Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Kripton ORM: un esempio pratico

In questo capitolo viene analizzato un esempio di modello dati utile per esplorare le funzionalità della libreria Kripton come ORM.
In questo capitolo viene analizzato un esempio di modello dati utile per esplorare le funzionalità della libreria Kripton come ORM.
Link copiato negli appunti

Analizziamo ora un esempio di modello dati utile per esplorare le funzionalità di Kripton come ORM:

Figura 1. Modello Artista - Album.
Modello Artista - Album

Ogni tabella è rappresentata da una classe Java e per ogni classe del modello è necessario definire
l'interfaccia del DAO.

@BindTable(name = "music_albums")
public class Album extends EntityBase {
    private Date dataUscita;
    @BindColumn(columnType = ColumnType.INDEXED, foreignKey = Artista.class)
    private long artistId;
    public Date getDataUscita() {
        return dataUscita;
    }
    public void setDataUscita(Date dataUscita) {
        this.dataUscita = dataUscita;
    }
    public long getArtistId() {
        return artistId;
    }
    public void setArtistId(long artistId) {
        this.artistId = artistId;
    }
}
@BindTable(name = "music_artisti")
public class Artista extends EntityBase {
    public boolean singer;
}
@BindTable(name = "music_canzoni")
public class Canzone extends EntityBase {
    public long getAlbumId() {
        return albumId;
    }
    public void setAlbumId(long albumId) {
        this.albumId = albumId;
    }
    @BindColumn(columnType = ColumnType.INDEXED, foreignKey = Album.class)
    private long albumId;
    public Set<String> getTags() {
        return tags;
    }
    public void setTags(Set<String> tags) {
        this.tags = tags;
    }
    private Set<String> tags=new HashSet<>();
}
public class EntityBase {
    public long getId() {
        return id;
    }
    public void setId(long id) {
        this.id = id;
    }
    @BindColumn(columnType = ColumnType.PRIMARY_KEY)
    protected long id;
    public String name;
}

Dal modello Java riportato possiamo ricavare le seguenti informazioni:

  • qualunque attributo di classe, se non specificato diversamente, viene convertito in colonna.
  • Le foreign key sono definite mediante campi di tipo long o Long e con l'attributo foreignKey dell'annotazione BindColumn.
  • Di default il nome delle tabelle viene ottenuto convertendo i nomi delle classi (da upper camel a lower underscore). Un esempio: AlbumMusicale
    verrebbe resa persistente mediante
    la tabella album_musicale.
  • Gli attributi complessi come le collection (list, set o mappe) sono gestiti senza problemi grazie al fatto che Kripton, per salvarli su SQLite, li
    converte
    nella loro rappresentazione JSON.

Vediamo ora la definizione delle interfacce DAO:

@BindDao(Album.class)
public interface DaoAlbum extends DaoBase<Album> { }
@BindDao(Artista.class)
public interface DaoArtista extends DaoBase<Artista> { }
@BindDao(Canzone.class)
public interface DaoCanzone extends DaoBase<Canzone> {
    @BindSqlSelect(where ="albumId=${albumId}", orderBy = "nome")
    List<Canzone> selectByAlbumId(long albumId);
    @BindSqlSelect(jql="select id, nome from Canzone where albumId=${albumId} order by nome")
    List<Canzone> selectByAlbumId2(long albumId);
}
public interface DaoBase<E extends EntityBase> {
    @BindSqlSelect
    List<E> selectAll();
    @BindSqlInsert
    boolean insert(E bean);
    @BindSqlUpdate(where="id=${bean.id}")
    boolean update(E bean);
    @BindSqlDelete(where="id=${bean.id}")
    boolean delete(E bean);
    @BindSqlDelete
    void deleteAll();
}
@BindDataSource(daoSet = {DaoAlbum.class, DaoArtista.class, DaoCanzone.class}, fileName = "esempio.db", version=1, log=true, asyncTask = true)
public interface EsempioDataSource {
}

Dalla definizione delle interfacce DAO possiamo ricavare le seguenti considerazioni:

  • come i bean usati per definire il modello, anche le interfacce DAO possono usare l'ereditarietà per portar a fattor comune i metodi comuni a tutti i DAO.
  • Le query possono essere definite parzialmente o per intero. In questo ultimo caso si scrive codice SQL con l'accorgimento di utilizzare i nomi di classi ed attributi e non
    quelli delle tabelle e delle colonne (JQL, Java Query Language).
  • In fase di compilazione il codice JQL viene controllato, quindi in caso di errori di sintassi, la segnalazione avviene in fase di compilazione.

Oltre a quanto definito dal diagramma aggiungiamo altre due caratteristiche del modello: ogni tabella avrà il prefisso musica, vediamo
poi come personalizzare i nomi delle tabelle mediante l'annotazione @BindTable e come definire le foreign
key
tra le varie tabelle.

Per quanto riguarda la definizione del data source è importate notare che, oltre all'elenco dei DAO associati alle tabelle, mediante alcuni attributi è possibile
definire:

  • name per il nome del database SQLite.
  • version per il numero di versione dell'applicativo.
  • asyncTask per abilitare o meno la generazione di un async-task con cui agevolare il lavoro con la base.
  • rx per definire se generare o meno il codice necessario all codice di integrazione tra Kripton e RxJava. Chi non conosce la
    programmazione reactive e vuole apprendere le nozioni base di tale argomento, può consultare il progetto RxJava e la documentazione annessa.


Ti consigliamo anche