Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Flash video: utilizzo dei Media Components

Creare un riproduttore video dotato dei più flessibili sistemi di controllo
Creare un riproduttore video dotato dei più flessibili sistemi di controllo
Link copiato negli appunti

Con l'introduzione sul mercato di Flash MX 2004 Professional, Macromedia ha enormemente potenziato le funzionalità di supporto per i video per il Web. Questa strada ha visto una decisa continuazione con il più recente Flash 8 che, oltre a mantenere tutte le funzionalità della versione precedente, ha introdotto importantissimi miglioramenti alla gestione dei video grazie, tra le altre novità, anche a media components totalmente personalizzabili.

Come dicevamo negli articoli precedenti, la piena compatibilità con lo standard FLV, ormai giunto a piena maturazione, si rende tangibile attraverso la disponibilità di componenti per la riproduzione dei filmati video. Per creare un riproduttore video dotato dei più flessibili sistemi di controllo come slider per segnalare e controllare l'avanzamento del filmato o tasti per intervenire sul volume dell'audio, con Flash MX 2004 Professional e Flash 8 il metodo più flessibile e di semplice utilizzo è quello che consiste nell'utilizzo delle componenti multimediali disponibili nel pannello Components.

Utilizzo dei componenti di Flash MX 2004 Professional

Tra i componenti multimediali troviamo tre diversi strumenti: il Media Controller, il Media Display e il Media Playback. I primi due componenti citati costituiscono rispettivamente la barra degli strumenti di controllo e navigazione e la finestra di visualizzazione del video. Il Media Display è un oggetto che può essere utilizzato per creare velocemente un sistema di riproduzione di file FLV privo di controlli. Vediamo come utilizzarlo.

Trascinando sullo stage principale un componente Media Display, verrà visualizzato un riquadro le cui dimensioni e nome sono modificabili tramite il pannello delle proprietà. Il metodo più semplice per realizzare un sistema di visualizzazione per file FLV consiste nel selezionare il componente trascinato sulla stage e nel "linkare" il filmato esterno. Per collegare il visualizzatore al filmato dobbiamo salvare il file su cui stiamo lavorando nella stessa cartella del file FLV precedentemente creato. Il Media Display non visualizza alcun filmato fino a quando, attraverso la tavolozza di controllo Component Inspector, non si digita l'URL corretta del nome del file .flv da riprodurre. A questo punto effettuando l'anteprima del filmato Flash dovremmo vedere il video trasformato in FLV scorrere all'interno dell'area delimitata dal componente Media Display.

Uno dei vantaggi di questo sistema di visualizzazione è la possibilità di poter intervenire sui parametri di riproduzione del video senza dover digitare una sola riga di codice. Aprendo il pannello di ispezione del componente Media Display, con dei semplici clic è infatti possibile definire se il filmato deve avviarsi o no automaticamente, riavvolgersi alla fine della riproduzione e altri essenziali comportamenti tra cui risulta fondamentale, almeno per chi vuole sincronizzare il filmato video con gli eventi che accadono nell'animazione Flash, la possibilità di definire punti chiave interattivi, i Cue Points.

Questa visualizzazione è molto rapida da realizzare e personalizzare (basta qualche ritocco grafico per ottenere un'interfaccia di nostro gradimento), tuttavia non risulta sufficentemenete flessibile per quanto riguarda il controllo della riproduzione del filmato.

Tutti i controlli (barra di avanzamento navigabile, pulsanti di avvio e pausa e controllo del volume audio, sono disponibili attraverso il secondo componente, il Media Controller. Una volta eseguite le operazioni descritte nel punto precedente, per utilizzare il sistema di controllo dobbiamo innanzi tutto dare un nome nel pannello delle proprietà al componente Media Display già impostato. Trasciniamo sullo stage anche il Media Controller e diamo anche a questo oggetto un nome. Perché il sistema di controllo sappia su quale visualizzatore agire, occorre collegarli attraverso uno script apposito che possiamo generare in automatico utilizzando i comportamenti (Behaviours). Clicchiamo una volta sul Media Display presente nello stage. Apriamo il pannello dei comportamenti e selezioniamo tra quelli disponibili nel sottomenu Media, la voce Associate Display. Clicchiamo nel pannello che si apre sul nome del display e terminiamo l'operazione. Effettuando l'anteprima, noteremo come gli strumenti di controllo, ovunque siano stati posizionati all'interno del filmato, permettono di interagire con il visualizzatore del video.

Come accade per il componente Media Display, anche il Media Controller può essere parzialmente personalizzato attraverso le funzioni presente nel pannello di ispezione del componente.

L'utilizzo della combinazione Media Display più Media Controller è consigliabile quando esistono esigenze particolari come la necessità di controllare più video con un solo pannello di comando o quando per questioni grafiche si vuole "staccare" il visualizzatore video dal sistema di interazione. Se invece vogliamo un visualizzatore semplice e completo in cui il sistema di controllo rimane attaccato al visualizzatore, possiamo utilizzare il componente Media Playback. In questo caso il procedimento operativo è addirittura più semplice. Basta infatti trascinare sullo stage il componente Media Playback e definire i parametri di collegamento al filmato FLV e di personalizzazione dell'interfaccia all'interno del pannello di ispezione dei componenti. Il risultato ottenuto, nel maggior numero dei casi, è più che sufficiente per ottenere ottimi riproduttori funzionali ed esteticamente curati.

I componenti multimediali appena visti svolgono egregiamente funzionalità avanzate come il buffering del video FLV (cosa che permette di visualizzare i video da un server Web in maniera progressiva, ovvero avviando la visualizzazione e procedendo nella riproduzione man mano che il video viene scaricato) senza dover utilizzare una singola riga di codice o dover realizzare manualmente elementi grafici di controllo. Si tratta, tuttavia, di caratteristiche che presentano alcune controindicazioni. La prima, e più importante, è la difficoltà di personalizzare oltre un certo livello di base l'interfaccia grafica e d'interazione del sistema di controllo. Questo tipo di operazione, data la complessità degli script integrati nei componenti video, è infatti resa praticamente impossibile se non per chi se ne intende parecchio di Actionscript. Il secondo tallone di Achille dei media component presenti in Falsh MX 2004 Pro è il loro peso. Al contrario di quanto visto nel precedente articolo in cui si dimostrava come bastassero poche righe di codice per visualizzare un file FLV, i componenti video aggiungono al file SWF circa una sessantina di KB che, per quanto risulti un peso ininfluente per chi utilizza connessioni veloci, è tuttavia una spiacevole zavorra per chi ancora si serve di connessioni analogiche.

Si tratta di problemi risolti in maniera formidabile dai nuovi componenti integrati in Flash 8 che, oltre a permettere funzionalità avanzate nel campo della sincronizzazione degli eventi grazie a nuove categorie di cue points, sono totalmente personalizzabili nella grafica attraverso un sistema che non richiede che conoscenze di base del linguaggio Actionscript. Rispetto ai componenti dell'ultimo nato di casa Macromedia, i componenti di Flash MX 2004 hanno però il vantaggio di essere compatibili con i Flash Player più vecchi e, quindi, attualmente più diffusi.

Daniele Cerra è giornalista pubblicista, Content Manager, Progettista e-learning e Web e Concept Designer. Il suo sito personale è http://www.danielecerra.it


Ti consigliamo anche