, perchè ogni tipo di dato ha una dimensione (cioè un'occupazione in memoria) diversa: ad esempio, un numero intero occupa meno memoria di un numero decimale a precisione doppia. Tali particolari possono sembrare delle sottigliezze, però quando si sviluppano applicazioni di una certa complessitàessi vengono ad assumere un'importanza rilevante. Vediamo ora i tipi di dati fondamentali in Visual Basic, ricordando che nella Guida in linea del linguaggio è possibile trovare altre informazioni su questo argomento:

Tipo di dato Dimensione in memoria Intervallo
Boolean 2 byte true (-1) o False (0)
Integer (intero) 2 byte Da -32.768 a 32.767
Long (intero lungo) 4 byte Da -2.147.483.648 a 2.147.483.647
Single (virgola mobile a precisione semplice) 4 byte Da -3,402823E38 a -1,401298E-45 per valori negativi;da 1,401298E-45 a 3,402823E38 per valori positivi
Double (virgola mobile a precisione doppia) 8 byte Da -1,79769313486232E308 a -4,94065645841247E-324 pervalori negativi; da 4,94065645841247E-324 a 1,79769313486232E308 per valori positivi
String 10 byte + lunghezza stringa (10 byte + numero caratteri) Da 0 a circa 2 miliardi

Detto questo, possiamo ritornare al discorso con cui abbiamo aperto la lezione e analizzare la dichiarazioni di costanti e variabili in VB. Le costanti si dichiarano in questo modo:

Const Nome [As Tipo] = valore

Const è una parola chiave riservata di VB che si usa per definire una costante. Nome è il nome che si sceglie di attribuire alla costante. Nella scelta dei nomi (sia delle costanti, delle variabili, ma anche delle procedure, delle funzioni e dei controlli, che vedremo più avanti), è necessario seguire alcune regole. I nomi non devono essere più lunghi di 40 caratteri, non posso iniziare con un numero nè contenere spazi e caratteri come ?, !, :, ;, . e ,.

Visual Basic, al contrario di altri linguaggi come il C o Java, non fa differenza tra maiuscole e minuscole.

As è un parametro opzionale che indica il Tipo di dato contenuto nella costante; se non viene specificato, il compilatore lo determinerà sulla base del valore assegnato alla costante stessa. valore è il valore vero e proprio della costante. Ecco alcuni esempi di dichiarazioni di costanti:

Const PI = 3.14 Const Nome As String = "Marco"

Una sintassi analoga è quella che permette di dichiarare le variabili:

Dim nome [As Tipo]

In questo caso si usa la parola chiave Dim per indicare al compilatore che quella che si sta per definire è una variabile. Le convenzioni per il nome sono le stesse che sono state accennate a proposito delle costanti. Anche per le variabili il parametro As è opzionale: se non viene specificato, la variabile verrà dichiarata di tipo Variant, un particolare tipo che può contenere dati di tutti i tipi. È sconsigliabile definire variabili di tipo Variant, se non espressamente necessario, dal momento che questo tipo di dato occupa molta memoria. Ecco alcuni esempi di dichiarazioni di variabili.

Dim Utenti As Integer
Dim Nome As String, Cognome As String

Per maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questa lezione, cercare l'argomento Riepilogo dei tipi di dati nella Guida in linea di Visual Basic.


Ti consigliamo anche