Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

GNUCash: gestiamo le finanze con Linux

Link copiato negli appunti

Tra i programmi per l'ufficio, nell'ambito del Free Software sono nati progetti di tutti i tipi: prima di tutto videoscrittura e fogli di calcolo, ma anche programmi per realizzare presentazioni o pagine web.

Uno dei programmi più avanzati disponibili per Linux è Gnucash, un software per la gestione finanziaria, di cui vi parleremo in questo articolo. Purtroppo uno dei limiti di GNU/Linux nel mondo desktop è sempre stato la mancanza di programmi per la gestione finanziaria pari a quelli disponibili nel mondo del software proprietario. Gnucash risponde alle esigenze dell'utente che vuole tener traccia del proprio bilancio personale, ma è poco indicato a un utenza aziendale e professionale. Il programma è stato ideato per seguire i criteri che stanno dietro la realizzazione di un bilancio secondo la partita doppia. Secondo questo criterio ad ogni voce tra le attività corrisponderà una analoga tra le passività. Capito il meccanismo che c'è dietro non è difficile usare Gnucash. Può essere un'ostacolo iniziare, un concetto un pò ostico da capire, ma gli sviluppatori di Gnucash comprendendo i problemi che possono incontrare gli utenti che per i bilanci personali si vogliono affidare a Gnucash hanno pensato bene di chiarire ulteriormente questo punto nella documentazione.

Gnucash, avviato nel 1997, ha visto anche nascere e morire una società, Gnumatic, che voleva basare il proprio business nella commercializzazione di questo programma finanziario. Purtroppo la società, sulla scia di altre nello stesso periodo, non fu molto fortunata e lo sviluppo di Gnucash tornò ad essere solo frutto della passione di alcuni programmatori.

Gnucash dispone anche di druid (i wizard di GNOME, al quale Gnucash appartiene) per la creazione di un nuovo "libro contabile". Il bilancio redatto da Gnucash sarà diviso in conti e sottoconti, che dovremo impostare noi a seconda delle nostre necessità. Ad esempio potremo creare dei sottoconti nel conto "Spese" per indicare tutte le passività ma allo stesso tempo suddividerle per tipo (ad esempio: affitto appartamento, bollette varie, ecc). Stesso discorso ovviamente può esser fatto per le attività in modo da tenere più ordinato il conto e inserire anche informazioni più dettagliate. La versione 1.8 ha introdotto alcune feature interessanti come la possibilità di gestire scadenze periodiche (in modo da poter fare anche previsioni sui bilanci futuri) o il pieno supporto a prestiti. Sono state anche aggiunte alcune feature per le piccole imprese come la gestione di clienti e fornitori e scadenze fiscali.

Un'ulteriore strumento particolarmente utile è quello fornito per la gestione del conto corrente e delle carte di credito. In particolare ad esempio Gnucash dà la possibilità di effettuare la cosidetta "riconciliazione del conto" cioè il confronto con l'estratto conto recapitato dalla banca, in modo da controllare eventuali errori o omissioni nel conto fatto da Gnucash. La gestione delle carte di credito è invece un pò più complessa: in caso di spese effettuate con questa forma di pagamento il programma farà risultare da subito la spesa anche se il reale pagamento, e quindi il prelievo di danaro, sarà posticipato (pur risultando avvenuta la spesa questo non influirà con i soldi disponibili).

Gnucash può risultare utilissimo anche nella gestione di conti per gli investimenti finanziari come quello per il mercato azionario e monetario o fondi comuni. Tra le peculiarità che lo rendono particolarmente interessante c'è quello che consente l'aggiornamento online delle quotazioni di borsa direttamente da Internet, consentendoci di avere sempre un quadro aggiornato dei nostri investimenti. Un'ulteriore feature è quella che consente a Gnucash di creare resoconti della situazione finanziaria utilizzando anche dei grafici.


Ti consigliamo anche