Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Creare un forum: 9 applicazioni web

Nove applicazioni Web per aggiungere un forum al proprio sito web: gratuite e utilizzabile direttamente da Browser
Nove applicazioni Web per aggiungere un forum al proprio sito web: gratuite e utilizzabile direttamente da Browser
Link copiato negli appunti

Anche se la conversazione online, nel suo complesso, è ormai sempre più orientata sui social network, può essere utile in alcuni casi avere uno spazio interno da associare al proprio sito, e dove indirizzare gli utenti che vogliono discutere di argomenti specifici.

Accanto ad alcuni servizi più professionali e complessi, da installare su server che abbiano determinate caratteristiche, chi è alla ricerca di soluzioni più semplici e di immediata attivazione può farsi venire qualche idea vedendo i siti che proponiamo qui di seguito.

ProBoards

ProBoards è un servizio molto utilizzato e affidabile, e che permette di andare online con il proprio forum in maniera veloce. Dopo aver deciso un nome, che poi sarà anche l’indirizzo dove raggiungerlo nella forma nome.proboards.com, si è subito online con la propria pagina.

I forum hanno la tipica struttura organizzata su tre livelli. Ci sono le Board, che hanno lo scopo di dividere tematicamente le Categorie, e queste ultime che raggruppano le Discussioni su uno stesso argomento. Board e categorie si modificano dal menu admin.

Proboards

Da qui si possono inoltre compiere tutta una serie di altre modifiche, compreso l’aspetto grafico del forum. In questo caso il procedimento è un po’ macchinoso, perché bisogna creare una nuova Skin inserendo tutta una serie di parametri a mano, poi salvarla e decidere di utilizzarla tramite un altro menu.

Il servizio è gratuito, ma ha delle versioni a pagamento per eliminare la pubblicità, altrimenti visibile su ogni pagina.

ZetaBoards

ZetaBoards è un’altra soluzione affidabile per partire velocemente con un proprio forum. In questo caso l’indirizzo è un po’ più difficile da ricordare, perché si troverà di volta in volta sotto un diverso server, identificato da “w” e un numero prima dell’indirizzo. Cosa comunque non gravissima perché comunque la gran parte del traffico si suppone provenga da un link opportunamente inserito nel proprio sito.

Di contro, il servizio offre tutti i servizi di gestione dei contenuti e grandi possibilità di personalizzazione delle pagine, ad esempio inserendo un proprio logo. La visualizzazione dei forum è quella classica, organizzata per categorie e discussioni.

Zetaboards

Qui si può inoltre trovare una directory per esplorare i forum creati dagli altri. Sono divisi in numerosi argomenti per una più facile individuazione. Il servizio è gratuito ma anche in questo caso su ogni pagina viene visualizzata la pubblicità.

Nabble

Nel caso di Nabble abbiamo un servizio un po’ diverso dall’idea tradizionale di visualizzazione di forum a cui siamo abituati. L’impostazione è più minimale, le discussioni non sono inquadrate nelle classiche tabelle ma si basano più su righe, con il profilo dell’utente a sinistra e le informazioni per interagire a destra.

Il sito fornisce poi anche funzioni diverse, come ad esempio mailing list, gallerie di foto, giornali e blog. Guardando alla parte forum, anche qui l’indirizzo su cui sarà ospitato non è proprio digeribilissimo, perché mette insieme il nome scelto con altri parametri. I comandi di gestione, comunque, sono abbastanza amichevoli.

Nabble

Non ci sono poi opzioni per modificare visivamente la struttura delle pagine, ma è interessante la possibilità di creare dei sub-forum per inquadrare e organizzare meglio gli argomenti di discussione.

Lefora

Lefora si propone come un servizio dalla grafica più accattivante. C’è anche un tentativo di proporre alcuni comandi in italiano, ma non completamente riuscito. Da sottolineare comunque che una volta creato il forum, il suo indirizzo avrà la forma nome.lefora.com.

Il servizio offre subito, in sede di registrazione, la possibilità di decidere quale debba essere la forma del proprio forum: si può optare per il tema Classic (conosciuto anche come “bulletin board”) e uno chiamato Modern, che raggruppa le discussioni in un modo più compatto e ha più informazioni statiche nella parte destra della pagina.

Lefora

Da sottolineare la possibilità di creare dei badge personalizzabili da inserire sul proprio sito, con il link diretto al proprio forum.

ForumFree

Si tratta nel caso di ForumFree di una grande comunità di forum sui più vari argomenti. L’estensione del dominio non inganna, è un servizio offerto in italiano. Vantaggio non da poco perché tutti i comandi sono quindi nella nostra lingua, sia per chi il forum lo amministra che per chi lo utilizzerà.

Per quanto riguarda la creazione di un forum, si procede con una veloce registrazione e successivamente si sceglie nome e dominio, nella forma nome.forumfree.it. Da rilevare che oltre a un forum, si può aprire un blog (nome.blogfree.net) o utilizzare un servizio per caricare immagini.

Forumfree

I forum possono essere divisi in sezioni, e molto ricche sono le opzioni di modifica dell’aspetto grafico. Nulla poi impedisce di creare un proprio forum e tenerlo poco pubblicizzato, o addirittura protetto, ma un’aspirazione può essere quella di farsi largo all’interno della comunità, per cercare nuovi utenti.

Free Forums

FreeForums è un servizio affidabile, dalla grafica chiara e semplice. Ci si registra decidendo un nome per il proprio forum (che sarà poi visibile come nome.freeforums.org) e per il proprio profilo di amministratore.

Attenzione al fatto che ci sono due pannelli di controllo, uno del moderatore e uno di amministrazione generale. A questo secondo si accede da un link in fondo alla pagina, all’interno del proprio forum e se si hanno le credenziali da amministratore.

Da qui si può ad esempio scegliere tra un gran numero di aspetti grafici, e gestire tutte le opzioni legate ai privilegi delle varie categorie di utenti. Il servizio ha anche una versione a pagamento, con l’eliminazione della pubblicità e anche la possibilità di trasferire il forum su un proprio dominio.

Freeforums

Aimoo

Anche Aimoo è un servizio molto popolare e storico nell’ambito dei forum. La registrazione è veloce e permette di partire con un proprio spazio che avrà come indirizzo nome.aimoo.com.

Subito dopo, si può scegliere un tema grafico tra i numerosi messi a disposizione. Ciascuna pagina ha anche una chat e uno spazio per le foto. Anche in questo caso si può optare per una visualizzazione classica o una che mette maggiormente in evidenza le ultime novità.

Aimoo

Il proprio forum può poi essere inserito sotto un argomento, ed essere rintracciato anche da altri membri della comunità.

Big Tent

Big Tent è un servizio leggermente diverso dagli altri, e si inserisce in una terra di confine tra l’essere un forum e un sito per gestire attività ed eventi con un gruppo conosciuto di persone.

Una volta registrati, si ha quindi la possibilità di organizzare una serie di informazioni in una pagina generale che conterrà un calendario, le news, gli eventi e le attività dei nuovi membri, oltre ovviamente al forum.

Bigtent

Quest’ultimo non ha la visualizzazione classica, ma una molto simile, con le discussioni organizzate su due livelli, opzioni di ricerca molto avanzate e quelle relative ai forum sotto l’apposita etichetta del menu superiore.

Vanilla Forums

Chiudiamo segnalando un servizio a pagamento professionale: Vanilla Forums. Permette, come caratteristica di punta,  di studiare soluzioni per migrare una propria comunità sui loro server, nel caso i propri stiano scoppiando.

Si arriva anche a soluzioni da più di 500 dollari al mese, mentre quella più economica parte da 50. In tutte ci sono funzioni molto avanzate e non c’è un limite agli utenti, salvo però un limite sulle visualizzazioni mensili delle pagine.


Ti consigliamo anche