Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Russia-Ucraina: la minaccia della cyberwar è globale

Oggi, 24 Febbraio la minaccia russa tanto scongiurata è diventata realtà. Non solo armi da fuoco; nel XXI la guerra è, soprattutto, digitale.
Oggi, 24 Febbraio la minaccia russa tanto scongiurata è diventata realtà. Non solo armi da fuoco; nel XXI la guerra è, soprattutto, digitale.
Link copiato negli appunti

La Russia ha inviato più di 100.000 soldati al confine della nazione con l'Ucraina, minacciando una guerra diversa da qualsiasi cosa l'Europa abbia visto negli ultimi decenni. Ed oggi, 24 Febbraio 2022 la minaccia tanto scongiurata è diventata realtà.

Non solo armi da fuoco; nel XXI secolo la guerra è, soprattutto, digitale.

Gli attacchi

Già dalle scorse settimane, gli hacker hanno deturpato dozzine di siti web governativi in Ucraina, un atto tecnicamente semplice ma che attira l'attenzione. Più silenziosamente, hanno anche inserito un malware distruttivo all'interno delle agenzie governative ucraine, un'operazione scoperta per la prima volta dai ricercatori di Microsoft.

Non è ancora chiaro chi sia il responsabile, ma la Russia è il principale sospettato. Ma, mentre l'Ucraina continua a subire il peso degli attacchi della Russia, il governo e gli esperti di sicurezza informatica temono che queste offensive di hacking possano diffondersi a livello globale.

Quello che più spaventa gli esperti è la minaccia verso Europa, Stati Uniti ed alleati.

Il 18 gennaio, la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) degli Stati Uniti avvertì gli operatori delle infrastrutture critiche di adottare "passi urgenti a breve termine" contro le minacce informatiche.

L'agenzia ha anche indicato due attacchi informatici del 2017, NotPetya e WannaCry, che sono entrambi sfuggiti al controllo dei loro obiettivi iniziali, si sono diffusi rapidamente su Internet e hanno avuto un impatto sul mondo intero per un costo di miliardi di dollari.

I parallelismi sono chiari. NotPetya è stato un attacco informatico russo contro l'Ucraina durante un periodo di alta tensione.

Le operazioni informatiche aggressive sono strumenti che possono essere utilizzati prima che proiettili e missili volino. Per questo esatto motivo, è uno strumento che può essere utilizzato contro gli Stati Uniti e gli alleati man mano che la situazione peggiora ulteriormente. Soprattutto se gli Stati Uniti e i loro alleati assumono una posizione più aggressiva contro la Russia

afferma John Hultquist, capo dell'intelligence per la società di sicurezza informatica Mandiant.

Cyberwar: ecco perché è una minaccia globale

Sembra sempre più possibile. Durante una conferenza stampa del 19 gennaio, il presidente Joe Biden dichiara che gli Stati Uniti potrebbero rispondere ai futuri attacchi informatici russi contro l'Ucraina con le proprie capacità informatiche. Ciò aumenterebbe ulteriormente lo spettro della diffusione del conflitto.

"Suppongo che si trasferirà", afferma sicuro Biden quando gli è stato chiesto se pensava che il presidente russo Vladimir Putin avrebbe invaso l'Ucraina.

Parole che fanno riflettere alla luce del recente attacco di questa mattina.

Ti consigliamo anche