Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

QiLinux: la distribuzione Linux italiana

QiLinux è una distribuzione italiana sviluppata da zero. Lo scopo è di creare una distribuzione solida, sicura e di semplice utilizzo per sistemisti e semplici utenti
QiLinux è una distribuzione italiana sviluppata da zero. Lo scopo è di creare una distribuzione solida, sicura e di semplice utilizzo per sistemisti e semplici utenti
Link copiato negli appunti

Si può dire che il grosso dell'utenza Linux sia divisa in non più di dieci distribuzioni, che per opportunità offerte, mezzi di cui dispone chi la sviluppa, community e anche pubblicità che si è saputa fare è riuscita a guadagnarsi un posto di riguardo nel panorama delle distro. Tra di queste non vi è nessuna italiana, e questo dovrebbe a mio avviso far riflettere su quanto alla fine le aziende e le istituzioni italiane credano (o forse meglio abbiano creduto in passato) al software libero. Ci provò nel 2001 Made in Linux, ma per quanto fosse encomiabile il tentativo, i risultati furono piuttosto deludenti.

A distanza di qualche anno ci riprova QiNet, un'azienda torinese, con QiLinux. Da oltre due anni infatti QiLinux è una delle possibili scelte per l'utenza italiana.

Rispetto al 2001 gli obiettivi di una distro italiana possono e devono essere differenti: probabilmente allora quello di cui c'era particolarmente bisogno era una versione di GNU/Linux che fosse user-friendly e che "parlasse" allo stesso tempo italiano. Infatti non sempre era possibile trovare una manualistica aggiornata e tradotta anche nella nostra lingua e questo poteva essere un handicap per un nuovo utente. Questo problema è stato comunque risolto brillantemente dai gruppi di traduttori, dalle distribuzioni più famose, che allegano anche manuali cartacei scritti in italiano e dagli sviluppatori che hanno creato strumenti per rendere programmi e librerie facilmente multilingue.

In questa fase quello che sarebbe bello avere anche in Italia sono certamente dei punti di riferimento per utenti e istituzioni, qualcosa che dimostri quanto anche a livello locale GNU/Linux possa essere una valida scelta. Questo possa ovviamente avvenire solo con il tempo e i sostenitori del software libero si sono mossi fin dall'inizio per incentivare e diffondere quel messaggio di libertà e progresso che c'è dietro. Una distribuzione italiana in questo può dare una mano e la strada segnata da QiLinux fa ben sperare.

Si tratta di una distro che non si basa su nessuna delle preesistenti. È stata quindi costruita "from scratch" e ha come obiettivo quello di fornire una base solida, scalabile e sicura per gli utenti GNU/Linux. Come package manager adotta RPM utilizzando ovviamente i propri pacchetti. Il target della distribuzione per ora è prevalentemente quello desktop per questo una delle priorità è quella di dotare QiLinux di strumenti semplici e potenti. Un occhio di riguardo è stato dato anche al riconoscimento di hardware con il supporto a molti dei modem ADSL e con la scelta di utilizzare i driver ufficiali accelerati per le schede video NVidia e ATI.

Per incentivare l'utilizzo di Linux è nato anche il progetto QiLinux Docet, una distribuzione live studiata particolarmente per le scuole: senza dover installare nulla è possibile provare e utilizzare alcune delle applicazioni libere disponibili sotto GNU/Linux in ambito educativo, divise per categorie e accompagnate da un'interfaccia grafica decisamente piacevole.


Ti consigliamo anche