Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Ubuntu 8.10: cosa ci aspetta

Migliore supporto hardware, un nuovo sistema di installazione e un tema grafico tutto nuovo: cosa ci aspetta da Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex
Migliore supporto hardware, un nuovo sistema di installazione e un tema grafico tutto nuovo: cosa ci aspetta da Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex
Link copiato negli appunti

Ubuntu 8.10 arriverà il prossimo 30 ottobre e cresce l'attesa degli appassionati per la nona versione della distribuzione Linux sudafricana. Già da alcuni giorni Intrepid Ibex, nome in codice di questa edizione, è entrata nello stadio di freeze, dopo il rilascio della prima e, stando ai piani di rilascio, unica versione beta. Le nuove caratteristiche, dunque, sono per lo più già presenti nelle versioni non ancora stabili della distribuzione, anche se in alcuni casi potrebbe sorgere la necessità di applicare piccole modifiche o rivedere alcuni dettagli: nonostante ciò, non dovrebbero esserci particolari cambiamenti rispetto a quanto disponibile ora.

Uno dei punti di forza della distribuzione è sempre stato l'eccellente supporto hardware, che ha permesso a migliaia di utenti di potersi avvicinare per la prima volta al mondo Linux senza doversi preoccupare più di tanto della compatibilità delle proprie periferiche. Anche in questa edizione, Ubuntu mira a migliorare tale aspetto: in particolar modo, uno dei principali nodi da risolvere riguarda il settore delle schede Wireless.

Figura 1: Il desktop di Ubuntu 8.10

Grazie all'introduzione del Kernel 2.6.27, molti dei problemi relativi a questo tipo di schede dovrebbero essere risolti, permettendo agli utenti di poter navigare in tranquillità. Effettuando qualche test, sembra che effettivamente Ubuntu 8.10 supporti in maniera migliore le periferiche WiFi: un contributo notevole è sicuramente arrivato dal progetto MadWiFi, mirato alla realizzazione di driver aperti per schede Wireless con chipset Atheros. Installarli su Ubuntu è davvero molto semplice, ed una volta terminato il processo, tutto sembra funzionare meravigliosamente.

Rimanendo in tema di supporto hardware, l'introduzione di X.Org 7.4 renderà compatibili con Ubuntu una quantità di mouse, tablet, tastiere e dispositivi di input. Saranno inoltre supportati diversi dispositivi video precedentemente non compatibili. 

Una questione che ha suscitato l'interesse di molti riguarda l'introduzione di un nuovo gestore di pacchetti: si tratta di PackageKit, ed è mirato a semplificare le procedure di gestione dei pacchetti all'interno della propria distribuzione. Stando a quanto riportato dai Blueprints di Intrepid, PackageKit è entrato a far parte dei nuovi strumenti da inserire Ubuntu 8.10, ma fino ad ora sembra che i lavori non siano ancora partiti: difficile, dunque, vedere un cambiamento di rotta nel rilascio finale, e per tanto è opportuno pensare che bisognerà attendere la prima release del 2009.

I miglioramenti di Intrepid Ibex dovrebbero riguardare anche il processo di installazione: utilizzando la versione DVD, infatti, i tempi necessari alla copia dei pacchetti sul disco fisso risultano essere in alcuni casi piuttosto lunghi. A tale scopo gli sviluppatori stanno cercando di realizzare un sistema per migliorare tale aspetto,sfruttando il fatto che molti pacchetti, dopo l'installazione, vengono rimossi in maniera automatica, e dunque in alcuni casi possono essere completamente esclusi senza intaccare la stabilità del sistema operativo. Fino alla versione Beta i miglioramenti non sono stati così eclatanti, ma nella versione finale si potrebbe vedere qualcosa di meglio.

Un altro aspetto che ha tenuto banco per diverso tempo e su cui molti hanno tentato di fare previsioni riguarda l'aspetto grafico di Ubuntu: in Intrepid Ibex verrà finalmente implementato un nuovo tema, dal nome di DarkRoom, già disponibile nella versione Beta ed applicabile tramite il comodo gestore dell'aspetto di GNOME. L'ambiente desktop predefinito sarà sempre lo stesso, aggiornato all'ultima versione disponibile, la 2.24.0. Il team di Ubuntu ha inoltre intenzione di migliorare i tempi di accesso e di login alla distribuzione, rendendola sempre più veloce e scattante. 

Figura 2: Il nuovo tema di Ubuntu 8.10

Spostando l'attenzione sul comparto software, diverse le novità in arrivo, alcune delle quali ancora incerte: Empathy, infatti, molto probabilmente prenderà il posto di Pidgin come client di messaggistica istantanea predefinito; verrà reso disponibile in maniera automatica il Flash Player di Adobe in versione 10.0, che finalmente supporterà Linux in maniera completa ed efficace; un nuovo strumento permetterà di scaricare ed installare automaticamente dalla rete i driver relativi alle stampanti; GIMP, probabilmente, verrà aggiornato alla versione 2.6.

Concludendo, dunque, le aspettative relative ad Ubuntu 8.10 sono molte, e gli utenti sono in attesa di importanti novità. La lista dei bug, purtroppo, è ancora piuttosto lunga, e gli sviluppatori concentreranno il loro lavoro in questi giorni quasi esclusivamente alla correzione dei problemi riscontrati. Non resta altro da fare, dunque, che attendere questi pochi giorni, e sperare che nel frattempo tutto proceda nel migliore dei modi.


Ti consigliamo anche