Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Trigger in MySQL 5

Cosa sono, a cosa servono e come si creano i Trigger in MySQL 5: codici di esempio e suggerimenti per l'utilizzo pratico
Cosa sono, a cosa servono e come si creano i Trigger in MySQL 5: codici di esempio e suggerimenti per l'utilizzo pratico
Link copiato negli appunti

MySQL 5.0 ha visto l'ampliamento del supporto per lo standard ANSI per le query con l'introduzione di varie funzionalità avanzate. Come è stato illustrato nell'articolo dedicato alle novità di MySQL 5, una di queste funzionalità è rappresentata dai trigger che saranno l'oggetto di questo articolo.

Brevemente i trigger, cui è stata dedicata anche una lezione della nostra guida MySQL, permettono di applicare un controllo sull'integrità dei dati inseriti, di verificarne la correttezza ed eventualmente di modificarli. Prima di essere utilizzati i trigger devono essere dichiarati mediante apposita query. Vedremo anche degli esempi concreti, ma prima di tutto scopriamone la sintassi.

Sintassi

La dichiarazione di un trigger si presenta in questo modo:

CREATE TRIGGER nome_del_trigger
{ BEFORE | AFTER }
{ INSERT | UPDATE | DELETE }
ON nome_della_tabella
FOR EACH ROW
codice_SQL_da_applicare_con_il_trigger

Come possiamo vedere si contano 6 sezioni corrispondenti ognuna ad una linea della dichiarazione: analizziamole una per una.

La prima linea indica il nome del trigger che stiamo creando. Non possono esistere due trigger con lo stesso nome in un solo database visto che lo scope del trigger stesso è relativo all'intero database e non alla singola tabella di riferimento. Il nome, analogamente ai nomi di tabella o di database, deve essere lungo al massimo 64 caratteri ed è consigliabile inserirlo tra backtick (``, cfr. la sezione della guida PHP) per evitare di riscontrare errori sull'uso di spazi o di caratteri non ASCII.

La seconda linea determina il tempo di esecuzione del trigger che stiamo definendo in base al momento di applicazione. Un trigger infatti può agire prima dell'esecuzione vera e propria della query oppure dopo, ed essere quindi rispettivamente definita come AFTER o BEFORE. Vedremo più avanti cosa questo comporta.

La terza linea introduce il tipo di query SQL che genererà l'esecuzione del trigger. La query può essere solo di tipo esecutivo quindi INSERT, UPDATE, DELETE ma non SELECT. In base al tipo di query ci troveremo a poter intervenire sul record già presente nel database (nel caso ad esempio di una query UPDATE o DELETE) oppure sul record nuovo che andremo ad inserire o a sostituire (query UPDATE o INSERT). Da notare che INSERT non rappresenta soltanto le query di tipo INSERT, bensì tutte le query che inseriscono dati ex-novo come LOAD DATA o REPLACE in caso di un record nuovo. Allo stesso modo vanno interpretati UPDATE e DELETE.

La quarta linea specifica la tabella da monitorare per attivare il trigger. Come ricordato prima l'associazione del trigger alla tabella non lo crea nello scope della tabella stessa bensì in quello generale del database. È comunque possibile avere un solo trigger attivo per lo stesso tipo di query sulla stessa tabella.

La quinta linea illustra l'individualità del trigger che infatti si applica ad ogni riga singolarmente e non a tutta la tabella nel suo insieme. Questo significa ad esempio che una cancellazione di massa avvia tanti trigger quante sono le righe interessate dalla stessa.

La sesta linea infine rappresenta il codice SQL da eseguire all'attivazione dell'evento, considerato come l'insieme di tipo di query, tempo di esecuzione e tabella associata legato ad esso. Il codice SQL utilizzabile presenta una serie di controlli di flusso (in tutto simili a quelli dei vari linguaggi di programmazione) che accenneremo nel prossimo paragrafo e che saranno approfonditi in un prossimo articolo sulle stored procedures.

Il codice da eseguire

Il codice SQL da eseguire all'attivazione del trigger deve essere una singola istruzione seguita da punto e virgola, anche se in realtà le istruzioni possono essere in numero superiore ma ognuna di esse deve necessariamente terminare con il punto e virgola.

L'istruzione fondamentale nel blocco di codice eseguito dal trigger è SET. Tramite questa istruzione possiamo infatti modificare i valori da inserire in un campo o impostare delle nostre variabili (entrambi i casi sono esemplificati più avanti).

Il codice da eseguire dovrebbe essere un monoblocco, e cioè una singola istruzione. Per coniugare questa esigenza con il bisogno di codici più complessi della singola riga si introduce l'uso di blocchi logici BEGIN/END simili a quelli utilizzati in Pascal. Tutto quello compreso tra il begin e l'end verrà interpretato come una singola istruzione.

Poichè ogni istruzione deve terminare con un punto e virgola, esso non potrà essere utilizzato come delimitatore per terminare la query: per questo si usa il comando DELIMITER seguito dal carattere o sequenza di caratteri da interpretare come separatore tra query diverse.

Altre istruzioni utilizzabili sono IF/THEN/ELSE, CASE, WHILE, REPEAT, LOOP, LEAVE e saranno trattate più approfonditamente in un articolo futuro.

Esempi di utilizzo

Vediamo due esempi pratici abbastanza semplici di cosa si possa ottenere con i trigger: somma statica e controllo dei dati inseriti in una tabella.
Ipotizziamo quindi di avere a disposizione la seguente tabella:

CREATE TABLE prodotti (ID INT, Nome VARCHAR(255), Qta INT, Prezzo DECIMAL(10,2));

Tramite la funzione SUM() di MySQL è possibile ottenere una sommatoria di uno specifico campo di una tabella, in questo caso ad esempio è possibile conoscere la quantità totale di merce presente tramite questa query:

SELECT SUM(Qta) FROM prodotti

In alcuni sistemi sono applicati degli approcci di caching per evitare di eseguire una simile query ogni volta che ce ne sia bisogno, ad esempio VBullettin (il software che con cui è gestito il Forum di Html.it) salva nella tabella del database anche il numero complessivo di messaggi aggiornando tale dato ad ogni inserimento o cancellazione. È possibile ottenere qualcosa del genere anche con i trigger: basterà definirne uno per ogni tipo di query in questo modo:

CREATE TRIGGER prodotti_insert_somma
BEFORE INSERT ON prodotti
FOR EACH ROW SET @somma = @somma + NEW.Qta;

CREATE TRIGGER prodotti_delete_somma
BEFORE DELETE ON prodotti
FOR EACH ROW SET @somma = @somma - OLD.Qta;

CREATE TRIGGER prodotti_update_somma
BEFORE UPDATE ON prodotti
FOR EACH ROW SET @somma = @somma – OLD.Qta + NEW.Qta;

Nella variabile @somma troveremo la somma aggiornata dei prodotti presenti nella tabella. Sarà sufficiente eseguire una query del tipo:

SELECT @somma FROM prodotti

Questo stratagemma permette di velocizzare l'operazione di richiesta snellendo le operazioni di accesso in scrittura al database.

Un'altra applicazione di largo uso dei trigger è data dal controllo della correttezza dei valori inseriti nel database: potremmo avere un campo i cui valori possono oscillare tra un massimo e un minimo. Il controllo potrebbe essere fatto a priori tramite il linguaggio di programmazione oppure a posteriori tramite una query di UPDATE che aggiorni i record con correggendo eventuali errori,
o, ancora meglio, potrebbe essere impiegato un trigger:

DELIMITER //

CREATE TRIGGER prodotti_insert_controllo
BEFORE INSERT ON prodotti
FOR EACH ROW
BEGIN
IF NEW.prezzo < 0 THEN
SET NEW.prezzo = 0;
END IF;
IF NEW.prezzo > 1000 THEN
SET NEW.prezzo = 1000;
END IF;
END; //

CREATE TRIGGER prodotti_update_controllo
BEFORE UPDATE ON prodotti
FOR EACH ROW
BEGIN
IF NEW.prezzo < 0 THEN
SET NEW.prezzo = 0;
IF NEW.prezzo > 1000 THEN
SET NEW.prezzo = 1000;
END; //

DELIMITER;

In questo esempio vengono eliminati i prezzi inferiori a 0 o superiori a 1000 sostituendoli rispettivamente con il valore 0 e con il valore 1000.

La cancellazione

Così come è possibile creare un trigger tramite una query, sempre tramite una query sarà necessario cancellarlo eseguendo una query DROP:

DROP TRIGGER [database.]nome_del_trigger;

Bug conosciuti

Al momento per MySQL 5.0 il supporto per i triggers ha qualche “bug” conosciuto giustificato dall'introduzione recente, tanto è vero che con MySQL 5.1 alcuni di essi sono stati risolti. Tra questi:

  • È necessario essere superuser (root) per creare un trigger.
  • I trigger non vengono attivati dalla cascata di eventi legati alle foreign keys.
  • Se passate da una versione precedente ad una successiva alla 5.0.10 dovrete cancellare tutti i trigger, aggiornare MySQL e quindi ricrearli per non aver il problema di non riuscire più ad eliminarli.
  • Le versioni precedenti alla 5.0.10 non permettono di eseguire trigger che contengano all'interno del codice SQL delle query vere e proprie.
  • Nel codice SQL di un trigger non è possibile gestire transazioni.


Ti consigliamo anche