Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Il multitasking di Chrome funziona meglio se hai uno schermo grande

Google si dimostra attenta alle esigenze degli utenti di smartphone pieghevoli e tablet migliorandone l'esperienza di navigazione con Chrome.
Google si dimostra attenta alle esigenze degli utenti di smartphone pieghevoli e tablet migliorandone l'esperienza di navigazione con Chrome.
Link copiato negli appunti

Google Chrome è attualmente il browser più utilizzato nel panorama internazionale, forte dell’indirizzamento che la casa di Mountain View riesce a dare all’evoluzione degli standard web. L’obiettivo principale del team di sviluppo è garantire un’esperienza d’uso ottimale indipendentemente dal device e dal sistema operativo usati, fissi o mobili.

Gli utenti di smartphone e tablet richiedono costantemente un miglioramento in termini di efficienza e versatilità del browser Chrome, cercando di raggiungere una tipologia d’uso la più possibile vicina a quella desktop.

Per cercare di dare un riscontro a tale esigenza, gli sviluppatori di Chrome hanno cercato di aggiungere funzionalità capaci di migliorare in special modo il multitasking, tenendo in particolare considerazione i dispositivi dotati di display più ampi, come smartphone pieghevoli e tablet.

L’aggiornamento Android 12L prevede la possibilità di aprire e gestire più finestre di Chrome in contemporanea grazie al multitasking, tenuto conto dei limiti di memoria e delle capacità di calcolo del dispositivo in uso. I feedback sono stati positivi, in quanto gli utenti hanno potuto tenere aperte sino a cinque istanze del browser disposte fianco a fianco, migliorando così l’usabilità e la produttività personale.

Le analisi del team di Google hanno confermato l’apprezzamento degli utenti, rilevando che l’opzione di istanza multipla dell’app Chrome è stata utilizzata maggiormente su tablet e dispositivi pieghevoli in una percentuale pari a un incoraggiante 42%. Dunque i possessori di apparecchi di grandi dimensioni hanno particolarmente apprezzato la novità introdotta dal gruppo di sviluppo di Google Chrome, potendo gestire in modo più flessibile la divisione dello schermo e il passaggio pressoché immediato da una scheda a un’altra.

Ti consigliamo anche