Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Anatomia dei cookies

I cookies nello specifico.
I cookies nello specifico.
Link copiato negli appunti

Prima di procedere a mostrare e commentare le fasi di creazione del cookies è corretto e giusto mostrare le due possibili strutture che possiamo osservare ed usare nei cookies.

  • Cookies semplice: questa tipologia di cookies è possibile paragonarla ad una variabile normale (no array) in quanto per accedere ad esso oltre al nome del cookies desiderato non bisogna specificare nessun indice o chiave.
  • Cookies a chiave: questa tipologia di cookies, secondo il mio punto di vista, può essere paragonata ad una variabile di tipo array. Tale affermazione scaturisce da un semplicissimo motivo: sia in questa tipologia sia negli array, per accedere al dato desiderato bisogna specificare (oltre al nome assegnatogli) anche un indice o una chiave d'accesso per riconoscere univocamente il dato.

Ora vedremo, senza entrare nello specifico della sintassi dell'Active Server Page, le varie parti fondamentali della struttura dei cookies.

oggetto.cookies(nome_del_cookie)[(nome_della_chiave).attributo]

Incominciano col dire che la voce oggetto non verrà analizzata in questa pagina in quanto verrà studiata in seguito. Unica nota in merito per capire il seguito dell'istruzione bisogna dire che i cookies sono un metodo di due oggetti presenti nel Active Server Page. Come si può facilmente intuire, un oggetto provvederà alla fase di creazione e quindi scrittura e l'altro oggetto avrà il compito di leggere i cookies precedentemente scritti.

Dopo aver indicato il metodo cookies dobbiamo indicare il suo nome principale. Ad esempio se vogliamo indicare una determinata azione su un cookie di nome pippo, procederemo nella seguente modalità:

oggetto.cookies("pippo")

Come si può facilmente intuire il cookie appena illustrato appartiene alla categoria di "cookies semplice". Ora effettueremo la stessa operazione sul cookie pippo ma questa volta facendolo appartenere alla categoria "Cookies a chiave". Per esempio aggiungiamo la chiave anni al cookie riguardante pippo:

oggetto.cookies("pippo")("anni")

Prima di concludere la lezione sulla base di anatomia dei cookies vorrei dare un mio parere personale su come assegnare nome ai cookies multichiave tramite un esempio:

oggetto.cookies("www.innovatel.it")("utente")

Ora spieghiamo la dichiarazione appena effettuata. Come nome del cookie multi chiave consiglio di mettere il nome del dominio di riferimento da cui viene creato il cookie e come nome della chiave un'indicazione di ciò che contiene il cookie.

Infine, bisogna porre attenzione sul termine attributo nei cookies. Infatti è proprio grazie ad esso che possiamo creare determinate limitazioni ai cookies all'interno del nostro sito web.


Ti consigliamo anche