Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Creare file di installazione per Linux

Presentazione di InstallJammer, un semplice software che permette di creare procedure di installazione personalizzate per software Linux
Presentazione di InstallJammer, un semplice software che permette di creare procedure di installazione personalizzate per software Linux
Link copiato negli appunti

Tutti sapranno che all'interno dell'universo GNU/Linux sono presenti vari tipi di pacchetti. Si passa dai .tar.gz o tar.bz2 per i formati compressi più famosi, ai pacchetti .deb ed .rpm ottimizzati e precompilati per varie distribuzioni e subito pronti all'uso grazie a gestori di pacchetti inclusi nelle distribuzioni che li utilizzano.

L'argomento che tratteremo oggi è la possibilità di creare facilmente degli installer per i nostri pacchetti su Linux ed esonerare un nostro potenziale utente dall'incarico, alcune volte gravoso, di una compilazione a mano. Scagli la prima pietra chi non ha avuto mai il timore, ai primi approcci con il sistema, di combinare qualche pasticcio o ritrovarsi in problemi sempre più grandi grazie ad una compilazione errata di un pacchetto o chi non ha mai desiderato di avere anche su GNU/Linux i classici "setup" semplici e veloci di Windows.

Bene, il tool che oggi trattiamo si chiama InstallJammer ed è capace di darci un concreto aiuto proprio su questo delicato tema.

Si tratta di un tool di installazione multipiattaforma dotato di interfaccia grafica concepito per il funzionamento su piattaforme quali Windows, Linux e Mac OS X. InstallJammer è scritto in Tcl/Tk e include numerose ed interessanti caratteristiche per la creazione guidata di un installer per i vostri software. Il risultato, poi, può essere tradotto in un un pacchetto che contiene i file compressi, utilizzati da quest'ultimo, con l'aggiunta di 1 o 2 MByte di dati binari che ospitano l'installazione guidata, i vari menu con la grafica e l'interprete Tcl.

È inoltre in grado di creare installer basati su semplici GUI offrendo anche la possibilità di includere all'interno del proprio software un tool per la disinstallazione dell'applicativo stesso.

Ma procediamo con l'analizzare più nel dettaglio InstallJammer. Alla prima esecuzione del programma ci troveremo di fronte ad un progetto vuoto e ci verrà dunque chiesto di iniziarne uno nuovo attraverso una procedura guidata. Ci verranno chiesti il nome del nostro progetto, alcune informazioni sulla versione del software e la directory principale in cui tutti i file necessari per il perfetto funzionamento di quest'ultimo sono localizzati.

InstallJammer creerà poi per noi una struttura comune al centro della finestra relativa al progetto in costruzione con tutti i passi necessari alla creazione di un perfetto installer. È possibile cambiare le impostazioni relative al vostro progetto come il nome dei pulsanti, la directory predefinita, la versione del programma e varie altre impostazioni.

Abbiamo poi l'importante possibilità di modificare il percorso di installazione del nostro programma anche per singoli file e directory. Questa caratteristica risulta utile quando abbiamo bisogno, ad esempio, di inserire i file di configurazione e di gestione dei nostri programmi all'interno della directory /etc o in qualsiasi altre parte del sistema su cui abbiamo deciso di lavorare.

Aggiungiamo inoltre che InstallJammer può essere eseguito in varie modalità: Default e Silent oltre che in quella Standard. La modalità Default accetta tutte le impostazioni sopra descritte fornendo sempre la possibilità di creazione di un nuovo installer attraverso una GUI mentre la modalità Silent creerà un installer senza interfaccia grafica e senza la necessità di interagire con l'utente.

Un'altra cosa che fa di InstallJammer un ottimo tool adatto a tutti coloro che amano divertirsi e cimentarsi nella creazione dei propri software, e dei loro installer, è la mancanza di dipendenze esterne. Ciò significa che tutti gli installer sono creati in un modo tale da non avere problemi di dipendenze da altri pacchetti.

Tra le altre caratteristiche degne di nota ricordiamo il supporto multilingue, la possibilità di cambiare o aggiungere nuovi temi, la gestione e la creazione dei propri installer anche attraverso la semplice linea di comando, l'indipendenza da qualsiasi piattaforma, creazione di setup veloci ed ottimizzati per rendere sempre al massimo e l'editing di ogni singola finestra, incluso testi, titoli ed immagini, del nostro installer.

Per avere maggiori informazioni su InstalJammer, per leggere molta altra documentazione e ricevere tante interessanti idee potete collegarvi al sito ufficiale del progetto.


Ti consigliamo anche