Server a pagamento: hosting e housing

Utente HTML.it
chiede

Server a pagamento: hosting e housing

Redazione HTML.it
risponde

L’iter di molti siti Web è comune: iniziare pubblicando le pagine su un server gratuito (Xoom, Tripod, Digiland ecc.) e finalmente sentire l’esigenza di un dominio proprio. Ma quali sono i vantaggi di un dominio a pagamento? Cerchiamo di elencare i più evidenti:

  • un domino corto del tipo www.tuonome.com è più facile da ricordare di un anonimo www.comunita/categoria/tuonome;
  • un dominio di secondo livello (www.tuonome.com) ha inevitabilmente maggior considerazione di un sito ospitato da comunità virtuali. Quindi è più facile ottenere recensioni da giornalisti ed accordarsi per partnership;
  • un server commerciale elimina alcune preclusioni tipiche degli spazi gratuiti: è possibile fare pubblicità a pagamento, sfruttare lo spazio a fini commerciali, rivendere servizi ecc.
  • un buon server a pagamento garantisce maggior qualità del servizio e affidabilità.

Tutte queste buone ragioni sono bilanciate dai costi di gestione che partono da poche centinaia di migliaia di lire, fino ad arrivare a decine di milioni l’anno.

Nel momento in cui si decide di comprare uno spazio commerciale per il proprio sito ci si trova di fronte moltissime offerte e prezzi diversissimi tra loro. Le terminologie adottate spesso risultano incomprensibili e non è raro venire raggirati proprio per l’inevitabile inesperienza. Ma qual è la ragione di questa giungla dei prezzi e dei servizi? In realtà esistono diverse ragioni che spingono il mercato verso la confusione. Questo articolo tenta di fare il punto della situzione per guidarti nell’acquisto di un buon servizio e, soprattutto, per evitarti brutte sorprese o false speranze.