Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Sabayon 3.4: la distribuzione artistica

Presentazione di Sabayon, una distribuzione Linux italiana basata su Gentoo che offre una grafica d'eccellenza, molti giochi e tante applicazioni
Presentazione di Sabayon, una distribuzione Linux italiana basata su Gentoo che offre una grafica d'eccellenza, molti giochi e tante applicazioni
Link copiato negli appunti

Il suo motto è "quando l'arte incontra l'inspirazione". Una distribuzione a regola d'arte in tutti i sensi, vista la grande cura dei particolari per quanto concerne l'aspetto grafico. Stiamo parlando di Sabayon Linux, lavoro tutto italiano, che nel corso degli ultimi mesi si è imposta come la distribuzione di punta per tutti coloro che cercano la cura dei dettagli grafici in ogni angolo del proprio desktop, senza però staccarsi dall'universo GNU/Linux e della sua stabilità. Sabayon Linux è ideale per quella classe di utenti che intende avere a portata di mano la maggior parte delle applicazioni GNU/Linux. Giochi, applicazioni d'ufficio, ambienti desktop e chi ne ha più ne metta. Il tutto associato ad un buon riconoscimento hardware, alla stabilità di una distribuzione storica e collaudata come Gentoo e ad un DVD Live da 4.13 GB.

Così come la maggior parte delle distribuzioni oggi esistenti anche Sabayon può essere inizialmente utilizzata sia in modalità live, per testare appieno le reali potenzialità del sistema, sia in modalità compatta, ossia installandola staticamente sul proprio disco rigido.

Una volta avviato il DVD vi verrà mostrato il menu di boot grazie al quale possibile cosa fare del sistema. È possibile ad esempio far partire Sabayon in modalità live, scegliere di avviare un sistema minimale in grado di garantire una navigazione anonima su Internet, giocare ad un paio di giochi open source o scegliere la modalità di installazione grafica o testuale della distribuzione per installare Sabayon sul proprio sistema. Oltre a ciò è possibile avviare XsistenCE, un sistema che permette a chiunque di portare le proprie impostazioni sempre con se.

L'ultima arrivata in casa Sabayon è la versione 3.4. Questa è anche quella che ci preme analizzare in questa breve panoramica. Come abbiamo già avuto modo di anticipare, Sabayon è una distribuzione basata su Gentoo. Anche se quest'ultima è sempre stata una distribuzione non molto orientata ad un pubblico poco smaliziato, Sabayon riesce ad ereditare tutte le sue caratteristiche fondamentali aggiungendoci però una sferzata di usabilità non indifferente. Grazie al lavoro del team di sviluppo della distribuzione, infatti, è possibile sia installare che usare il sistema con una facilità disarmante.

Sabayon 3.4 si presenta al grande pubblico con il kernel in versione 2.6.22 dotato di pieno supporto alla gestione energetica di PowerTOP, migliorato supporto per tutte le varie periferiche wireless, per il filesystem Ext4 e per le varie tecnologie di virtualizzazione quali KVM, Virt-Manager e VirtualBox.

Figura 1: Il desktop di SabayonIl desktop di Sabayon

A differenza di tutte le altre distribuzioni, e grazie al suo ricco DVD, Sabayon mette a disposizione dell'utente finale una larga scelta di applicazioni. Interessante anche il lato videoludico. Tutti coloro che intendono fare del pinguino un sistema operativo completo, in tutto e per tutto, Sabayon mette fornisce una vasta scelta di giochi. Savage 2, FilighGear, DangerDeep, Warsow, Nexuiz, Torcs, Battle of Wesnoth e Second Life, tanto per fare qualche esempio. Per stimolare gli utenti alle prime armi a lasciare definitivamente il sistema operativo di casa Microsoft, Sabayon fornisce anche il supporto per la lettura e scrittura di partizione NTFS e le Wine Doors utility per installare ed utilizzare facilmente anche applicazioni Windows sul sistema operativo del pinguino.

Come detto, Sabayon cura molto il suo aspetto grafico e grazie a questa sua natura non poteva certo privarsi dei famosi desktop 3D e dei cubi rotanti. Di default vi è il pieno supporto a Compiz Fusion e a Metisse, tecnologia in versione preview utilizzata anche da Mandriva. Sotto il lato della multimedialità non sembra mancare proprio nulla. Nel DVD sono infatti presenti applicazioni audio, video e quant'altro. L'utente finale non dovrà far altro che scegliere, ha tutto a portata di mano.

Figura 2: Effetti desktop di SabayonEffetti desktop di Sabayon

Il sistema di installazione del sistema è veramente semplificato ed intuitivo. Vi è il pieno supporto hardware, la possibilità di scegliere quali pacchetti installare sul proprio sistema e alcune altre accortezze che non fanno certo male ad un utente alle prime armi.

Sabayon si base su X.Org 7.3, utilizzando anche la modalità di configurazione automatica dei Monitor, mentre come ambienti desktop predilige KDE 3.5.7 e GNOME 2.18.2. Inutile dire che è possibile utilizzare anche altri come ad esempio Fluxbox, Xfce o WindowMaker.

Sabayon non dispone di nessun pacchetto server visto che per tutti coloro che intendono utilizzare la distribuzione sulle proprie macchine di rete esiste un'altra distribuzione, più orientata in questo senso: Sabayon Business Edition.

In conclusione non possiamo far altro che rimandarvi alla lista ufficiale dei pacchetti inclusi nel DVD di Sabayon per farvi realmente rendere conto di quali applicazioni potrete avere subito a disposizione installando questa interessante distribuzione. Stando anche alle parole dei suoi autori, Sabayon 3.4 sembra essere la distribuzione più testata di sempre ed anche la più affidabile grazie al processo di testing durato ben quattro mesi. L'ultima revisione della versione 3.4 della distribuzione è la revisione F. Per effettuare il download basta portarsi sulla pagina dei mirror mentre per ricevere maggiori informazioni basta portarsi sul sito web ufficiale del progetto. Buon Sabayon a tutti!


Ti consigliamo anche