Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Scrivere un articolo web gradito ai motori di ricerca

Tutti i passaggi e i trucchi per scrivere articoli che scalino le posizioni sul Web: dal contenuto al titolo
Tutti i passaggi e i trucchi per scrivere articoli che scalino le posizioni sul Web: dal contenuto al titolo
Link copiato negli appunti

Su molti siti sono presenti articoli che approfondiscono temi ritenuti interessanti per i visitatori del sito stesso. Tali testi sono spesso il migliore materiale per il posizionamento sui motori di ricerca ma la scrittura degli stessi fatta senza considerare alcune semplici regole può vanificare questa utilissima presenza di contenuti.

Riporto nel seguito alcune considerazioni utili nella redazione di articoli e pagine di approfondimento in relazione alla scalata delle posizioni tra i risultati forniti dai motori di ricerca.

L'obiettivo

L'obiettivo delle specifiche che seguono non è consentire la scrittura di articoli super ottimizzati che finiscano sicuramente nella prima pagina dei motori. Articoli di questo tipo, infatti, andrebbero scritti considerando le regole valide per il dato motore nel dato momento. Inoltre, tali scritti potrebbero presentarsi di dubbio gusto estetico o comunicativo.

Con le mie considerazioni, invece, vorrei aiutare chi scrive, nella produzione di contenuti che mantenendo la gradevolezza dello scritto e l'integrità della comunicazione, possano vantare delle pretese di ottimizzazione, in modo da aumentare le possibilità di buon piazzamento.

Nella mia esperienza personale, articoli scritti seguendo queste poche regole, finiscono spesso in prima pagina anche in settori inflazionati.

Un articolo in prima pagina per ogni tre pubblicati, potrebbe essere il nostro obiettivo. Potrà sembrare poco ma occorre considerare che spesso la percentuale è ben diversa: 10% ed anche meno.

La scelta del tema

La scelta del tema, ovviamente, non è sempre legata al posizionamento ma nasce da esigenze editoriali o di contenuti del sito.

È fondamentale, però, che un tema principale sia riconosciuto e che tutto l'articolo sia scritto in modo coerente con esso. Temi diversi andrebbero affrontanti con articoli diversi.

La scelta delle parole chiave

La parole chiave possono essere scelte con vari criteri:

  1. Se si intende spingere sui motori di ricerca il tema affrontato, le parole chiave devono essere ricavate da questo
  2. Le parole chiave possono essere attinenti ma non perfettamente centrate col tema, se l'articolo nasce col preciso scopo di rendere visibile per alcuni termini il sito

In ogni caso, le parole chiave scelte devono essere confrontate coi servizi online che forniscono dati sulle ricerche fatte nel periodo precedente sui motori. Sui forum è possibile avere informazioni aggiornate su tali servizi. Delle parole chiave occorre considerare due aspetti:

  1. La probabilità che siano cercate, secondo le statistiche fornite dai motori
  2. La difficoltà del raggiungere un buon piazzamento

Puntare su parole chiave con buone proiezioni di traffico ma scarsa possibilità di piazzamento, infatti, potrebbe risultare inutile.

Le chiavi devono essere poche e nel gruppo, una deve essere quella fondamentale e sulla quale puntare.

Esempio: corsi di flash, corsi flash, corso di flash, flash mx, corso di flash mx. "Corsi di flash" è quella che riteniamo più importante e la evidenziamo.

La lunghezza dell'articolo

La lunghezza dell'articolo è uno degli aspetti fondamentali. Gli studi sulla comunicazione e le specifiche dello scrivere per il web danno indicazioni importanti in relazione alla reale leggibilità delle pagine di contenuti. Tali indicazioni devono essere evidentemente seguite e compito del redattore è mediare con le regole per il posizionamento.

Per l'ottimizzazione in relazione ai motori di ricerca, ritengo che per temi per i quali la visibilità è importante, una buona tecnica è quella di scrivere sempre due testi: il primo, come sommario, sarà utile ai motori che prediligono pagine piccole (esempio Google); il secondo, di approfondimento, sarà pensato per i motori che preferiscono pagine lunghe (esempio Altavista).

Nell'impossibilità di operare in questo modo, è conveniente avere sempre articoli dal senso compiuto, trascurando la dimensione. Ciò, anche se apparentemente contrario alle regole dell'ottimizzazione, porta ad avere articoli di varie lunghezze e quindi mediamente visibili su vari motori. Ricordo, infatti, che scopo di queste specifiche non è produrre articoli super ottimizzati ma siti che mediamente sono visibili con testi di buona qualità.

La struttura del testo

Per una buona ripartizione delle chiavi all'interno del testo, ho trovato utile la seguente struttura:

  • sezione di introduzione senza alcun titolo
  • sezioni di due o tre paragrafi che approfondiscono le parti
  • sezione conclusiva
  • sezione laterale con link ed immagini

Ogni sezione ha un titolo che riporta, se possibile, la chiave. Quando la chiave non è nel titolo, dovrà essere nel testo. La sezione di introduzione iniziale deve avere almeno una ricorrenza o due della chiave. La sezione conclusiva deve avere almeno una ricorrenza della chiave, più possibile vicino al termine dell'articolo.

Ottimizzazione della key density

Tutto l'articolo deve essere scritto senza pensare all'ottimizzazione della key density in quanto quest'ultima può e deve essere corretta solo alla fine, intervenendo solo se necessario.

Testi scritti avendo in mente la key density, infatti, si presentano spesso sgradevoli e con eccessive ripetizioni di parole. Al termine della redazione del draft dell'articolo, una key density eccessiva potrà essere ridotta:

  • sostituendo qualche ripetizione della frase chiave con sinonimi o termini comunque ritenuti simili
  • alzando il numero di ripetizioni delle parole che non rientrano nelle chiavi
  • introducendo altre chiavi legate al tema

La key density troppo bassa potrà essere alzata:

  • diminuendo le ripetizioni di termini che non siano chiavi
  • inserendo le chiavi in immagini e link

Il 'title' dell'articolo

Secondo le regole dell'ottimizzazione delle pagine per i motori di ricerca, il tag title deve assolutamente contenere la chiave più importante che s'è scelta per l'articolo ed essere quanto più ridotto possibile.

La scelta di un titolo non deve essere necessariamente legato al title dell'articolo. Le statistiche sono concordi nel ritenere che siano ben pochi coloro i quali notano il title sulla finestra del browser. Importante, invece, è il fatto che su molti motori di ricerca il title compare nella lista dei risultati.

Effetti e formati del testo

La regola è semplice: la chiave importante dell'articolo deve essere evidenziata in qualche modo mediante i tag H1 ed il bold. Non è necessario che tutte le ricorrenze siano evidenziate.

I titoli delle sezioni possono essere efficacemente usati per inserirvi delle chiavi.

Di aiuto al miglioramento della tematizzazione dell'articolo sono i link ad altre pagine o documenti del sito che affrontino lo stesso argomento. I link possono essere inseriti nel corpo del testo (se la trattazione dell'argomento lo consente) o posti sui bordi della pagina in una colonna riservata a "altri documenti utili".

I link ad altri siti, in quantità modeste, aiutano ulteriormente la tematizzazione e, soprattutto nel caso siano restituiti, sono un'importante spinta per il posizionamento.

È opportuno che i link siano a pagine interne del sito che affrontino i medesimi argomenti. Le pagine statiche sono da preferirsi ed in generale è vero il principio per il quale le pagine indicate dovrebbero configurarsi come documenti definitivi. In ogni caso è opportuno un periodico controllo della reperibilità delle pagine. Molti motori di ricerca non amano i broken-link ed arrivano a penalizzare le pagine che ne contengono.

I siti indicati, inoltre, è opportuno che non abbiano dialer, pop-up o forme di ottimizzazione pericolose per i motori di ricerca.

Immagini e loghi

Ogni articolo dovrebbe contenere almeno un'immagine con link ad un sito o ad una pagina interna.

L'ALT dell'immagine deve contenere la chiave scelta per l'articolo. Tale tag può essere efficacemente usato per correggere la key density.

Fattori positivi per il posizionamento

Fattori esterni positivi per il buon posizionamento dell'articolo sono:

  • l'articolo è inserito su un sito che tratta approfonditamente l'argomento in altri documenti;
  • l'articolo è citato su forum o altri siti;
  • sulla home del sito è presente un link diretto all'articolo (magari con presentazione come nuova risorsa);
  • la chiave importante è presente nel nome del file;
  • il sito ha buona frequenza di aggiornamento

Conclusione

Come ribadito nella parte iniziale, è sbagliato pensare che seguendo queste regole tutti gli articoli scritti saranno in prima posizione. È vero, invece, che degli articoli scritti molti saliranno nella prima pagina (salvo settori veramente inflazionati) mantenendo comunque la scorrevolezza della lettura e un'immagine di buon livello per il sito che li ospita.


Ti consigliamo anche