Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

General Purpose Mouse

Link copiato negli appunti

Il progetto del quale vi parleremo questa settimana è una delle applicazioni più utilizzate su Linux, anche se forse per molti inconsciamente. Si tratta di gpm, General Purpose Mouse, iniziato e mantenuto fino a un paio di anni fa da Alessandro Rubini, uno dei più autorevoli sviluppatori di software libero in Italia. Si tratta di un programma che ha contribuito a rendere più "maneggevole" la console di GNU/Linux. Chi viene dal mondo Microsoft ha imparato che per ricopiare del testo basta selezionarlo col mouse, premere CTRL+C e CTRL+V nel punto scelto.

Con Linux la cosa è analoga, solo che è più semplice: basta selezionare il testo con il pulsante sinistro del mouse e incollarlo con quello centrale (nel caso di mouse a 3 pulsanti, per quelli a due bisogna premerli entrambi). Se tutto questo funziona lo dobbiamo ad Alessandro Rubini, e a gpm. Gpm è quindi un demone che si occupa di gestire i movimenti del mouse sotto console. Ma gpm non è solo "copia e incolla": tramite esso è possibile utilizzare il mouse in applicazioni come mc (Midnight Commander, il padre di gmc, Gnome Midnight Commander) di Miguel de Icaza, ora a capo di Ximian.

Quello che fa gpm è semplice e può sembrare banale, ma chi usa Linux lo utilizza tutti i giorni ed è uno strumento che semplifica molto la vita. Inoltre gpm consente di essere utile anche ai possessori di mouse che non funzionano molto bene sotto X. Tramite l'opzione -R infatti gpm è in grado di comunicare i movimenti del mouse al server X tramite /dev/gpmdata. Possono inoltre essere associati degli eventi a una determinata pressione dei tasti del mouse.

Lo sviluppo di gpm trae origine e ispirazione da "selection" di Andrew Haylett, un programma per il copia e incolla. Da allora il programma si è evoluto molto sotto la guida del nostro Alessandro Rubini. Ora il progetto è nelle mani di Nico Schottelius, ma il contributo di Rubini è sempre vivo.

Gpm è in grado di gestire un gran numero di protocolli (per un'infinità di mouse), e la documentazione è di primo livello. E' norma ormai per le distribuzioni installare e configurare gpm in modo da caricarlo già dal primo boot, ma se per puro caso non lo ritrovaste tra i programmi caricati all'avvio, allora controllate sul CD della vostra distribuzione, lo troverete senz'altro.


Ti consigliamo anche