Usando la libreria geolocator su un’app mobile realizzata con Flutter, vediamo come migliorare la UX integrando le mappe di Google.

Lavorare con la geolocalizzazione dell’utente su un’app mobile, permette di migliorare l’esperienza utente sfruttando le informazioni sulla sua posizione.

Flutter permette diversi approcci per salvare i dati nel contesto dello sviluppo di un’app mobile. Uno di questi è basato sull’uso delle SharedPreferences.

Flutter lascia allo sviluppatore la libertà di scegliere come organizzare il proprio progetto: in questa lezione vedremo come organizzarlo al meglio.

In questa lezione vedremo nel dettaglio tre diversi approcci per condividere dati durante la navigazione di un’app mobile realizzata con Flutter.

In questa lezione vedremo come gestire la navigazione di un’app Flutter, imparando a gestire eventuali errori, e definendo transizioni personalizzate.