Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Puppy Linux: un Linux da 60 MByte per la penna Usb

Puppy Linux è una distribuzione Linux minimale: in soli 60 MByte troviamo programmi da ufficio, di grafica e per la navigazione in Internet
Puppy Linux è una distribuzione Linux minimale: in soli 60 MByte troviamo programmi da ufficio, di grafica e per la navigazione in Internet
Link copiato negli appunti

Avere sempre sotto mano i propri strumenti può essere una cosa molto importante. Knoppix ad esempio è nata proprio per questo: avere un sistema operativo funzionante in grado di consentire a Klaus Knopper, il suo creatore, di poter contare sempre sui propri programmi preferiti. Un CD o un DVD per quanto siano economici e capienti, non sono molto pratici da tenere sempre a portata di mano. 

Con il diffondersi delle pen drive USB è stato possibile puntare su un supporto in grado di occupare veramente pochissimo spazio, e in grado di immagazzinare un insieme variabile di dati. Oramai in commercio il formato più piccolo in circolazione è 256 MB, ma è questo uno spazio sufficiente per consentirci di usare Linux? A questa domanda può rispondervi Puppy Linux, una distribuzione che occupa appena 60 MB e vi consentirà di dare una risposta alle comuni operazioni che un utente può voler compiere con un PC. 

È in grado ad esempio di darvi tutti gli strumenti per la navigazione (al suo interno c'è infatti Mozilla Firefox) o per la posta elettronica, o anche per l'accesso a FTP. Dispone inoltre di un wordprocessor e di un foglio di calcolo veloce, leggero e efficiente come Abiword e Gnumeric, che per quanto non abbiano la ricchezza di feature di OpenOffice certamente rispondono alle esigenze di chi deve semplicemente scrivere (o leggere, in quanto supportano tutti i formati più diffusi) un testo o un foglio di calcolo.

Il Window Manager scelto è JWM, un programma estremamente leggero e in grado di far somigliare il vostro desktop Linux molto simile a Microsoft Windows. A questo contribuiscono anche Rox-filer e Uxplor, utilizzati come File manager. In 60 MB c'è posto anche per programmi per la grafica come Dia e Sodipodi, per quelli multimediali, come Gxine (basato su Xine, il famoso player multimediale, in grado di supportare un vastissimo insieme di formati), per gli editor HTML (Bluefish è uno dei migliori editor HTML liberi). 

Per riuscire a creare una distribuzione di questo tipo gli sviluppatori hanno scelto di partire da zero, senza appoggiarsi a qualcosa di già esistente. Questo di certo è stato un lavoro più complesso rispetto a quello che sarebbe stato basandosi su un'altra distribuzione (ad esempio Knoppix), ma in questo modo Puppy Linux è riuscito a dare un prodotto che ha un suo valore specifico, interessante per moltissimi aspetti. 

Da questo sono nati già diversi progetti paralleli, che aggiungono ad esempio altri programmi a discapito di un maggiore spazio occupato. Vi è ad esempio Chubby Puppy Linux, che aggiunge alla dotazione di software anche OpenOffice, a discapito di una dimensione occupata che arriva a 91 MB. Un altro progetto molto interessante è QEMU-Puppy, del quale ci sentirete probabilmente parlare nel dettaglio prossimamente, che sfrutta QEMU, l'"emulatore di PC", per consentirvi l'esecuzione di PUPPY in contemporanea ad un altro sistema operativo, anche Microsoft.


Ti consigliamo anche