Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Grave falla di sicurezza di Chrome

Nuova falla in Google Chrome in grado di compromettere la sicurezza degli utenti.
Nuova falla in Google Chrome in grado di compromettere la sicurezza degli utenti.
Link copiato negli appunti

La sicurezza durante la navigazione web è prioritaria per qualsiasi utente, indipendentemente dal fatto che si svolgano attività di carattere personale o professionale. Occorre pertanto essere certi di potersi affidare a browser in grado di aggiornarsi con la dovuta frequenza per garantire il livello massimo di protezione per quanto concerne la tutela della privacy e di dati sensibili.

Google Chrome è il browser attualmente più utilizzato a livello mondiale ed è pertanto anche fra quelli presi maggiormente di mira dagli attacchi di cyber criminali. Versioni del browser di Google a parte, resta il fatto che le minacce siano sempre dietro l’angolo e con frequenza elevata si scoprono falle potenzialmente usabili da criminali informatici.

Una delle ultime falle in Google Chrome appartiene alla cosiddetta categoria zero-day, in quanto è stata individuata prima dagli hacker che dal team di sviluppo interno, rendendola prioritaria in termini di correzione e risoluzione al fine di proteggere quanto prima gli utenti sparsi in tutto il mondo. È stata codificata come CVE-2022-0609 ed è una vulnerabilità a livello di esecuzione di codice da remoto, tale da permettere una eventuale diffusione di exploit.

Il reparto di Google deputato allo sviluppo di Chrome è già corso ai ripari rilasciando la versione 98.0.4758.102 del programma di navigazione, la quale ha anche la funzione di correggere altre sette falle. Resta il fatto che la vulnerabilità CVE-2022-0609 essendo di tipo zero-day è quindi già in grado di essere sfruttata da aggressori informatici.

La versione tesa alla risoluzione di questo problema per quanto concerne la sicurezza di Chrome è dunque già disponibile, pertanto è consigliabile scaricarla manualmente quanto prima, nel caso non venisse proposta quale aggiornamento automatico consigliato.

Ti consigliamo anche