Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Le transazioni

Le transazioni permettono di definire blocchi di istruzioni SQL atomiche, in modo che esse siano eseguite sempre tutte insieme, senza interruzioni.
Le transazioni permettono di definire blocchi di istruzioni SQL atomiche, in modo che esse siano eseguite sempre tutte insieme, senza interruzioni.
Link copiato negli appunti

Le singole istruzioni INSERT, UPDATE e DELETE sono atomiche nel senso che o hanno successo totale (su tutte le righe coinvolte) o falliscono totalmente senza alcun effetto sul database.

È possibile combinare più istruzioni in una singola transazione atomica. Ad esempio, in Oracle o in MySQL:

START TRANSACTION;
   DELETE FROM Book WHERE Publisher = 1;
   DELETE FROM Publisher WHERE ID = 1
COMMIT;

Con questo script viene eliminato l’editore con ID pari a 1, ma prima vengono eliminati i libri pubblicati da esso. Racchiudendo il blocco tra START TRANSACTION e COMMIT TRANSACTION, si fa in modo di rendere tutto il blocco atomico: o avvengono con successo entrambe le istruzioni oppure in caso di errore tutto resta invariato. Con l’istruzione ROLLBACK, invece, si forza il fallimento della transazione, lasciando il database allo stato consistente.

Livello di isolamento delle transazioni

A proposito delle transazioni, soprattutto se esse sono lunghe, è importante sapere quale livello di isolamento stiamo usando. Il livello di isolamento stabilisce come transazioni contemporanee si comportano rispetto ai dati. Ogni RDBMS ha un livello di isolamento di default e generalmente si può stabilire un livello differente per sessione o per transazione. Lo standard ANSI/ISO stabilisce quattro livelli di isolamento, generalmente implementati da tutti i RDBMS:

  1. Serializable. È il massimo livello di isolamento: ogni transazione, dall’inizio alla fine, non vede le modifiche fatte ai dati acceduti. Il vantaggio è che la transazione può lavorare sul database assumendo di essere la sola transazione in corso sul database. Un modo di realizzare questo livello è l’approccio ottimistico: ogni transazione lavora in isolamento, poi, se accadono problemi di concorrenza, la transazione che tenta di agire su un dato modificato da altre transazioni fallirà con un errore e con conseguente rollback. Lo svantaggio è che ci possono essere molte scritture fallite se ci sono tante transazioni che interessano gli stessi dati.
  2. Repeatable Read. Con questo livello si fa in modo che i dati letti durante la transazione in corso non possono essere modificati da altre transazioni per tutta la durata della transazione in corso. I vari RDBMS gestiscono questo livello utilizzando i lock in lettura sulle righe lette durante la transazione. L’unico problema che può succedere con questo livello consiste nel verificarsi delle cosiddette letture fantasma: se rieseguo la stessa query durante la transazione, potrei trovare righe in più di quelle che ho letto in precedenza, ma mai in meno o modificate. Lo svantaggio di questo livello è una penalizzazione delle prestazioni se ci sono molte transazioni concorrenti che agiscono sulle stesse tabelle. Questo è il livello di default per MySQL.
  3. Read Committed. Utilizzando questo livello, invece, si evitano i lock in lettura sulle tabelle che sono molto onerosi dal punto di vista prestazionale. Lo svantaggio è che, oltre al fenomeno delle letture fantasma, si verifica anche quello delle letture non ripetibili: in pratica, rieseguendo due volte la stessa SELECT nel corso di una transazione, potrei ottenere dati diversi se altre transazioni sono terminate nel tempo intercorso tra le due letture. Questo è il livello di default per Oracle e per Microsoft Sql Server.
  4. Read Uncommitted. Questo è il livello più basso, in pratica nessun isolamento. Con questo livello si possono avere letture sporche: nella transazione corrente si possono leggere dati che qualche altra transazione sta scrivendo in quel momento senza aver ancora fatto COMMIT, quindi può capitare di leggere chiavi violate, dati inconsistenti, eccetera.

Ovviamente non esiste il livello migliore di isolamento, generalmente il livello di default è valido nella maggior parte dei contesti. Gli RDBMS supportano gli altri livelli per gestire casi particolari di utilizzo in concorrenza.


Ti consigliamo anche