Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Framework Ajax per ASP.NET: Ajax.NET

Principi di funzionamento di Ajax.NET: una libreria open source per mappare metodi e dati di ASP.NET in JavaScript
Principi di funzionamento di Ajax.NET: una libreria open source per mappare metodi e dati di ASP.NET in JavaScript
Link copiato negli appunti

Ultimamente stiamo parlando molto di AJAX e dei diversi framework per ASP.NET. La potenza di questo approccio è nella capacità di prelevare dati tramite l'ausilio di chiamate asincrone a metodi lato server senza richiedere il ri-caricamento della pagina (PostBack).

In questo articolo analizziamo Ajax.NET. Si tratta di una libreria OpenSource, ovvero un progetto aperto a cui può prendere parte ogni programmatore ed è scritto in C#. Dal sito dell'autore, Michael Schwarz, è possibile scaricare la documentazione aggiornata, i file sorgenti o compilati, inoltre è possibile prendere parte al progetto stesso. Attualmente il framework è ancora in versione beta, quindi anche se abbastanza stabile, è ancora in fase di sviluppo.

Funzionamento

Lo scopo di Ajax.NET è quello di costituire un "wrapper" (involucro) lato client per metodi lato server: sfruttando l'oggetto XMLHttpRequest la libreria proietta le funzioni server-side in codice compatibile ed interpretabile da JavaScript.

In pratica, se abbiamo un metodo server mioMetodo, esso potrà essere richiamato da JavaScript con la sintassi Object = mioMetodo();.

Installazione

L'installazione di Ajax.NET è resa estremamente facile dal file di installazione automatica (file con estensione .vsi) compreso nel pacchetto che scarichiamo dal sito.

Una volta installato, creiamo un nuovo sito web su Visual Studio o VWD (File>Nuovo Sito Web), e nella lista dei modelli di progetto da scegliere troveremo anche la voce "Ajax.NET Professional Web Site". La selezioniamo, diamo un nome al progetto (nel nostro caso lo abbiamo chiamato "MyAjax") e possiamo cominciare subito a lavorare con ASP.NET ed Ajax.

Figura 1. "Esplora soluzioni" al termine dell'installazione

Automaticamente sarà generato anche un httpHandler che dirotterà tutte le richieste (GET e POST) per i file con estensione ".ashx" verso il "proxy" della libreria Ajax (Ajax.PageHandlerFactory).

Listato 1. Modifiche al web.config

<system.web>
  <httpHandlers>
    <add verb="POST,GET" path="Ajax/*.ashx" type="Ajax.PageHandlerFactory, Ajax" />
  </httpHandlers>
  ...
</system.web>

La Prima Pagina

Possiamo iniziare a creare la nostra prima pagina ASP.NET che tramite Ajax, mostrerà il nome utente preso dal sistema operativo, informazione che otteniamo usando il namespace Environment.

Avviamo la richiesta al metodo server tramite un semplicissimo pulsante HTML. Nel primo listato che segue leggiamo la procedura che verrà eseguita lato server e nel listato successivo la chiamata JavaScript a questa procedura.

Listato 2. Codice lato server (versione VB.NET)

public partial class Esempio01_C : System.Web.UI.Page
{
  //Caricamento pagina
  protected void Page_Load(object sender, EventArgs e)
  {
    Ajax.Utility.RegisterTypeForAjax(typeof(Esempio01_C));
  }
  
  //Metodo pubblico
  [AjaxPro.AjaxMethod()] public String Concat(String str1, String str2)
  {
    string result;
    result = str1 + "r" + str2 + "r";
    result += "Utente : " + Environment.UserName;
    return result;
  }
}

Listato 3. Chiamata JavaScript

<form id="Esempio" runat="server">
<div>

<script language="JavaScript" type="text/JavaScript">
  //metodo Client che richiama la funzione Server-Side
  function eseguiAjax()
  {
    //aquisizione valore dalla pagina ASP.NET
    var risultato = Esempio01_C .Concat("Benvenuto su ","HTML.it");
    //manipolazione valore
    alert(risultato.value);
  }
</script>

<p>Esempio di esecuzione Metodo Server-Side tramite Ajax.NET</p>
<input type="button" value="Esegui" onclick="eseguiAjax();" />
</div>
</form>

Analizziamo per prima la parte lato server. Nel Page_Load, è evidenziata la funzione RegisterTypeForAjax che non fa altro che produrre il codice che poi utilizzeremo nella chiamata JavaScript al metodo ASP.NET, rielaborando la classe prorpietaria del metodo.

Listato 3. Inclusioni JavaScript generate da Ajax

<script type="text/JavaScript" src="/Progetto NET/ajax/common.ashx"></script>
<script type="text/JavaScript" src="/Progetto NET/ajax/Esempio01_VB,App_Web_s3xto4_q.ashx"></script>

La cartella "ajax" viene creata dalla dll stessa quindi non deve essere creata, non avrebbe alcun senso anche perchè la compilazione avvine a runtime.

Una volta dichiarato che la pagina riceve chiamate Ajax, passiamo alla creazione del metodo lato server che potrà essere richiamato da JavaScript. Questo passaggio prevede il semplice inserimento del tag [AjaxPro.AjaxMethod()] prima della dichiarazione del metodo.

Dalla versione 6 di Ajax.NET è stata introdotta la caratteristica di poter anche interagire con il namespace genitore dei nostri metodi. In questo caso siamo in grado di cambiare non solo il nome del namespace ma del metodo stesso, sempre grazie agli attributi disponibili con l'assembly AjaxPro.

Listato 4. Definire metodi e Namespace

namespace MyNamespace
(
  [AjaxNamespace("MyTest")]
  public class HelloWorldClass
  {
    [AjaxMethod("MyMethod")]
    public string SayHello(string a, string b)
    {
      // ...
    }

Nella parte JavaScript abbiamo una funzione che viene richiamata da un pulsante HTML, la quale riceve un valore di tipo Object. Questo valore non è altro che la risposta inviataci dalla funzione ASP.NET. Per poter leggere il valore esatto dobbiamo utilizzare la proprietà value dell'oggetto. Altra cosa da notare è nella chiamata JavaScript, la nostra funzione è proprio un metodo della classe pagina01 visibile grazie ad Ajax.

La gestione degli errori

Non sempre tutto va a buon fine. Pensiamo ad un errore di Overflow o ad un semplice errore di codice nella procedura lato server. Il framework .NET produrrà un' eccezione, che potrà essere gestita o meno. Quindi per prima cosa andiamo ad aggiungere alla funzione JavaScript una gestione degli errori nel caso ne dovessimo trovare.

Listato 4. Gestione errori

<script language="JavaScript" type="text/JavaScript">
//metodo Client che richiama la funzione Server-Side
function eseguiAjax(){
  //aquisizione valore
  Esempio01_C.Concat("Benvenuto su ","HTML.it", Concat_CallBack);
}

//gestione dell'errore
function Concat_CallBack(risultato){
  if (risultato.error != null){
    alert(risultato.error);
    return;
  }
  alert(risultato.value);
}
</script>

Abbiamo dichiarato una funzione di callback che riceve un parametro. Il parametro è il risultato della procedura eseguita dal server. Se tutto va bene riceviamo il valore altrimenti ci viene segnalato un errore che possiamo mostrare grazie alla proprietà error del risultato.

Quindi verifichiamo anzitutto che non ci siano errori, in questo caso restituiamo il valore, in caso contrario invece mostriamo i dovuti messaggi e terminiamo la funzione.

Per fare una verifica possiamo rilasciare un eccezione nella pagina ASP.NET con il comando throw new Exception ("Errore nella pagina!").

Per quel che riguarda la gestione degli errori, per adesso, ci limiteremo all'individuazione dello stesso. La logica importante è quella della funzione di callback che possiamo usare per intercettare i valori e la presenza di errori.

Supporto per gli oggetti .NET

Ajax.NET è in grado di supportare diversi tipi di dati esposti dal .NET framework. Attualmente la versione 1.2 è in grado di supportare i seguenti tipi: Integer, String, Double, Booleani, Data, Dataset e Datatable. Per tutti gli altri tipi di dato può essere utilizzato il metodo ToString().

Nell'esempio che segue, viene creato un proxy per una funzione server in grado di restituire un oggetto Dataset. Da questo oggetto verrà poi renderizzata una semplice tabella HTML in grado di esporre i valori presenti nel Dataset.

Listato 5. Gestire un DataTable con JavaScript

<script Language="JavaScript">
function prendiDataset(){
  Pagina.prendiDataset(prendiDataset_callback);
}

function prendiDataset_callback(valore){
  var ds = valore.value;
  if (ds != null && ds.Tables != null){
    var s = new Array();
    s[s.lenght] = "<table>";
    for (var i = 0; i < ds.Tables[0].Rows.lenght; i++){
      s[s.lenght] = "<tr>";
      s[s.lenght] = "<td>" + ds.Tables[0].Rows[i].Campo1;
      s[s.lenght] = "</td>";
      s[s.lenght] = "<td>" + ds.Tables[0].Rows[i].Campo2;
      s[s.lenght] = "</td>";
      s[s.lenght] = "</tr>";
    }
    s[s.lenght] = "<table>";
    div.innerHTML = s.join("");
  }else{
    alert(valore.error);
  }
}

La stessa cosa può essere eseguita anche per delle classi personalizzate. l'unica cosa di cui dobbiamo tener conto è che la classe dovrà essere serializzata tramite attributo.

Conclusioni

Questo articolo ha esposto i metodi principali presenti nel componente Ajax.NET, uno dei framework messi a disposizione dalla comunità web per poter far interagire AJAX e ASP.NET. Il framework in questione è ancora in versione di test, non è quindi stabile e non è consigliabile per un utilizzo in un ambiente produttivo. Non sono ancora pienamente supportati i tipi ".NET" o per lo meno non tutti e non vi è ancora la possibilità di interagire direttamente con il Binding verso controlli Server. Resta comunque un ottimo componente di terze parti.


Ti consigliamo anche