Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Personalizzare Gmail con Greasemonkey e Stylish

Usare le estensioni Greasemonkey e Stylish per personalizzare l'interfaccia e le funzioni del servizio di posta elettronica Gmail
Usare le estensioni Greasemonkey e Stylish per personalizzare l'interfaccia e le funzioni del servizio di posta elettronica Gmail
Link copiato negli appunti

Fra i servizi di posta elettronica più apprezzati, Gmail è anche quello più completo da un punto di vista funzionale: con i Labs è possibile aggiungere molte funzionalità non inizialmente previste, personalizzare l'aspetto dell'interfaccia grafica, interagire con i browser grazie all'ausilio di addon. Inoltre, grazie ad applicazioni come Stylish e Greasemonkey, è possibile personalizzare profondamente alcune funzioni

In questo articolo guida vedremo come utilizzare Gmail e migliorarne le prestazioni attraverso il ricorso a due addon : Greasemonkey e Stylish. Basterà un account Google e un browser come Mozilla Firefox (ma va bene anche il browser Flock).

Installazione

Entrambi i programmi possono essere scaricati come una normale estensione di Firefox (utilizzabili anche per Flock) dal sito degli addon di Mozilla. Il primo gestisce script creati con JavaScript, che possono interessare vari servizi, come Flickr, oltre che Gmail. Il secondo è una sorta di "stilizzatore" e come recita la presentazione del prodotto permette di personalizzare l'aspetto dei siti e dell'interfaccia utente del browser, quindi anche la GUI di Gmail. Installiamoli entrambi: Greasemonkey a partire da https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/748, Stylish da https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/2108.

Dopo l'installazione, Greasemonkey viene visualizzato mediante una piccola scimmietta sulla toolbar in basso a destra del browser; Stylish invece aggiunge una scheda alla finestra degli addon. Per vederla, andiamo in Strumenti / Componenti aggiuntivi di Firefox.

Figura 1: L'icona di Greasemonkey
L'icona di Greasemonkey

Stylish

Una volta che siamo sicuri che entrambi siano attivati, attingiamo ai vari repository per installare gli script di personalizzazione. Il sito ufficiale di Stylish è una carrellata di script per ogni esigenza; nella casella di ricerca in alto a destra scriviamo "Gmail" e clicchiamo su "Search". La ricerca trova oltre 10 pagine di script.

Uno di quelli particolarmente utili è Gmail: Keyboard Shortcuts, che consente di aggiungere la descrizione dei tasti di scelta rapida accanto alle rispettive icone-azioni, così da suggerirli quando servono. Lo script si installa cliccando sul pulsante Load as user script corrispondente al proprio browser per utilizzare Greasemonkey, o cliccando sul pulsante Install with Stylish per usare questo gestore. In questo caso, si aprirà una finestra per l'aggiunta dello script a Stylish, clicchiamo sul pulsante Aggiungi.

Dopo l'aggiunta, carichiamo l'home page di Gmail e vediamo le modifiche:

Se vogliamo cambiare l'interfaccia di Gmail ispirandoci alla grafica Apple, abbiamo invece Gmail: Mac OS X Snow Leopard; installiamolo come il precedente, ma personalizziamolo ulteriormente. Quando si apre la finestra di Stylish, anziché cliccare su Aggiungi, facciamo clic su Modifica; verrà aperto il codice. Possiamo ad esempio modificare i colori, che nel codice sono rappresentati dal corrispettivo HTML (es. #fff). Aiutiamoci con una tavola per individuare il codice del colore voluto.

Figura 2: Gmail con il tema Mac OS X
Gmail con il tema Mac OS X

Individuato quest'ultimo, nella finestra di Stylish, procediamo per esempio a sostituire il colore #fff con #CC66FF, con un semplice trova e sostituisci. Applichiamo le modifiche e ricarichiamo l'home page di Gmail per visualizzare il nuovo tema.

Greasemonkey

Anche Greasemonkey ha un consistente repository di script: UserScript.org. Scegliamo qualche script su Gmail lanciando la solita ricerca e clicchiamo sul pulsante Install che avvia la finestra di Greasemonkey. Un altro clic su Installa e lo script è aggiunto alla libreria di Greasemonkey.

Fra tutti, consiglio per esempio Gmail Strikethrough Button, uno script che consente di aggiungere il carattere sbarrato all'editor di Gmail, grazie a un comodo bottone. Utile è anche GMail Without Ads che rimuove i link pubblicitari da Gmail rendendo l'interfaccia più veloce da caricare, oppure Folders4Gmail per creare sotto-etichette.

Per gestire gli script della scimmietta, clicchiamo con il tasto destro sull'icona e scegliamo dal menu Gestione script utente.


Ti consigliamo anche