Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Ajax JSP Tag Library

Libreria in cui sono presenti la maggior parte delle funzioni AJAX normalmente utilizzate in applicazioni Web. La libreria si interfaccia benissimo con un linguaggio server side come JSP. Nell'articolo vediamo il funzionamento e qualche esempio.
Libreria in cui sono presenti la maggior parte delle funzioni AJAX normalmente utilizzate in applicazioni Web. La libreria si interfaccia benissimo con un linguaggio server side come JSP. Nell'articolo vediamo il funzionamento e qualche esempio.
Link copiato negli appunti

Fare delle applicazioni utilizzando le tecniche AJAX, come abbiamo già visto nell'articolo su Ajax e JSP, non è una cosa particolarmente difficile. Certo è che per poter disegnare un'applicazione del genere è richiesta, oltre alla conoscenza del linguaggio lato server (nel caso di J2EE, jsp e servlet), anche la conoscenza di AJAX e di JavaScript.

In aiuto a quanti, per questioni di tempo, non possono dedicarsi all'apprendimento di javascript, viene il progetto opensource AJAXTags, disponibile su Sourceforge.

Si tratta di una libreria in cui sono presenti le principali funzioni Ajax, quelle che maggiormente vengono implementate nelle applicazioni web. Attraverso l'uso di custom tag è possibile implementare queste funzioni, limitandosi a progettare le pagine JSP e i relativi dati con cui popolarle.

La presenza di librerie javascript già pronte, e dei custom tag, che trasformano la funzione in codice HTML pronto all'uso, limita la necessità di conoscere il linguaggio client side.

Funzioni

Una lista delle principali funzioni attualmente disponibili (versione 1.3):

  • Autocompletamento: vengono mostrati i suggerimenti, durante la scrittura di un modulo di input (ad esempio un modulo di ricerca);
  • Chiamata a link esterno: viene inserito in un elemento di pagina, il contenuto di una pagina esterna (caricamento dinamico);
  • Rimpiazzo elementi HTML: trasformare gli elementi di una pagina in maniera dinamica;
  • Portlet: creare delle interfacce stile portlet;
  • Modifica dinamica di moduli select: modifica dei valori di un campo select in base alle scelte effettuate su un altro campo select;
  • Pannelli Tab: creazione di pagine dinamiche in forma di Tabbed Panel;
  • Effetto accensione/spegnimento (toggle): utilizzo di immagini per simulare l'effetto di una funzione già effettuata (ad esempio votare una risorsa);
  • Struttura ad albero: creare una struttura ad albero e permettere la navigazione.

Per sviluppare funzionalità più specifiche, relative alle esigenze delle applicazioni, sarà necessario sviluppare delle proprie librerie, utilizzando in questo caso Javascript.

Installazione ed uso

Per poter utilizzare queste librerie sarà necessario avere un web container (Tomcat, come al solito va più che bene), per l'elaborazione lato server, di JSP, e la JDK utilizzata deve essere almeno la versione 1.5.

Lato client, è sempre bene ricordarsi, che la tecnologia AJAX è browser dependent, quindi funziona con i più moderni browser.

Dopo aver scaricato e compattato, inserendo la libreria ajaxtags.jar sotto la WEB-INF/lib e copiando le librerie javascript (la cartella js) a livello della web application, siamo pronti ad usare i tag AJAX.

Il generico caso di utilizzo prevede la creazione di una (o più) vista, le pagine JSP e di un controller, una servlet (o un'altra JSP, in base al vostro modello di sviluppo). La creazione degli script Javascript viene effettuata dai diversi custom tag che andremo ad utilizzare.

Figura 1. Diagramma componenti
Diagramma componenti

Le viste conterranno il link agli script javascript, il Tag Library Descriptor e tutti i custom tag di cui avremo bisogno.

Alla fine, il risultato sarà quello di aver prodotto una pagina html con i gestori di eventi javascript (onclick, onmouseover, ...) collegati alle funzioni AJAX contenute nei file .js.

Come supporto alla creazione della servlet si può estendere (cosa opportuna per aderire al meglio al framework) la classe org.ajaxtags.servlets.BaseAjaxServlet, che a sua volta eredita da HttpServlet.

Di questa classe bisognerà ridefinire il metodo astratto getXmlContent() che ha il compito di restituire il codice XML atteso dalla funzione.

Inoltre, gli sviluppatori hanno previsto delle classi helpers, utili al fine di popolare con maggiore facilità proprio le risposte XML, che in genere sono il risultato di una elaborazione che da vita ad una struttura dati (in genere una Collection).

Il codice XML verrà interpretato dal parser javascript che svolgerà quindi la funzione AJAX attesa.

Listato 1. Codice XML che verrà interpretato dal parser JavaScript

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<ajax-response>
    <response>
        <item>
            <name>Record 1</name>
            <value>1</value>
        </item>
        <item>
            <name>Record 2</name>
            <value>2</value>
        </item>
        <item>
            <name>Record 3</name>
            <value>3</value>
        </item>
    </response>
</ajax-response>

Il listato mostra la generica struttura xml attesa in risposta ai tag. Gli utenti avanzati potranno chiaramente costruire la struttura XML più adatta alla propria web application, creando il relativo parser javascript per l'interpretazione.

Esempio

Vediamo con un semplice esempio come sia immediato realizzare qualche funzionalità AJAX inserendo all'interno delle pagine JSP i custom tag relativi alle funzioni.

Listato 2. Esempio d'uso di AjaxTags

//esempio.jsp
<%@taglib uri="http://ajaxtags.org/tags/ajax" prefix="ajax" %>
<html>
<head>

<title>AjaxTags: istruzioni per l'uso</title>

<!--
Carichiamo tutte le librerie, anche se non verranno usate tutte
-->

<script type="text/javascript" src="./js/prototype.js"></script>
<script type="text/javascript" src="./js/scriptaculous.js"></script>
<script type="text/javascript" src="./js/overlibmws.js"></script>
<script type="text/javascript" src="./js/ajaxtags.js"></script>

</head>
<body>

<!--
target, indica l'elemento dentro il quale caricare la risorsa
puntata dal link (conta.jsp, ma potrebbe essere una servlet).
-->

<ajax:anchors target="TARGET">
    Clicca il link per vedere cosa si nasconde... <a href="./conta.jsp">CLICCA!</a>
</ajax:anchors>

<!--
Elemento dentro il quale verrà mostrato il contenuto
-->

<div id="TARGET" style="border:1px solid black; padding:5px 5px 5px 5px;"></div>

</body>
</html>

Il tag ajax:anchors, con il target valorizzato ad un elemento della pagina, farà in modo che la pagina conta.jsp, al clic verrà caricata all'interno di quell'elemento. Alla fine, l'elemento di diversità è quello di inserire dei tag aggiuntivi che esprimono delle funzionalità ben specifiche.

E così sarà per i moduli di ricerca che si modificano dinamicamente in base alle scelte, i pannelli a forma di tab e tutti gli altri tag che abbiamo citato.

Nei casi in cui è prevista un'elaborazione, sarà però necessario a restituire i dati formattati secondo quanto le funzioni si attendono.

Conclusioni

La facilità d'uso di un framework come quello presentato, limita evidentemente la possibilità di sviluppo di applicazioni particolari.

Attraverso il progetto opensource qui presentato potrete però iniziare con immediatezza a provare delle funzioni AJAX senza dover guardare minimamente una riga di codice javascript.

Sicuramente le future versioni saranno migliorate, in base al feedback e alle modifiche continue al progetto. Attualmente la documentazione fornita, dal punto di vista tecnico, è insufficiente, ma comunque è un buon punto di inizio per chi volesse iniziare ad avere a che fare con interfacce dinamiche ed applicazioni più carine da utilizzare.


Ti consigliamo anche