Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

FLV, editing avanzato

Panoramica su alcuni tool, tra i più importanti, per l'editing avanzato di file FLV
Panoramica su alcuni tool, tra i più importanti, per l'editing avanzato di file FLV
Link copiato negli appunti

In un precedente articolo abbiamo analizzato quali flussi di lavoro possano portare a generare in maniera rapida e immediata dei video in formato FLV evitando di passare da formati e codifiche intermedie. Sia che abbiamo registrato un file in diretta da una videocamera collegata al PC, sia che si tratti di uno screencast o di un file FLV scaricato dal Web o realizzato da colleghi o amici, ci sono casi in cui è necessario apportare delle piccole modifiche o delle elaborazioni più complesse al filmato.

Nonostante l'alto livello di integrazione tra i programmi della suite CS3 pensati per il montaggio video e la gestione di effetti speciali come Premiere Pro CS3 e After Effects CS3 con il formato video Flash, si nota in realtà come il supporto nativo di queste due applicazioni al contenitore video FLV sia limitato alla fase di rendering, in altre parole è possibile esportare un filmato in FLV ma non "leggerlo" e lavorarlo.

Questa incompatibilità genera non pochi problemi al momento di effettuare anche minime modifiche ai documenti FLV già realizzati. Poiché, infatti, sia After Effects sia Premiere non permettono l'importazione tra i footage di file FLV occorre adottare strade alternative per poter effettuare del post processing.

Conversione intermedia

La prima soluzione che viene solitamente adottata, quando occorre lavorare su un formato video particolarmente "complesso", consiste nel convertire il documento in un altro formato video. Per ottenere questa finalità si possono perseguire diverse strade. La prima (apparentemente più semplice) è quella che consiste nell'utilizzo di un software in grado di convertire il file FLV in altro formato.

Se, come abbiamo visto, le alternative professionali sono praticamente inesistenti, si deve però trovare un sistema che svolga questa funzione. Uno dei software più apprezzati che meglio riesce a gestire le conversioni bidirezionali, da e verso formati FLV, è sicuramente il freeware Super (scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale). Questo software vanta funzionalità davvero sorprendenti e, nonostante la miriade di formati che è in grado di gestire e le configurazioni di livello avanzato che si può scegliere di adottare, è relativamente semplice da usare, cosa che lo rende consigliabili se non ai veri e propri novizi "dell'arte dei codec video" almeno agli iniziati dell'argomento.

Per chi non volesse, o non potesse, installare un software sul computer che ha a disposizione in quel momento, una soluzione alternativa è costituita dai convertitori on-line. Questa seconda alternativa per la conversione gratuita porta con sé i vantaggi dell'ubiquità dell'applicazione (di fatto la si può effettuare da ogni computer collegato in rete) e la semplicità d'uso, ma si rivela sicuramente meno performante e pratica nel caso di conversioni di file di grandi dimensioni o di serie di filmati multipli e decisamente sconsigliata per chi ha l'esigenza di controllare i parametri di codifica. Una volta convertito il documento FLV in altro formato, lo si potrà più agevolmente manipolare con programmi di video editing (per esempio Windows Movie Maker preinstallato su tutti i sistemi operativi Windows) per poi riconvertirlo nuovamente in FLV utilizzando gli stessi strumenti o i sistemi di esportazione dei software di editing utilizzati. Pare scontato però considerare la conversione multifase (da e verso) del formato FLV poco conveniente se si desidera utilizzare questo contenitore come file di base per successive elaborazioni di qualità elevata.

Editing diretto

L'editing diretto di file FLV è, per i motivi indicati in precedenza, la soluzione senza dubbio più pratica e veloce per modificare contenuti video. Anche in questo caso, tuttavia, occorre capire quali software fanno al caso nostro. Se per il mondo Mac l'universale Perian può rappresentare una soluzione interessante per trasformare Quick Time Pro in un editor di file FLV, per il mondo dei PC esiste un plugin pensato appositamente per permettere ad Adobe premiere Pro di importare agevolmente file FLV al pari di molti altri formati.

Questo plugin, chiamato senza particolari sforzi creativi FLV Importer, è acquistabile e scaricabile in versione di prova. Il plugin appena citato è teoricamente la soluzione perfetta per chi desidera effettuare del post processing sui video FLV, teoricamente perché messo alla prova ha dimostrato di avere qualche difficoltà di installazione su alcuni sistemi operativi su cui è installato Premiere Pro CS3. Poiché però è disponibile anche la demo perfettamente funzionante del software, prima di acquistarlo si può provare a installarlo e verificare l'esistenza di eventuali incompatibilità.

Detto questo, la soluzione probabilmente più efficace per gestire un certo tipo di modifiche ai video FLV come il taglio e, con un po' di pratica, il montaggio non lineare o addirittura il doppiaggio della traccia audio è costituita da una soluzione gratuita: RichFlv, un programma scritto per Adobe AIR (quindi ne richiede la presenza sul proprio sistema operativo) che gestisce in maniera ottimale i flussi video di un file FLV.

Figura 1. Screen di RichFLV
Screen di RichFLV

Una volta aperto un file video FLV con RichFLV possiamo applicare una serie di funzionalità che riguardano la selezione e il ritaglio di parti del file video.

Nel caso volessimo estrarre una sezione di un video, sarà sufficiente visualizzarlo nella finestra principale e utilizzare i marcatori sotto la finestra di anteprima per indicare il punto di inizio e di avvio della sezione. Al momento del salvataggio del file non verrà applicata nessuna riconversione video, cosa che di fatto rende immediato il taglio delle clip.

Con un po' di fantasia e pazienza, si può anche effettuare un montaggio non lineare. Salvando in successione le diverse clip estratte da un unico o più file FLV, li si potrà sommare e ricombinare non linearmente, anche in questo caso senza la ricodifica, semplicemente utilizzando l'importazione multipla e il salvataggio del file.

RichFLV presenta inoltre diverse altre potenzialità molto interessanti come la possibilità di estrarre l'audio da un file FLV o di gestire i CuePoint assegnati al momento dell'importazione di un file video all'interno di Flash.

Pur non trattandosi sicuramente di un prodotto maturo e completo, RichFLV è la soluzione perfetta per quelle attività di taglia e cuci al volo che altrimenti richiederebbero passaggi e ricodifiche lunghe e complesse.

In definitiva, pur non essendoci all'orizzonte una soluzione di editing per file FLV completa e convincente, pare scontato come visto il successo di questo formato si debba per forza di cose attendersi dagli sviluppatori di programmi di montaggio e post produzione video la pubblicazione di software adeguati alle richieste del mercato. Per il momento le alternative presentate in questo articolo permettono una gestione relativamente agevole dell'editing video di filmati FLV.

Daniele Cerra è giornalista e progettista di sistemi di comunicazione multimediale Web 2.0.


Ti consigliamo anche