Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Introduzione a GraphQL

GraphQL è un query language nato per superare le limitazioni di REST, e spesso usato insieme ai database NoSQL: eccone le principali caratteristiche.
GraphQL è un query language nato per superare le limitazioni di REST, e spesso usato insieme ai database NoSQL: eccone le principali caratteristiche.
Link copiato negli appunti

GraphQL è un meccanismo di
accesso alle API creato da Facebook nel 2012, ma rilasciato pubblicamente solo nel 2015. Si tratta di un linguaggio di interrogazione (o query language) nato con lo scopo di offrire
un'alternativa ai classici schemi, ed in particolare di superare i limiti ravvisati nel paradigma
REST.

GraphQL non rappresenta una rottura totale con REST, bensì prosegue
sulla stessa via ereditandone i principali elementi fondanti:

  • fa leva sul protocollo HTTP sfruttando gli elementi che al suo interno lo
    predispongono naturalmente ad essere un vettore di richieste e risposte tra client e
    server (metodi, intestazioni, parametri, etc.);
  • comporta un basso overhead risultando pertanto particolarmente efficiente;
  • si ispira al principio della semplicità non richiedendo strutture dati o meccanismi
    particolarmente complessi per svolgere i compiti assegnati.

Quello che per GraphQL può essere considerato però il principio cardine - aspetto
in cui vuole contraddistinguersi da REST - è la capacità di permettere ai client
di richiedere solo i dati cui si è interessati
, con la massima precisione. Questo
sembra essere un obiettivo troppo spesso mancato da REST, che è sempre stato afflitto da due
problemi. Il primo è l'over-fetching, situazione in cui un endpoint risponde troppo genericamente
offrendo una gran mole di dati che il client in buona parte non usa, ma che deve
comunque elaborare. Il secondo problema, opposto al primo, prende nome di under-fetching per cui un
endpoint risponde con informazioni troppo stringate per cui un client può avere un set completo di dati solo inoltrando
più richieste con le immaginabili conseguenze in termini di efficienza e consumo di banda, tanto per sè stesso quanto
per il server.

Oltre a questo aspetto, GraphQL presenta ulteriori punti di forza che ne hanno permesso
un veloce successo tra un grande pubblico di sviluppatori:

  • mentre REST si fonda sul principio della "mappatura" di risorse con endpoint di rete,
    GraphQL permette di accedere a più risorse attraverso una singola richiesta. Questo
    permette di evitare richieste multiple a più URL, come può capitare in REST: una
    caratteristica introdotta strizzando l'occhio al mondo mobile;
  • si favorisce al massimo l'utilizzo dei tipi di dato per indurre una maggiore identificazione
    dei dati ed una migliore visibilità sugli errori;
  • la flessibilità nella formulazione delle query permette di predisporre ulteriori
    campi senza compromettere la correttezza delle interrogazioni già in produzione. Questo è sempre stato un limite di
    REST nel quale, infatti, si ricorre spesso al versioning delle funzionalità per poter distinguere
    con quali API un client può dialogare. Il versioning non trova pertanto applicazione in GraphQL.

Nelle prossime lezioni, inizieremo a fare pratica con GraphQL predispondendo un nostro servizio di prova
e sperimentandolo con vari client.


Ti consigliamo anche