Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 17 di 58
  • livello intermedio
Indice lezioni

Operatori e funzioni

Conoscere ed utilizzare i principali operatori e le funzioni fondamentali per l'interazione e l'elaborazione dei dati di un database MySQL.
Conoscere ed utilizzare i principali operatori e le funzioni fondamentali per l'interazione e l'elaborazione dei dati di un database MySQL.
Link copiato negli appunti

Operatori e funzioni vengono utilizzati in diversi punti delle istruzioni
SQL. Ad esempio per determinare i valori da selezionare, per determinare
le condizioni in una WHERE, o nelle clausole ORDER BY, GROUP BY, HAVING.
Vedremo ora i principali, tenendo a mente un paio di regole generali:

  • Un'espressione che contiene un valore NULL restituisce
    sempre NULL come risultato, salvo poche eccezioni.
  • Fra il nome di una funzione e le parentesi che contengono i parametri
    non devono rimanere spazi. È possibile modificare questo comportamento
    con l'opzione --sql-mode=IGNORE_SPACE, ma in questo caso i nomi
    di funzione diventano parole riservate.

Quelle che stiamo per elencare, come detto, sono solo alcune delle
funzioni disponibili: per una lista e una descrizione completa vi
rimandiamo al manuale
ufficiale
.

Per cominciare, i classici operatori aritmetici:

  • "+" (addizione)
  • "-" (sottrazione)
  • "*" (moltiplicazione)
  • "/" (divisione)
  • "%" (modulo - resto della divisione)

Ricordate che una divisione per zero dà come risultato (e modulo) NULL.

Passiamo agli operatori di confronto: il risultato di
un'espressione di confronto può essere "1" (vero),
"0" (falso), o NULL.

Gli operatori sono:

  • "=" (uguale)
  • "<>" o "!=" (diverso)
  • "<" (minore)
  • ">" (maggiore)
  • "<=" (minore o uguale)
  • ">=" (maggiore o uguale)
  • "<=>" (uguale null-safe)

Con quest'ultimo operando otteniamo il valore 1 se entrambi i valori sono
null, e 0 se uno solo dei due lo è.

Abbiamo quindi i classici operatori logici:

  • NOT
  • AND
  • OR
  • XOR (OR esclusivo)

Come sinonimo di NOT possiamo usare "!";
"&&" al posto di AND, e "||" al
posto di OR.

Abbiamo poi IS NULL e IS NOT NULL per
verificare se un valore è (o non è) NULL; BETWEEN per
test su valori compresi fra due estremi (inclusi); IN
per verificare l'appartenenza di un valore ad una lista di valori dati.

Vediamo un esempio:

SELECT a,b,c,d,e,f,g FROM t1
WHERE a=b AND a<=c
AND (d=5 OR d=8)
AND e BETWEEN 7 and 9
AND f IN('a','b','c')
AND g IS NOT NULL;

Questa query estrae le righe di t1 in cui a è uguale a
b ed è minore o uguale a c, d è uguale a 5 o a
8, e è compreso fra 7 e 9, f ha uno dei valori espressi
fra parentesi e g non ha un valore NULL.

Come avete visto abbiamo usato le parentesi per indicare che
l'espressione "d=5 or d=8" deve essere valutata prima delle altre. Il
consiglio è di utilizzarle sempre in questi casi, invece di imparare a
memoria il lungo elenco delle precedenze.

Molto importante è l'operatore LIKE, utilizzabile per
trovare corrispondenze parziali sulle stringhe. Possiamo usare due
caratteri jolly nella stringa da trovare: "%" che
rappresenta "qualsiasi numero di caratteri o nessun carattere", e
"_" che invece corrisponde esattamente ad un carattere.

Quindi, ad esempio:

SELECT * FROM tab1 WHERE colonna LIKE 'pao%';
SELECT * FROM tab1 WHERE colonna LIKE '_oro';
SELECT * FROM tab1 WHERE colonna LIKE '%oro';

La prima query troverà 'paolo', 'paola' e 'paolino'; la seconda troverà
'moro' ma non 'tesoro' perchè si aspetta esattamente un carattere in
testa alla stringa; l'ultima invece troverà 'moro', 'tesoro' e anche
'oro'.

La funzione CAST converte un dato in un tipo diverso da
quello originale (ad esempio un numero in stringa). Il tipo di dato
ottenuto può essere: DATE, DATETIME, TIME, DECIMAL, SIGNED INTEGER,
UNSIGNED INTEGER, BINARY, CHAR. Con questi ultimi due può essere
specificata anche la lunghezza richiesta.

SELECT CAST(espressione AS DATE)
-> converte in formato data
SELECT CAST(espressione AS BINARY(5))
-> converte in una stringa binaria di 5 byte

È anche possibile utilizzare l'operatore BINARY come
sintassi veloce per considerare la stringa seguente come binaria; questo
fa sì che eventuali confronti vengano fatti byte per byte e non carattere
per carattere, rendendo sempre significativa la differenza fra maiuscole
e minuscole, così come gli spazi in fondo alle stringhe.

SELECT 'a' = 'A'
SELECT BINARY 'a' = 'A'

Il primo di questi due test sarà vero, il secondo sarà falso. "BINARY
'a'" equivale a "CAST('a' AS BINARY)".

Esiste poi una funzione CONVERT (... USING ...) utile
per convertire una stringa fra diversi character set (vedere lez.10). Ad
esempio:

SELECT CONVERT('abc' USING utf8)

Restituisce la stringa 'abc' nel set di caratteri utf8. Attenzione:
esiste un'altra sintassi della funzione CONVERT, che però è un sinonimo
di CAST: ad esempio CONVERT(espressione,DATE) corrisponde al
primo esempio visto in precedenza su CAST.

Funzioni per il controllo di flusso

Sono utili quando vogliamo eseguire dei test sui valori contenuti in una
tabella e decidere cosa estrarre in base al risultato. Le indichiamo con
la loro sintassi:

- CASE valore WHEN [valore1] THEN risultato1
[WHEN [valore2] THEN risultato2 ....] [ELSE
risultatoN] END
- CASE WHEN [condizione1] THEN risultato1 [WHEN
[condizione2] THEN risultato2 ...] [ELSE
risultatoN] END
-
IF(espressione1,espressione2,espressione3)

- IFNULL(espressione1,espressione2)
- NULLIF(espressione1,espressione2)

Le prime due (CASE) sono quasi uguali: nel primo caso
viene specificato un valore che sarà confrontato con quelli espressi dopo
la WHEN; il primo che risulta uguale determinerà il risultato
corrispondente (quello espresso con THEN).

Nel secondo caso non c'è un valore di riferimento, ma vengono valutate le
varie condizioni come espressioni booleane: la prima che risulta vera
determina il risultato corrispondente. In entrambi i casi, se è presente
il valore ELSE finale viene usato nel caso in cui nessuna delle
condizioni precedenti sia soddisfatta (in mancanza di ELSE verrebbe
restituito NULL).

Con la IF viene valutata la prima espressione: se vera
viene restituita la seconda, altrimenti la terza. IFNULL
restituisce la prima espressione se diversa da NULL, altrimenti la
seconda. NULLIF restituisce NULL se le due espressioni
sono uguali; in caso contrario restituisce la prima.

Funzioni sulle stringhe

CONCAT e CONCAT_WS si utilizzano per
concatenare due o più stringhe, nel secondo caso aggiungendo un
separatore.

LOWER e UPPER consentono di trasformare
una stringa, rispettivamente, in tutta minuscola o tutta maiuscola.

LEFT e RIGHT estraggono n caratteri a
sinistra o a destra della stringa.

LENGTH e CHAR_LENGTH restituiscono la
lunghezza di una stringa, con la differenza che la prima misura la
lunghezza in byte, mentre la seconda restituisce il numero di caratteri;
evidentemente i valori saranno diversi per le stringhe che contengono
caratteri multi-byte.

LPAD e RPAD aggiungono, a sinistra
(LPAD) o a destra, i caratteri necessari a portare la stringa alla
lunghezza specificata (eventualmente accorciandola se più lunga).

LTRIM e RTRIM eliminano gli spazi a
sinistra (LTRIM) o a destra.

SUBSTRING restituisce una parte della stringa, a partire
dal carattere specificato fino alla fine della stringa o, se indicato,
per un certo numero di caratteri.

FIND_IN_SET, infine, è una funzione particolarmente
utile con i campi di tipo SET, per verificare se un dato valore è attivo.

Alcuni esempi, seguiti dai rispettivi risultati:

SELECT CONCAT_WS(';','Primo','Secondo','Terzo');
-> Primo;Secondo;Terzo
SELECT LOWER('Primo');
-> primo
SELECT RIGHT('Primo',2);
-> mo
SELECT LENGTH('Primo');
-> 5
SELECT LPAD('Primo',7,'_');
-> __Primo
SELECT LTRIM(' Primo');
-> Primo
SELECT SUBSTRING('Primo',2);
-> rimo
SELECT SUBSTRING('Primo',2,3);
-> rim
SELECT * FROM tabella WHERE FIND_IN_SET('Primo',col1)
> 0
-> (restituisce le righe in cui il valore 'Primo' è attivo nella
colonna col1, ipotizzando che si tratti di una colonna di tipo SET)

Funzioni matematiche

ABS restituisce il valore assoluto (non segnato) di un
numero; POWER effettua l'elevamento a potenza (richiede
base ed esponente); RAND genera un valore casuale
compreso tra 0 e 1.

Abbiamo poi le funzioni di arrotondamento, che sono:

  • FLOOR (arrotonda all'intero inferiore)
  • CEILING (all'intero superiore)
  • ROUND (arrotonda all'intero superiore da .5 in su,
    altrimenti all'inferiore)
  • TRUNCATE che tronca il numero (non arrotonda) alla
    quantità specificata di decimali

Ecco gli esempi:

SELECT ABS(-7.9);
-> 7.9
SELECT POWER(3,4);
-> 81
SELECT RAND();
-> 0.51551992494196 (valore casuale)
SELECT CEILING(6.15);
-> 7
SELECT ROUND(5.5);
-> 6
SELECT TRUNCATE(6.15,1);
-> 6.1

Se abbiamo bisogno di generare un intero compreso fra x e y, possiamo
usare questa formula: "FLOOR(x + RAND() * (y - x + 1))". Ad esempio, per
avere un numero compreso fra 1 e 100:

SELECT FLOOR(1 + RAND() * 100);


Ti consigliamo anche