Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 1 di 24
  • livello principiante
Indice lezioni

Introduzione

Cos'è AJAX e come si colloca nell'evoluzione del web
Cos'è AJAX e come si colloca nell'evoluzione del web
Link copiato negli appunti

Si sente molto parlare di AJAX e non sempre in modo chiaro. L'esigenza di avere una guida chiarificatrice sull'argomento è diventata sempre più reale al punto da far nascere siti interamente dedicati, ma che partono il più delle volte dal presupposto che chi legge sappia già molto di JavaScript o dello stesso AJAX.

Questa guida vorrebbe quindi far luce sulla questione, spiegando dettagliatamente l'acronimo tanto mormorato e le sue potenzialità al fine di fornire ai meno aggiornati o meno preparati su Javascript, le conoscenze per usare questa tecnica di sviluppo.

Cenni storici

L'acronimo AJAX, che significa esattamente Asynchronous JavaScript And XML (JavaScript asincrono ed XML), è stato enunciato per la prima volta da Jesse Garrett, nel 18 Febbraio 2005, come titolo di un post all'interno del suo blog.

Non si tratta di una nuova tecnologia né di un'invenzione bensì di un concetto utilizzato per sviluppare applicativi avanzati e particolari quali Gmail, Google Maps o Google Suggest. Il concetto è in parte espresso nell'acronimo scelto, un utilizzo asincrono di Javascript che attraverso l'interfacciamento con XML, può permettere ad un client di richiamare informazioni lato server in modo veloce e trasparente, allargando gli orizzonti delle rich internet applications.

Queste applicazioni fino a poco tempo fa erano legate principalmente alle tecnologie Adobe-Macromedia Flash o Java (con le applet). Entrambe purtroppo non sempre interpretabili dai client degli utenti e troppo spesso usate a sproposito con il solo scopo di stupire, discorso che spesso e purtroppo vale anche oggi.

In alternativa a queste tecniche di interazione client/server, quando nel 1996 venne introdotto l'iframe in Internet Explorer 3, molti sviluppatori sfruttarono quest' ultimo modificando l'attributo sorgente (src) della pagina racchiusa e simulando così un refresh trasparente di una parte di contenuti il che emulava, in modo abbastanza sporco, un'interazione asincrona.

Nel 1998 Microsoft cominciò a sviluppare una tecnologia, chiamata Remote Scripting, con lo scopo di creare una tecnica più elegante per richiamare contenuti differenti ed è in questo periodo, seppur con nome differente, che AJAX venne utilizzato per la prima volta, per poi evolversi in versioni più mature fino a diventare un oggetto vero e proprio, noto ora come XMLHttpRequest.

Il motivo principale di tanto successo è che solo ultimamente il Remote Scripting ha suscitato lo stupore degli addetti ai lavori nel vedere cosa Google fosse riuscita a fare all'interno dei suoi applicativi senza necessità di Flash Player o Java Virtual Machine, mantenendo comunque la compatibilità con molteplici browser di utenti che per diversi motivi non potevano usufruire di Javascript.

Come spesso è accaduto negli ultimi anni, molti hanno preso spunto da Google ed il web, noto per la sua immediatezza propositiva, è stato in grado in poco più di un anno di regalarci numerosi esempi di applicativi basati su AJAX, esagerando in alcuni casi nell'utilizzo ma considerando molto spesso e fin da subito, a differenza di quanto accadde per Flash ed Applets anni prima, due delle problematiche più diffuse del web attuale: accessibilità ed usabilità.


Ti consigliamo anche