Quando si programmano GUI sfruttando Qt, è indispensabile fare uso della programmazione ad eventi: ecco come sfruttarla tramite l’uso di segnali e slot.

Utilizzare la conversione di tipo dinamica (dynami cast) per convertire il tipo di variabili all’interno di un programma scritto in C++.

Mi sto avvicinando da poco a Python, e vedo che l’ultima versione stabile disponibile è la 3.7. Però ho anche l’impressione che molte persone usino Python 2.x, e non capisco se vale la pena imparare qualcosa in più in merito a questa versione precedente. Ci sono grosse differenze?

Ultimamente sento sempre più spesso parlare di machine learning. Da quel che ho capito, sembra una competenza sempre più richiesta, ma vorrei capire se è effettivamente il caso di approfondirla. Se sì, che tipo di tecnologie possono essere utili? Cosa dovrei imparare e/o approfondire?

QObject è la classe fondamentale su cui si basa l’architettura del framework Qt: ecco come usarla sfruttando il paradigma della programmazione a eventi.

Cos’è, a cosa serve e come si usa il cast statico in C++, con particolare attenzione al suo funzionamento insieme al polimorfismo, gli enum e quant’altro.

Qt Creator è una IDE per lo sviluppo di interfacce grafice (GUI) basate su Qt: ecco una panoramica delle sue funzionalità, e come utilizzarlo.

Comprendere come funzionano, e come possono essere correttamente gestite, conversione di tipo (note anche come operazioni di casting) in C++.

Come installare l’SDK ed iniziare a programmare e sviluppare interfacce grafiche utilizzando le librerie del framework Qt.

Qt è un framework per lo sviluppo di interfacce grafiche multipiattaforma, basato su C++: eccone le principali caratteristiche.