Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Grafica per il web con il formato PNG

Cosa è, quando conviene usare, quali browser supportano il formato PNG, il formato standard di Macromedia Fireworks
Cosa è, quando conviene usare, quali browser supportano il formato PNG, il formato standard di Macromedia Fireworks
Link copiato negli appunti

Cos'è?

PNG (ovvero Portable Network Graphics) è un nuovo formato per il salvataggio di immagini raster, dotato di compressione senza perdita, pensato soprattutto per la realizzazione di grafica sul web.

Il PNG (che si legge 'ping') supporta da 256 (PNG-8) fino a 16.7 milioni di colori (PNG-24). In particolare il PNG-8 è adatto per immagini con colori piatti o comunque con un limitato numero di colori, mentre il PNG-24 può comprimere in modo piuttosto efficace anche immagini fotografiche o con parecchie sfumature.

PNG a confronto con GIF e JPEG

Vediamo cosa differenzia il nuovo formato PNG dai due più affermati formati per il web, GIF e JPEG:

  • Il formato PNG, come il JPEG, supporta immagini fino a 24 bit, ma in più il PNG supporta il cosiddetto canale alfa (vedi seguito) che permette 256 livelli di trasparenza.
  • JPG non supporta la trasparenza, GIF permette di rendere completamente trasparente un solo colore della palette. PNG, invece, può supportare fino a 256 livelli di trasparenza.
  • GIF supporta le animazioni mentre sia JPEG che PNG supportano solamente immagini statiche (per le animazioni esiste un formato gemello di PNG, detto MNG).
  • Sia PNG che GIF supportano il metodo interlacciato (ovvero la possibilità di visualizzare, mentre si scarica l'immagine completa, un'anteprima meno dettagliata della stessa, una funzionalità utilissima in caso di connessioni lente). La visualizzazione dell'anteprima in PNG è però più veloce rispetto alla corrispondente in GIF. JPEG non possiede questa possibilità.
  • PNG e GIF, al contrario di JPEG, sono formati "lossless", ovvero senza perdita di informazione durante la compressione.
  • Di GIF esiste una versione non compressa, mentre nè PNG nè JPEG la prevedono. È stata volutamente omessa questa possibilità per PNG poichè, essendo quest'ultimo un formato pensato per il web, è sembrato inopportuno l'invio in rete di dati non compressi, inutilmente più pesanti.
  • PNG supporta solo la codifica RGB o RGBA (Ovvero RGB più il canale Alfa) con o senza palletizzazione, in quanto è la più portabile e meno dipendente dalla piattaforma. JPEG usa la codifica colore HSB (Hue Saturation Brightness) mentre GIF usa una palette di colori RGB.

Ma perché si è sentita la necessità di sviluppare un nuovo formato, quando GIF e JPEG svolgevano già egregiamente il loro compito? Vediamolo subito.

Perché il PNG

Dicevamo: perché si è sentita la necessità di sviluppare il PNG, quando GIF e JPEG svolgevano già il loro compito? Per capirlo bisogna risalire al 1995, quando la CompuServe e la Unisys, armate delle giuste autorizzazioni legali, annunciarono che da quel momento in poi l'implementazione del formato GIF in qualsiasi software avrebbe comportato il pagamento di una quota ad Unisys, quale detentrice a tutti gli effetti del brevetto per la compressione LZW utilizzata nel formato GIF.

Dalla necessità di svincolarsi dal pagamento di questa quota, e dalla voglia di poter fruire di un formato completamente free e libero da brevetti è nata l'idea di sviluppare il nuovo formato PNG.

Conviene usare PNG?

PNG-24 è forse leggermente più pesante (cioè ha una dimensione in Kb più elevata) del JPEG per la compressione di alcune immagini, ma trattandosi di un formato senza perdita, al contrario di JPEG, resta comunque una alternativa interessante.

Una particolarità degna di nota è che PNG è stato scelto dalla Macromedia come formato standard per l'applicativo per il web Fireworks.

Compatibilità con i browser.

Tanti pregi funzionali e il fascino di un nuovo standard gratuito sulla rete. Perchè allora pur essendo pronto, funzionante e testato da un po' di tempo, PNG non ha preso ancora piede?

L'idea, solo in parte vera, che PNG non sia supportato dai browser, ha pesantemente penalizzato la diffusione di questo formato.

La situazione reale, ad oggi, è la seguente:

  • Mozilla, Opera e molti nuovi browser compresi quelli per Linux come Konqueror e Galeon supportano
    perfettamente e in toto il formato PNG.
  • Anche Internet Explorer per Mac supporta perfettamente il nuovo formato.
  • Qualche nota dolente in più c'è invece per quanto riguarda Internet Explorer per PC; IE infatti
    visualizza perfettamente immagini salvate in PNG, ma non ne supporta affatto il canale alfa,
    ovvero i 256 livelli di trasparenza.

Quindi, se volete, potete già cominciare ad utilizzare il nuovo formato, ricordandovi però del limite sulle trasparenze posto da Internet Explorer per PC (per maggiori informazioni visitate il sito di riferimento su PNG).

Canale ALFA

Definizione: dato un metodo di rappresentazione del colore, un canale è una delle parti fondamentali che ne
rappresentano la memorizzazione.

Facciamo un esempio, considerando il metodo di rappresentazione del colore RGB. Questo metodo ha
3 canali principali: quello del Rosso [R=Red], quello del Verde [G=Green] e quello del Blu [B=Blue].
Questi tre canali insieme compongono l'immagine. I canali in un programma di grafica equivalgono
concettualmente alle lastre nel processo di stampa.

Il canale alfa è un canale aggiuntivo (ovvero in più a quelli standard di ogni metodo), il cui scopo quello di descrivere ulteriori caratteristiche dei pixel che compongono un'immagine. Nel caso di PNG il canale alfa descrive il fattore di trasparenza/opacità (con valori da 0 a 255) di ogni determinato pixel.

I canali alfa possono venire utilizzati, come accade in molti software, anche per creare maschere


Ti consigliamo anche