Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Filmati FLV per il Web: compressione e codifica

Come trasformare un filmato elaborato con software per video editing tradizionali in formato Flash Video
Come trasformare un filmato elaborato con software per video editing tradizionali in formato Flash Video
Link copiato negli appunti

Scopriamo come trasformare un filmato elaborato con software per video editing tradizionali in formato Flash Video (FLV)  attraverso la ricodifica e ricompressione del file video originario.

Filmati FLV per il Web: compressione e codifica

Come abbiamo visto nell'articolo precedente dedicato alla scoperta delle proprietà dei video il formato FLV, per realizzare un file gestibile con interfacce di riproduzione create con Macromedia Flash occorre attraversare diverse fasi.

Codifica dei file

La prima fase consiste nella ricodifica di file video renderizzati in formati
classici (per esempio QuickTime, AVI, Windows Media) nel formato proprietario
di Macromedia, l'FLV.

Per chi è pratico di elaborazioni video, il procedimento in linea teorica è molto semplice: basta infatti ricodificare il file utilizzando un apposito software in grado di gestire anche l'estensione FLV. Esattamente come accade quando, per esempio, si desidera generare da un file video di grandi dimensioni un filmato più leggero da pubblicare sul Web in formato Windows Media, Real o QuickTime, anche per i video FLV occorre perciò utilizzare appositi programmi.

Nel caso specifico, esistono diverse possibilità di scelta. Sono i circolazione infatti già da tempo alcuni ottimi software che svolgono egregiamente la compressione e ricodifica dei file dai formati più diffusi a FLV in modo semplice e intuitivo.

In particolare si contano tre ottime alternative (l'elenco dei software che svolgono questa funzione è in costante aumento e, soprattutto dopo l'uscita di Flash 8, sicuramente il formato FLV diventerà uno standard de facto integrato in tutti i programmi di elaborazione video) in grado di effettuare compressioni di ottima qualità.

1) la prima e più ovvia alternativa è quella di utilizzare direttamente Macromedia Flash che, nelle versioni più recenti e dedicate ai professionisti (quelle per intenderci indicate dalla sigla PRO come Macromedia Flash MX 2004 PRO) integra un motore di compressione che permette al momento dell'importazione di un filmato di trasformarlo in un video FLV che sarà automaticamente aggiunto nella libreria del Flash in fase di elaborazione. Se il maggior vantaggio di questo sistema è l'integrazione con l'interfaccia di Flash del processo di compressione, va sottolineato come la poco intuitiva gestione dell'esportazione dei file FLV come documenti separati e un rapporto tra peso del file e qualità che, almeno fino alle versioni Flash MX 2004 Pro, non sembrano all'altezza di quelle dei file FLV generati con gli altri programmi in elenco. Con l'uscita di Flash 8, il motore di compresione e ricodifica dei video è stato notevolmente migliorato anche grazie all'integrazione di un codec proprietario che, rispetto al codec di Sorensen utilizzato in Macromedia Flash MX 2004, presenta notevoli vantaggi qualitativi.

2) Sorensen Squeeze è uno dei programmi professionali per la compressione e ricodifica dei filmati più noti. Grazie alla sua versatilità e alla solidità dei coded utilizzati, Sorensen Squeeze consente di convertire tutti i formati video più diffusi in FLV, permettendo anche una forte personalizzazione del livello di compressione. A parità di peso, la qualità dei video è superiore a quella ottenibile con Flash MX 2004 Pro anche perché il motore di compressione di Flash MX 2004 è una versione limitata proprio di quella originale utilizzato da Sorenesen Squeeze. Squeeze presenta inoltre un ulteriore vantaggio: permette di effettuare compressioni in sequenza così, per esempio, da poter impostare conversioni multiple di intere serie di video.

3) La terza alternativa è costituita da un potentissimo software gratuito che, basato su motori di compressione Open Source, permette di effettuare compressioni di filmati utilizzando un codec diverso sia da quello del nuovo Macromedia Flash 8, sia da quello impiegato nei software Sorensen. Si tratta di Riva FLV Encoder, programma che non solo riesce a gestire i formati d'origine AVI, MPEG, Quicktime, WMV, ma che si segnala per un'interfaccia grafica estremamente semplice e per una velocità di compressione davvero eccezionale.

Il software di Riva ha poi un interessante "gemello". Riva FLV Player. Si tratta di un piccolo programma, anch'esso gratuito, che svolge una funzione davvero interessante, cioè quella di riprodurre i file video FLV senza la necessità di integrarli in un filmato Flash SWF. In altre parole, installando Riva FLV Player su un PC, cliccando due volte su un file FLV possiamo visualizzarlo in una pratica finestra senza dover passare da Flash.

Va infatti ricordato che allo stato attuale i riproduttore classici di filmati non sono in grado di visualizzare il formato FLV e che, quindi, per effettuare anteprime veloci occorra dotarsi di questo strumento. Riva FLV Encoder merita un'ulteriore nota in quanto, pur trattandosi di un prodotto gratuito, viene continuamente migliorato. È significativo in questo caso notare come la versione 2.0 di Riva FLV Encoder abbia integrato, a differenza della versione precedente, la gestione dei metadata che vengono assegnati di file codificati in formato FLV. Questi metadata, che riportano informazioni sulla lunghezza e il tipo di video, sono essenziali per permettere alle componenti multimediali di Macromedia Flash di creare interfacce di riproduzione in grado, per esempio, di controllare il video tramite tasti e barre di avanzamento.

Esaurita questa breve panoramica dei software per la compressione di video FLV, va detto come l'esistenza di soluzioni esterne a Macrodmeia Flash sia una necessità che per molti versi è stata superata con l'introduzione sul mercato della versione Professional di Macromedia Flash 8. L'ultimo nato della serie Flash ha infatti enormemente sviluppato le potenzialità della gestione dei video FLV, al punto di arrivare a comprendere un'utility esterna per la conversione sequenziale di numerosi file video (funzionalità che era punto forte ed esclusiva dei prodotti Sorensen) e, come si diceva in precedenza, un coded proprietario.

La politica di Macromedia che punta alla diffusione di questo standard di video per il Web prevede inoltre la pubblicazione di plug-in per i più blasonati software di editing video, cosa che equiparerà dal punto di vista realizzativo le opportunità di generare e utilizzare file video FLV con quelle di generare AVI, MPEG, Windows Media o Real.

Una volta generati i file FLV, prima di poterli pubblicare sul Web è necessario attraversare una fase di elaborazione successiva che, al momento, è eseguibile esclusivamente attraverso l'impiego dei software Macromedia Flash delle versioni Professional. La realizzazione di cornici e riproduttori personalizzati sarà l'argomento trattato nel prossimo articolo dedicato all'esplorazione dei formati FLV.

Daniele Cerra è giornalista pubblicista, Content Manager, Progettista e-learning
e Web e Concept Designer. Il suo sito personale è http://www.danielecerra.it


Ti consigliamo anche