Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Promozione di un ebook

Consigli e tecniche per farlo conoscere e vendere
Consigli e tecniche per farlo conoscere e vendere
Link copiato negli appunti

Se hai deciso di scrivere un ebook, nel tuo progetto non scordare un aspetto fondamentale. Come lo venderai? Soprattutto, come lo promuoverai?

Non dimenticare, infatti, che un ebook non si vende solo perché lo si è scritto. Occorre che la gente lo conosca e possa individuare la pagina sulla quale completare l'acquisto.

Studiare un budget

Prima cosa da fare. Quanto vuoi spendere per promuovere l'ebook?

Sembra una domanda dalla semplice risposta, ma tu prova. Scoprirai che non è per nulla facile. Alla domanda, però, la risposta va data, perché è il punto di partenza. Senza voler fare una cosa troppo complicata, ecco qualche suggerimento.

Stima quanto tempo potrà vivere il tuo libro. Per il suo contenuto, per la velocità col quale diventa obsoleto, per la previsione di uscita del prossimo, il libro non si venderà per anni. Pensa, inoltre, in quanto tempo vorresti rientrare del tuo investimento (anche se non spendi soldi, il tempo di scrittura è denaro).

Prepara un conteggio dei costi di produzione della prima copia: la sua scrittura, l'impaginazione, la grafica, il programma di generazione dell'ebook e le consulenze che ti saranno necessarie.

Su un foglio elettronico, prepara tante colonne quanti sono i mesi del periodo corrispondente alla sua vita o al tuo desiderio di rientro. Suddividi le spese sul periodo che ritieni congruo, al limite tutto il ciclo di vita. Se li metti tutti all'inizio, comincerai a guadagnare dal momento in cui hai pagato il debito. Se li spalmi su un periodo più lungo, guadagni meno ogni mese, ma inizi subito.

Aggiungi i costi fissi mensili (esempio l'abbonamento ad un sito di commercio elettronico, una sponsorizzazione). Alcuni di questi sono in percentuale al venduto, quindi imposta la relativa formula.

Decidi come suddividere il tuo budget di promozione sul periodo. Imposta una redemption bassa. L'eccessivo ottimismo non paga mai. In seguito, osservando i risultati, potrai correggere il foglio e migliorare la stima.

Aggiungi il calcolo dell'utile netto mensile, semestrale e totale.

Fai molti esperimenti variando i parametri, lavorando soprattutto sulla redemption, sul budget totale e sulla suddivisione dello stesso (non tutti i mesi devono essere necessariamente uguali). Il foglio non ti da risposte, ma ti consente di acquisire dimestichezza con la proiezione e capire i numeri.

Se conosci qualcuno che ha già fatto un business plan, fatti aiutare. Ogni consiglio è prezioso.

Dopo un po' di prove, avrai deciso qual'è il budget e come è suddiviso. Non sarà sicuramente una scelta perfetta, ma alcuni aspetti li avrai capiti.

Definire una strategia

Ok, adesso sai quanto puoi o vuoi spendere.

Questi soldi, però, non buttiamoli. Il web ti consente di usare vari strumenti e tecniche per promuovere il tuo ebook, ognuno con vantaggi e svantaggi ed una strategia dovrebbe prevederli tutti.

Qualche considerazione, prima di passare all'esame di ogni metodo.

Nel periodo iniziale usa una quota più significativa del budget per favorire la diffusione. Nel seguito, la quota mensile dovrebbe ridursi un po'.

Inizialmente usa sistemi di cui puoi controllare i risultati. È importante, infatti, disporre di dati da analizzare per affilare le armi! Le prime campagne devono istruirti su come migliorare.

Stai attento ai pannelli dei vari sistemi. I parametri cambiano di valore continuamente e non puoi perderli di vista.

Usa solo circuiti noti e di provata serietà. Non farti ingannare da promesse. Un giro sui forum ti darà modo di orientarti almeno sulla scelta.

Campagna di pay per click

La campagna di pay per click è un buon sistema per iniziare. Scegli un gruppo di chiavi (esistono vari tool di suggerimento), fissa il budget disponibile, il massimo giornaliero (tanto per non esaurirlo subito), la pagina di arrivo (vedi nel seguito).

Il pay per click ti consente di avere traffico, di controllare quali sono le chiavi che ti portano più visitatori e, se imposti un sistema di controllo, quali hanno il fattore di conversione Visitatore/Cliente migliore.

Se a fronte delle visite non hai acquisti, puoi cambiare chiave, circuito, messaggio o pagina di arrivo. Lavorandoci costantemente sarai in grado di aumentare la redemption ed individuarne il suo massimo.

I circuiti sono parecchi. A titolo esemplificativo, cito Google con il suo AdWords, Overture, Espotting ed MSN.

Un sito per la promozione

Non servono megabyte di contenuti e una grafica all'ultimo grido. Bastano una ventina di pagine ben scritte e ben posizionate sui motori.

Il sito non deve puntare a vendere il libro, ma a presentarlo nel modo conveniente, spedendo poi il visitatore ad un eShop dedicato ai libri. Inserire direttamente nel proprio sito la logica necessaria alla gestione della vendita e spedizione, secondo me, non è conveniente, per un solo ebook.

Sulle pagine presenterei il libro, i suoi contenuti e l'indice. Aggiungerei anche qualche pagina di spiegazione dei temi trattati, tanto per stimolare il desiderio di approfondimento. FAQ e newsletter sono gradite.

Serve una lista dei siti sui quali comprare l'ebook, inviando direttamente alla pagina giusta e mettendo già le condizioni ed i modi di pagamento, per far perdere meno tempo agli interessati.

Il sito, ovviamente, può essere il punto di arrivo delle campagne di pay per click.

Le landing page

Una landing page è una pagina fatta per accogliere un navigatore che ha effettuato una ricerca su un motore.

Scopo della landing è abbreviare il percorso che esiste tra il motore di ricerca e l'azione che si vuol stimolare nel visitatore. Si tenta, in sostanza, di evitargli di doversi navigare il sito per acquistare un prodotto, iscriversi ad una newsletter, chiedere informazioni.

Tecnicamente è una pagina di contenuti, pochi link, grafica in stile col prodotto, linguaggio non troppo commerciale (i visitatori scapperebbero).

La landing è la pagina perfetta per l'accoglienza dei visitatori che arrivano da un pay per click.

La landing page, inoltre, è l'ideale per controllare la conversione Visitatore/Cliente in relazione alle chiavi di ricerca. La realizzazione di script di registrazione delle visite e delle azioni (il click sul link di acquisto, per esempio), è semplice ed alla portata di qualunque sviluppatore web. Sui forum vi sono abbondanti informazioni in materia. MySql è il database disponibile su quasi tutti gli hosting e spesso concesso gratuitamente.

Siti di scambi commerciali

I più famosi siti di scambi commerciali sono eBay ed Amazon, ma ve ne sono molti altri.

Consentono di mettere in vendita gli ebook riservandosi una commissione su ogni transazione.

Una campagna promozionale sugli stessi siti può ovviamente essere utile.

La pagina dedicata al nostro prodotto (se esiste e se è statica) può essere il punto di arrivo di una campagna di pay per click o di una landing o dei link dal sito che abbiamo realizzato.

Personalmente sconsiglio di farvi arrivare direttamente i visitatori dalla campagna di pay per click, però. Si perderebbe la possibilità di registrare e controllare le chiavi di arrivo e le azioni relative.

Posizionamento sui motori di ricerca

Se realizziamo un sito per la promozione del libro, ovviamente questo deve essere posizionato. La campagna di pay per click, infatti, la consiglio per i periodi iniziali, ma diminuirei il budget col protrarsi dei mesi.

Quando, infatti, si cominciano ad avere dati sulle visite relative alle chiavi acquistate, si possono controllare i fattori di conversione di ognuna (se si è provveduto ad inserire meccanismi di tracciatura). Questo consentirà di orientare il lavoro di posizionamento su un set preciso di chiavi, togliendole dalla campagna una volta che hanno raggiunto la prima pagina sui motori.

In generale, comunque, il posizionamento è importante soprattutto se si lavora su tempi lunghi (più di sei mesi), altrimenti lo sforzo non sarebbe ripagato dai risultati.

Referenze su siti importanti

Chiudo la disamina dei metodi con qualche accenno alle referenze.

Link, articoli pubbliredazionali, banner e link su siti importanti sono sicuramente utili e se da soli non porteranno enormi quantità di traffico, contribuiranno a diffondere il titolo e il tuo nome.

Conclusione

Beh, non mi resta che augurarti in bocca al lupo. Anch'io sto scrivendo un libro (anche se col poco tempo che ho, impiegherò mille anni) e quindi siamo sulla stessa barca.

Arrivederci sugli eShop!


Ti consigliamo anche