Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

GmalFS: il filesystem per Gmail

Come sfruttare gli oltre 2 GByte di spazio della posta Gmail direttamente dal proprio Linux. GmailFS trasforma lo spazio della posta di Google in un vero e proprio hard disk esterno, capiente e sempre disponibile.
Come sfruttare gli oltre 2 GByte di spazio della posta Gmail direttamente dal proprio Linux. GmailFS trasforma lo spazio della posta di Google in un vero e proprio hard disk esterno, capiente e sempre disponibile.
Link copiato negli appunti

Nel nostro articolo su ntfsprogs vi abbiamo parlato di Fuse, un progetto molto interessante per il supporto di filesystem in userspace. Un esempio di questi è proprio ntfsmount, ma non è assolutamente il solo. Ve ne sono diversi, alcuni di questi molto interessanti.

Quello di cui vi parliamo in questo articolo è GmailFS, che ha lo scopo di rendere possibile l'utilizzo di un account Gmail proprio come se fosse un dispositivo di massa sul quale si dispone di spazio. L'idea interessante è infatti quella di consentire all'utente di poter disporre degli oltre due gigabyte di spazio come se si trattasse di un filesystem in rete. Non è un sistema utilizzato solo da Linux, ne esistono diverse implementazioni, c'è addirittura un'estensione di Mozilla Firefox.

La cosa però che conferisce a GmailFS maggiori opportunità per l'utente è la sua estrema possibilità di integrazione all'interno dell'albero delle directory di Linux. Questo perché come per ogni filesystem, una volta montato, possono essere utilizzati i comandi classici come cp, ls, cat, e ogni altra applicazione che ricorra a dei file disponibili. Le possibilità d'uso sono molteplici, ad esempio si può avere in rete una copia di alcuni file (anche piuttosto grandi) da consultare in qualsiasi momento a patto di avere a disposizione un collegamento a Internet. In questo caso però la velocità di accesso ai file dipenderà non dalla velocità del supporto, come avviene per i dispositivi di massa, ma da quella della banda disponibile per la connessione a Internet.

È possibile scaricare questo programma dal sito ufficiale. Per poter utilizzare GmailFS è necessario avere installato Python 2.3, ovviamente FUSE (fuse.sourceforge.net) e libgmail (libgmail.sourceforge.net), una serie di librerie per l'accesso al servizio di Google.

Una volta scaricato e decompresso l'archivio .tar.gz dal sito copiate il file gmailfs.py all'interno di /usr/bin e mount.gmailfs in /sbin. A questo punto per ?montare? il proprio account gmail potremo usare mount con la sintassi:

mount -t gmailfs /usr/bin/gmailfs.py mountpoint -o username=utentegmail,password=passwordgmail, fsname=nome

Al posto di mountpoint metteremo il punto di mount dove poter accedere al nostro spazio, utentegmail sarà la username usata sull'account Gmail e passwordgmail la relativa password. In alternativa è possibile omettere l'opzione password che verrà quindi richiesta interattivamente. Per uno stesso account Gmail è possibile creare e utilizzare anche più di un filesystem. Questi verranno identificati dall'opzione fsname, cambiando opportunamente il valore di nome.

All'interno del pacchetto è presente anche un file dal nome gmailfs.conf che, modificandolo e copiandolo in /etc può essere utilizzato come file di configurazione per le impostazioni predefinite.


Ti consigliamo anche