Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Presentazione di knopILS: Knoppix per l'Italia

Link copiato negli appunti

Abbiamo già visto come una delle caratteristiche fondamentali del software libero sia la riutilizzabilità del codice. Questo è stato il motivo principale che ha caratterizzato la natura collaborativa della comunità del Free Software. Capita spesso infatti che un progetto, del codice, o anche semplicemente un'idea sia presa, migliorata o adattata alle proprie esigenze. Vi abbiamo già parlato di Knoppix (cfr Articolo:Knoppix, usare Linux da CD-ROM), una distribuzione live su CD, in grado di offrire un sistema operativo completo basato su Linux.

Knoppix (ma anche altre distribuzioni come Demolinux) nascono dall'idea che sia possibile racchiudere su un CDROM tutto il software che un utente medio necessita. Ultimamente Knoppix ha avuto molto successo proprio perché pur risiedendo su un solo CD è in grado di offrire un sistema operativo GNU/Linux completo (con circa due gigabyte di programmi grazie a un'immagine compressa) e con software aggiornatissimo.

Italian Linux Society (ILS), associazione "pioniera" nel mondo del software libero in Italia, che dal 1994 promuove la diffusione del Free Software, ha avviato lo sviluppo di un progetto che ha l'obiettivo di fornire agli utenti italiani una versione modificata di Knoppix contenente soltanto software libero e che utilizzi di default la lingua italiana.

Knoppix è nato come progetto personale di Klaus Knopper, che per comodità decise di tenere tutto il software che poteva essergli utile su un CD. Pur essendo basata su Debian, distribuzione storicamente molto accorta alla distinzione tra quello che è software libero e quello che non lo è, Knopper non vi ha prestato la stessa attenzione e ha incluso anche del software proprietario, anche se gratis. Il suo interesse era infatti che Knoppix potesse essere utilizzata ovunque senza costi di licenza per il software presente.

Apprezzo molto lo sforzo fatto da Carlo Perassi, mantainer del progetto, che consente di avere una "versione" di Debian, con la stessa filosofia del progetto (molto importante a mio avviso), con pacchetti più aggiornati rispetto alla distribuzione libera per eccellenza, e in più eseguibile direttamente da CD. Inoltre l'"italianizzazione" renderebbe GNU/Linux con questa distribuzione, oltre che facile da usare (poiché non è necessario infatti installare nessun software) anche accessibile a chi non ha molta dimestichezza con l'inglese o non vuole impostare ad ogni boot la lingua italiana.

Il progetto è ancora all'inizio, e spero che l'esclusione di software non libero consenta la reintegrazione di applicazioni tolte nelle ultime versioni di Knoppix, come ad esempio GNOME. Maggiori informazioni sul sito http://knopils.linux.it/


Ti consigliamo anche